Condividi, , Google Plus, Pinterest,

Stampa

Posted in:

Content Mktg e-commerce: le 7 strategie utili al tuo brand

content mktg

Content Mktg e-commerce: i consigli di Pop Up per aumentare le tue vendite

Abbiamo più volte ribadito il concetto nel quale Content is the King ed ecco perchè oggi vi darò dei consigli utili su come usare il Content Mktg per e-commerce.

Il Content Marketing in generale è uno strumento utile per:

  • Attirare traffico;
  • Creare consapevolezza del marchio;
  • Fidelizzare i clienti;
  • Ottenere un vantaggio competitivo nei confronti dei vostri competitor;

La maggior parte delle aziende che possiedono un e-commerce sono ormai convinte dell’equazione:

Qualità dei contenuti= + clienti + vendite.

Insomma per riuscire a massimizzare il ROI, le aziende e-commerce devono necessariamente avere una presenza sul web unica, fatta di contenuti di rilievo.

content marketing

Cosa significa Content Marketing?

Un’efficace Strategia di Content Marketing consente di attrarre il pubblico di riferimento, coinvolgere di più i visitatori e migliorare la consapevolezza e la portata del proprio brand.

Una strategia basata sui contenuti genera lead di qualità, aumentando con essi i tassi di conversione e quindi posizionerà il brand come un Top of the mind nella mente dei consumatori.

Pensate che il Content Marketing costa il 62% (DATI di Social Media Today) in meno rispetto al Marketing tradizionale e genera 3 volte più lead.

Ma andiamo a vedere di seguito alcuni elementi che vanno curati al meglio in una strategia di Content Mktg.

1. Email Marketing

Iniziare l’attività di e-commerce sfruttando l’Email Marketing è una buona strategia per lanciare la propria piattaforma: secondo Campaign Monitor, per ogni $ (o,86 €) speso per email, si generano in media $38 (32,50 €) di ROI. 

email marketing

Esistono svariati modi per utilizzare le email nel processo di e-commerce: si può ad esempio inviare e-mail personalizzate ai clienti, incluse eventuali e-mail di benvenuto o che veicolino la partecipazione ad eventi promozionali. Si può poi sfruttare la stagionalità per spingere le vendite, cavalcando quindi eventuali festività.

E perché poi non utilizzare le mail anche per avvisare gli acquirenti quando un articolo che hanno precedentemente aggiunto al loro carrello (e non acquistato) sta per esaurirsi? 

Ovviamente oltre a questo, l’Email Marketing ha anche un peso specifico importante quando si parla di informare e attirare potenziali acquirenti.

State pensando che la vostra mail cadrebbe nel dimenticatoio insieme alle altre 30.000 che ogni utente riceve giornalmente?

Basterà personalizzarla per far si che spicchi tra la massa, e per farlo si deve partire dall’oggetto della mail: fate in modo che sia il più accattivante possibile ma allo stesso tempo semplice, in modo che non venga considerato spam e che incrementi il tasso di apertura. 

Sarà poi necessario parlare agli utenti giusti, targettizzati in base ai loro interessi ed il gioco è fatto.

2. Riviste

So che probabilmente dopo questa affermazione mi considererete arretrata di almeno 50 anni, ma sappiate che in realtà le riviste, i magazine e le brochure sono tuttora un mezzo fondamentale per veicolare traffico su un e-commerce.

Una rivista che abbia un contenuto editoriale di rilievo, avvicina i clienti al brand permettendogli di conoscere approfonditamente e in momenti di svago, tutto il catalogo disponibile sul sito.

Se costruita in maniera intelligente ed innovativa, anche con la presenza di QR Code scannerizzabili via app, diventa uno strumento determinante per la vostra azienda.

Un esempio di Content Mktg che utilizza le riviste come strumento per aumentare le vendite? 

Net-a-porter è un marchio di moda, che unisce l’esperienza fisica con il mondo digitale attraverso la sua rivista PORTER. Attraverso la pubblicazione, i lettori possono scansionare le immagini del prodotto sull’app mobile di Net-a-porter per effettuare un acquisto immediato. Il marchio ha anche una rivista online settimanale conosciuta come PORTEREdit, che include la pubblicità del marchio per incentivare le vendite.

