Condividi, , Google Plus, Pinterest,

Stampa

Posted in:

Women in Tech al Web Summit 2018: intervista al CMO di Booking.com

Women in Tech

Women in Tech al Web Summit 2018: continuiamo la nostra intervista a Pepijn Rijvers

Continuiamo a parlare di “Women in Tech Program” con Pepijn Rijvers, CMO di Booking.com.

Se ti sei perso la prima parte dell’intervista, clicca qui.

Le donne che prendono parte a questa iniziativa, vengono seguite anche dopo l’evento?

Non abbiamo nessun meccanismo per monitorare cosa facciano gli studenti dopo le loro sessioni con i mentor.

Alcune studentesse hanno già avviato iniziative di startupping, altre sono ancora nella fase delle idee, mentre altre ancora stanno ancora percorrendo un percorso di carriera all’interno di aziende più consolidate. Quindi c’è una vera diversità in questo gruppo fin dall’inizio e ognuno sceglierà poi il proprio percorso professionale.

Speriamo che le partecipanti rimangano in contatto con i loro mentor e che il Web Summit incoraggi tutti i partecipanti ad unirsi al Gruppo Women in Tech su Facebook, dove le donne possono condividere informazioni, esperienze e utilizzare il gruppo come una rete informale.

Gillian Tans ha dichiarato al Web Summit che:

“Siamo fermamente convinti che la diversità di genere sia la chiave per costruire una forza lavoro che promuove l’innovazione, la collaborazione, la creatività e stiamo continuamente lavorando per rendere Booking.com una delle maggior parte delle aziende di genere equilibrata in tutto il mondo. Ci impegniamo per la diversità dentro e fuori la realtà di Booking.com”.

In che modo incentivate e vi impegnate a promuovere la diversità dentro la vostra realtà aziendale?

La diversità è stata fondamentale per la cultura di Booking.com da quando la società è stata fondata 20 anni fa e ci impegniamo da sempre a sviluppare e implementare continuamente misure che abbiano un impatto positivo sulla diversità attraverso i nostri processi di acquisizione di talenti, sviluppo carriera e promozione. Stiamo continuando ad evolvere il nostro approccio di lavoro flessibile sia per gli uomini che per le donne e abbiamo recentemente introdotto un programma di formazione per vedere allo stesso modo uomini e donne in tutta l’organizzazione per aumentare la consapevolezza degli ostacoli e le sfide che le seconde affrontano ogni giorno.

Quali sono le altre iniziative di Booking per fronteggiare questo problema della disuguaglianza di genere nei confronti delle donne nel mondo tecnologico e non solo?

Vi sono diversi modi in cui è possibile contribuire, sia all’interno della propria organizzazione sia attraverso la partecipazione a un’iniziativa di settore più ampia. Essere fedeli a sé stessi è un ottimo modo per iniziare.

Il Web Summit inizierà a breve il processo di reclutamento dei mentor per il Summit di novembre a Lisbona e iscriversi al Web Summit Women in Tech Group su Facebook o chiedere agli organizzatori al momento della registrazione al Web Summit sono entrambi modi molto validi per partecipare.

Parlare con il personale delle risorse umane o con i responsabili delle iniziative sulla diversità nella propria organizzazione è un buon punto di partenza se si vuole fare la differenza.

Inoltre ci sono anche una serie di iniziative già create da donne che la pensano in modo simile come Women Who Code, Girls in Tech, Ladies che UX e Code First Girls. Incoraggiamo chiunque a cercare e contattare un gruppo simile vicino a loro.

Come possiamo noi donne contribuire a Women in Tech? Come possiamo diventare mentors o aiutare a creare nuove opportunità per le donne?

Ci sono molti uomini nell’industria tecnologica che stanno sostenendo la diversità e li incoraggiamo a continuare a farlo. Riconosciamo che per essere da esempio non devi necessariamente essere una donna ed è per questo che abbiamo mantenuto la categoria “Persone da prendere da esempio” nei nostri Tech Playmaker Awards lo scorso anno, ad esempio, aperta per le nomination ad uomini e donne.

Una base diversificata di dipendenti promuove una cultura incredibilmente dinamica che genera un’ampia consapevolezza di nuovi e diversi modi di pensare, opinioni, idee, filosofie e visione. Incoraggiamo gli uomini che fanno parte dell’industria della Tecnologia ad abbracciare la diversità, a contribuire a renderla pratica comune nelle loro organizzazioni e ad aiutare le donne a identificare opportunità di miglioramento della propria carriera in modo da avere le migliori possibilità di successo. 

Cosa può fare la società per incentivare la diversità di genere nel mondo tecnologico e ad un livello più globale?

L’anno scorso abbiamo lanciato una serie di iniziative che proseguiremo su scala globale anche quest’anno. Due in particolare meritano di essere menzionate. Durante la nostra premiazione al Technology Playmaker Awards, che abbiamo lanciato a settembre 2017, abbiamo annunciato la prima serie di vincitori in occasione della Giornata internazionale della donna nel marzo 2018. Speriamo di lanciare la seconda edizione entro la fine dell’anno. E stiamo cercando proprio ora di espandere le nostre iniziative per promuovere l’istruzione universitaria per le donne. Ci saranno grandi sviluppi per entrambe queste iniziative!

Cosa state preparando per il Women In Tech Mentor Program del 2018? Puoi darci qualche anticipazione?

È un po’ presto per dirlo ma stiamo studiando diversi modi in cui questo programma potrebbe essere ampliato e come possiamo, in generale (e al di fuori del Web Summit), cogliere i reali benefici del mentoring, sia all’interno della nostra organizzazione sia come parte di alcune delle nostre iniziative a favore delle donne.

Nei prossimi mesi annunceremo i primi vincitori delle nostre borse di studio “Technology Playmaker Scholarships” e stiamo sviluppando i modi in cui l’azienda può rimanere in contatto e continuare ad aiutare gli studenti vincitori delle borse di studio durante la loro formazione post-laurea.

Ringraziamo ancora Booking.com, Web Summit e Pepijn Rijvers per la disponibilità e il tempo dedicato alla nostra intervista.

 

Hai avuto occasione lo scorso anno di partecipare a questa iniziativa? Cosa ne pensi? Fammelo sapere nei commenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *