Nuovi loghi 2021: chi ha rinnovato la propria brand identity

0
438
burger king identità di marca

Nuovi loghi 2021: chi ha rinnovato la propria brand identity, nel post di Pop Up Mag

Il 2021 inizia con una bella ventata di aria fresca per molti brand appartenenti a diversi settori merceologici, che hanno deciso di lasciarsi alle spalle il recente passato anche da un punto di vista della propria immagine, con la realizzazione di nuovi loghi.

Vediamo chi sono nelle righe che seguono, aiutandoci con l’interessante post a cura di Brand News!

I brand che cambiano logo: da Pfizer a Kia

Non sembra affatto un caso che proprio l’azienda maggiormente al centro dell’attenzione in questo periodo, per l’enorme e decisivo apporto alla battaglia contro il covid-19 con il suo primo vaccino (sbarcato anche in Italia), sia stata tra le prime ad annunciare il restyling del proprio logo. Parliamo ovviamente di Pfizer.

Per la casa farmaceutica statunitense si tratta del primo rifacimento del logo dopo oltre 70 anni, a dimostrazione del fatto che stiamo per affrontare anni di grandi cambiamenti nel mondo come, forse, non ne abbiamo mai visti fino ad ora.

Il nuovo logo, realizzato dallo studio Team di Brooklyn, cambia la gradazione di colore che diventa più lineare e con solo due elementi: il blu e l’azzurro. Scompare anche la pillola, al posto della quale troviamo una stilizzazione del DNA, elemento distintivo del brand.

Il nuovo logo rappresenta per la Pfizer il modo migliore per onorare la storia ultra centenaria dell’azienda, che in questo periodo storico, così delicato, ci sta traghettando verso un futuro più speranzoso.

nuovo logo pfizer

Cambiando totalmente settore e approdando al Food & Beverage, ecco che troviamo Burger King che ha deciso di rinnovare non solo il logo, ma tutta la sua identità visiva, andando ad intervenire sul logo, sul font dello stesso e sul colore.

Ecco allora che scompaiono quindi i coloro accessi del rosso fuoco, del blu e del giallo, per lasciare spazio ad una palette di rossi, arancioni e gialli meno carichi, che in qualche modo sembrano addirsi meglio alla veridicità di un panino appetitoso e genuino, ma che ammiccano anche alla carta in luogo della plastica.

Che sia un modo molto sottile e inconscio di spingere il mondo ad abbandonare definitivamente la plastica in favore della carta?

Il restyling del brand, che è stato curato dall’agenzia Jones Knowles Ritchie Global, è in realtà anche e soprattutto un ritorno alle origini come lo stesso global CMO, Fermando Machado, ha tenuto a precisare.

Ma c’è dell’altro: Machado infatti non ha nascosto che il precedente logo fu un errore dettato dalla fretta di inseguire i tempi che stavano cambiando e che essersi allontanati così tanto dall’originario è stato un passo falso che andava sistemato:

Qualche volta nella vita ti devi guardare in modo onesto e scegliere di riscrivere, o in questo caso di ridisegnare, un vecchio sbaglio. E quello che era accaduto al logo di Burger King nel 1999. Così abbiamo deciso di correggerlo. Abbiamo immaginato di tornare indietro quando apparivamo al nostro meglio e cominciare da lì. Dimentichiamo di sforzarci troppo. E quando le persone su Twitter chiederanno “ma non è uguale al logo vecchio?”, dobbiamo essere orgogliosi di dire “si, dannazione”.

Anche Laura Vimercati, Marketing & Communication Director di Burger King SEE, afferma:

“Il design è uno degli strumenti essenziali che abbiamo per comunicare chi siamo e a cosa diamo valore, e ha un ruolo vitale nel creare desiderio verso i nostri prodotti e massimizzare l’esperienza dei clienti nei nostri ristoranti. Volevamo usare il design per far sì che le persone desiderassero i nostri prodotti, con la loro perfetta cottura alla fiamma e soprattutto il loro gusto”.

burger king identità di marca

Chiudiamo questo nostro viaggio nella modernizzazione dei loghi, con il brand KIA.

La casa automobilistica coreana sta puntando fortissimo su una totale modernizzazione e digitalizzazione della sua intera immagine commerciale.

A cambiare in questo caso, oltre al logo, è anche il global pay off, che diventa:

“Movement that inspires”

una frase che trasferisce tutto il desiderio del brand di giocare un ruolo di primo piano nella mobilità del prossimo futuro.

La presentazione del restyling del logo Kia, è stata realizzata con un evento mozzafiato che ha colonizzato il cielo di Incheon, in Corea, con uno spettacolo di luci e colori, con tanto di giochi pirotecnici e immagini disegnate da ben 303 droni, che in cielo hanno svelato il nuovo logo.

Ho Sung Song, Presidente e CEO di Kia ha sottolineato come:

“Il nuovo logo di Kia rappresenta l’impegno dell’azienda a diventare un’icona del cambiamento e dell’innovazione

 

Che sia giunto davvero il momento per tutti di troncare con il passato per guardare con rinnovato entusiasmo al futuro prossimo? Ce lo auguriamo tutti!