Content marketing

3. Guide prodotto

Con così tanti consumatori che acquistano online, le guide ai prodotti possono essere uno strumento straordinario di Content Marketing che può contribuire al salto di qualità ad un e-commerce. Sarà infatti capitato a tutti voi di non avere la minima idea di come utilizzare un utensile, un elettrodomestico o un dispositivo elettronico.

Ecco perchè avere a disposizione una guida online può essere l’elemento in più, che aiuta il consumatore a prendere la decisione finale d’acquisto.

Nelle guide sarà necessario fornire dettagli approfonditi che siano in grado di rispondere a tutte le domande che i lettori potrebbero avere.

Se inoltre proprio non volete piegarvi alla versione testuale, allora create dei video tutorial che descrivano il prodotto nei minimi dettagli.

guida prodotto

4. Guest blogging

Nell’attività di vendita online, la sfida più complicata resta però sempre quella di costruire una Strategia di Inbound Linking che apporti valore e incrementi il ranking SEO, con conseguente aumento delle visite alla nostra pagina. Una  delle strategie più sviluppate a riguardo è quella del Guest Blogging.

La difficoltà nasce dal fatto che moltissimi blogger sono restii a rimandare i propri lettori su siti terzi, per cui diventa complicato guadagnare accessi unici. Un ottimo modo per aggirare il problema è sempre quello di creare contenuti coinvolgenti ed efficaci che risultino molto in target con il pubblico del sito ospitante, in modo che il prodotto venga accettato. La chiave è quindi garantire sempre un contenuto scritto ad-hoc per gli utenti di quel sito, evitando di risultare eccessivamente promozionali.

I post più lunghi generalmente conoscono più successo in quanto contengono più dettagli e raccolgono più informazioni per i lettori.

5. Contenuti User-generated

Di nuovo vi parlo di User Generated Content (UGC). So che rischio di essere ripetitiva ma quando parliamo di contenuti, è inevitabile non parlare anche di UGC. Si tratta infatti di uno dei tasselli più importanti del puzzle di una strategia di contenuti per le attività di e-commerce.

User Generated Content significa ricevere contenuti creati direttamente dai clienti ed esclusivamente per noi: può trattarsi di video clip, immagini, testimonianze, recensioni.

Se i consumatori pubblicano contenuti su un sito di e-commerce, appaiono autentici e convincenti, offrendo vantaggi ai potenziali acquirenti.

Secondo la ricerca di Socialmediatoday, l’85% dei consumatori ritiene che i contenuti generati da altri utenti siano più influenti dei contenuti creati dal brand.

Insomma il consiglio di un utente come noi è sentito molto di più come autentico rispetto ad uno “imposto” ed auto-celebrativo.

Come auto generare contenuti?

Ad esempio si possono incoraggiare i clienti a condividere i loro feedback sulle piattaforme social. Si può chiedere loro di utilizzare un hashtag popolare e menzionare il nome del brand per aumentarne la consapevolezza.

Un esempio?

L’e-commerce fashion di Madewell. Il brand infatti, invita i clienti a condividere le loro immagini con l’hashtag #Everydaymadewell e offre loro la possibilità di essere presenti nella sua galleria online.

6. Storytelling

Ai consumatori piace ascoltare una storia per poi diventarne parte integrante. Per questo è fondamentale creare uno Storytelling attorno al prodotto che inviti i consumatori ad attivarsi.

Ovvio è che una cosa del genere non si può improvvisare: bisogna scegliere cosa raccontare, a chi farlo, trasmettendo i valori del brand e offrendo ai lettori qualcosa di unico. E’ in questo momento che si può spaziare maggiormente con il contenuto, approfondendo tematiche quali le origini del brand e la sua mission.

storytelling

7. Influencer Marketing

Chiudiamo la carrellata di dritte utili su come sviluppare il Content Mktg per un e-commerce con il classico del momento: gli Influencer. Sono loro infatti che muovono le masse e che convincono i consumatori della bontà di un prodotto.

ASOS, un famosissimo retailer di moda, incentra tutta la sua strategia comunicativa sull’Influencer Marketing, omaggiando i fashion influencer con collezioni che verranno così sicuramente provate e postate sui social.

L’Influencer Marketing  può essere la vera Strategia pubblicitaria su cui investire, vista la sua efficacia.

 

Insomma, di consigli per fare Content Marketing ve ne ho dati diversi: ora non vi resta che mettervi al lavoro e trovare gli strumenti più efficaci per il vostro brand!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *