Condividi, , Google Plus, Pinterest,

Stampa

Posted in:

Nuove emoticon WhatsApp: come trovarle e quali arriveranno nel 2019 

emoticon whatsapp

Nuove emoticon WhatsApp: come trovarle e quali arriveranno nel 2019

Tutti le utilizziamo quotidianamente nelle nostre conversazioni su WhatsApp, Telegram, iMessage e Messenger: le  nuove emoticon WhatsApp sono una vera rivoluzione nella comunicazione digitale, infatti, se un tempo ci limitavamo a scrivere solamente dei brevi contenuti testuali nei nostri messaggi, oggi è d’obbligo utilizzare delle emoticon che diano un pò di colore e maggiore espressione alle nostre conversazioni.

Come riportato in un articolo di MelaRumors, le emoticon WhatsApp sono attualmente più di 850 e ce ne sono per tutti i gusti e le esigenze; infatti, se al lancio del servizio erano solo poche centinaia, con i successivi aggiornamenti che continuano ad essere applicati ancora ai giorni nostri, la libreria viene sempre ampliata con nuove categorie e faccine sempre più vicine alle abitudini quotidiane.

A tal proposito, un dubbio che ci viene spesso mentre utilizziamo le app di messaggistica riguarda la disponibilità dei nuovi simboli e la possibilità di installarne altri: tralasciano le app di terzi che permettono di ampliare la libreria aggiungendo nuove emoticon che molto spesso vengono riconosciute e visualizzate solo dagli utenti che possiedono la stessa applicazione, se vogliamo sfruttare quelle universali e visualizzabili da chiunque, dobbiamo limitarci ad usare quelle ufficiali che si ottengono con i metodi descritti nel prossimo paragrafo.

Nuove emoticon WhatsApp: come scaricarle e aggiungerle

Se abbiamo visto che i nostri amici stanno utilizzando nuove emoji ma non riusciamo a trovarle nel nostro catalogo, ci restano davvero poche soluzioni da provare poiché solitamente questi rilasci avvengono in maniera universale per tutti gli utenti; tuttavia, se siamo in possesso di una versione di WhatsApp poco recente o di un sistema operativo datato, potremmo avere queste difficoltà.

Se le nuove emoji compaiono in conversazione e sono perfettamente visualizzabili (quindi non compare un punto interrogativo al posto della faccina o un quadrato vuoto) molto probabilmente le abbiamo già nella tastiera ma non l’abbiamo ancora trovata; spesso i caratteri non disponibili non vengono nemmeno riconosciuti e quindi dobbiamo procedere con degli aggiornamenti specifici.

Per assicurarci di avere sempre a disposizione le nuove emoticon rilasciate e di poterle utilizzare in WhatsApp, messaggi, Telegram ed altri social network, è buona abitudine aggiornare costantemente il sistema operativo in uso: che sia iOS o Android, molto spesso le nuove versioni aggiungono centinaia di nuove emoticons pronte per essere utilizzate nelle chat.

A volte, le emoji di rilascio recente vengono distribuite solo attraverso le singole applicazioni, quindi tramite AppStore e Play Store è opportuno ricercare ed installare gli ultimi aggiornamenti delle applicazioni di messaggistica istantanea.

Eseguiti questi due passaggi, salvo limitazioni software o roll-out graduali degli sviluppatori, dovremmo avere la libreria delle emoticon sempre aggiornata con tutte le ultime faccine rilasciate.

Emoticon del 2019: nuove categorie in arrivo

Secondo alcuni rumors recenti riguardo l’uscita di nuovi simboli ed emoji, alcune voci di corridoio ci annunciano che Apple avrebbe depositato presso l’Unicode Consortium un documento di richiesta affinché possano essere introdotte e riconosciute delle emoticon dedicate alle disabilità: ci sarebbero infatti simboli che raffigurano persone non udenti, non vedenti o portatrici di handicap, ovviamente tematizzati in tutte le etnie e sesso maschile e femminile. Questa richiesta vedrebbe introdurre circa 50 nuove emoticon nel 2019 che non interesserebbero solo i dispositivi Apple ma sembrerebbe essere un deposito che consentirà anche alle altre applicazioni di aggiungere questi caratteri alle loro tastiere digitali.

Ovviamente, durante il nuovo anno ci saranno centinaia di nuove emoticon disponibili ma con il tempo conosceremo nuovi rumors che ci anticiperanno quali saranno le novità e quali categorie verranno prese in considerazione da coloro che si occupano allo sviluppo dei caratteri utilizzati dalla comunicazione digitale moderna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *