Condividi, , Google Plus, Pinterest,

Stampa

Posted in:

Classifica Forbes: i top under 30 dei giovani imprenditori in Media e Marketing

giovani imprenditori

I top under 30 dei giovani imprenditori nei settori Media e Marketing presentati da Pop Up Magazine

Come promesso, dopo quella dei migliori giovani imprenditori nel settore sociale, eccoci con la seconda categoria per noi più rilevante di tutte quelle realizzate da Forbes nella sua classifica dei top 30 under 30: i migliori  europei nei settori “Media & Marketing”, ossia coloro che definiscono e guidano il mondo dei contenuti e dell’innovazione mediatica.

Ecco la classifica dei migliori giovani imprenditori europei

Alice Tomassini 29 anni, ITALIA

Non potevamo che iniziare con lei. La nostra connazionale regista di documentari, che ha ricoperto molti ruoli dietro la macchina da presa, più recentemente occupata sul lato della produzione in un documentario secolare sul rapporto tra la chiesa e i social media oltre che protagonista di una serie di brevi documentari sull’impatto sociale della tecnologia.  Da alcuni anni Alice ha anche iniziato a sperimentare l’intersezione tra realtà virtuale ed esperienze sensoriali tattili e nei prossimi mesi ha in programma di iniziare a girare uno dei primi documentari brevi tattili/VR.

Dolly Anderton, 29 anni, REGNO UNITO

Fondatrice DollyAlderton.com 

Una storyteller eclettica ed irresistibile, Dolly ha scritto praticamente su tutto, dagli appuntamenti ai consigli per la bellezza, al femminismo e lo ha fatto per molte riviste e giornali, tra cui il Sunday Times, il Telegraph, GQ e Marie Claire. Non contenta, ha anche scritto un suo libro di memorie: “Everything I Know About Love” che uscirà questa primavera e la sua newsletter di lifestyle “The Dolly Mail”, vanta oltre 9.000 abbonati. Coordina il podcast di cultura popolare e notizie “The High Low” che ha raggiunto l’apice, posizionandosi al numero 2 su iTunes e che conta tra i suoi sponsor NAR, Sainsburys Home, Heist, Pop Chips, Papier e Google.

Toby Andrews, 27 anni, REGNO UNITO 

Toby supervisiona il reparto marketing per il dipartimento internazionale di Sony Music, occupandosi di progetti globali che coinvolgono artisti come Martin Garrix, Jean-Michel Jarre e Kygo. Considerando solo Martin Garrix e Kygo, la sua  bravura ha contribuito a raggiungere gli oltre 30 milioni di singoli venduti negli ultimi due anni facendo in modo che alcuni dei suoi clienti fossero presenti nei più grandi eventi del mondo, incluse le Olimpiadi del 2016.

giovani imprenditori

Jamie Bolding, 26 anni, REGNO UNITO

Fondatore Jungle Creation

Mentre il consumo dei contenuti diventa sempre più digitalizzato e i consumatori stanno iniziando a preferire il video al normale contenuto testuale, anche gli inserzionisti fanno lo stesso, sperando di commercializzare i loro prodotti nei video virali che sono diventati popolari su Facebook, Instagram e nei feed di YouTube.

La Jungle Creation di Bolding sta di fatto permettendo che tutto ciò accada. La sua società di marketing, che conta ormai 155 dipendenti e uffici a Londra, New York e Los Angeles, crea video per clienti che vanno da Oreo e Quaker a Disney e Apple e li promuove su varie piattaforme social, inclusi i 17 canali Facebook dell’azienda, che insieme raggiungono oltre 50 milioni di seguaci. Tra contenuti sponsorizzati e originali, i video dell’azienda superano i 5 miliardi di visualizzazioni al mese, il che ha portato la Jungle Creation a guadagnare ben 14,3 milioni di dollari l’anno scorso. 

Zarko Dimitrioski 28 anni, MACEDONIA

Cofondatore Eden na Eden

Zarko, che nasce come conduttore televisivo, ha deciso di fondare con suo fratello, l’agenzia di marketing Eden na Eden nel 2012. Da allora, hanno trasformato l’azienda in uno staff di 25 persone, facendola diventare una delle poche agenzie di marketing a servizio completo in Macedonia, contando tra i suoi clienti brand come Alkaloid e Golden Art. Di recente, Zarko è stato premiato come imprenditore nazionale dell’anno dalla Macedonian Enterprise Development Foundation. 

Ben Goldsmith, 27 anni, REGNO UNITO

Fondatore Goldsmith Communications

Ben è il fondatore della Goldsmith Communications, società di consulenza strategica per la comunicazione con sede a Londra. La Goldsmith si concentra sulla consulenza ad aziende tecnologiche, nonché investitori e marchi affermati che desiderano entrare nel settore tecnologico. Prima di fondare l’agenzia, Ben è stato a capo del dipartimento PR & Content alla Balderton Capital.

Oltre al suo lavoro quotidiano, nel tempo libero supporta la Diversity VC, un’organizzazione senza scopo di lucro la cui missione è quella di creare un settore VC più rappresentativo. 

Karoline Gross, 29 anni, REGNO UNITO

Fondatrice Smartzer

Nel 2012, Karoline ha fondato Smartzer, un servizio per rendere i video online acquistabili e interattivi: da allora ha accumulato una lista impressionante di clienti, tra cui LVMH, Valentino e Barbour. I video hanno conquistato ovviamente le piattaforme dei social media, tra cui Instagram, Facebook e Snapchat, con clienti che vantano un tasso di interazione del 51% e una percentuale di clic del 10%.

 

Fritz Jergitsch 26 anni, AUSTRIA

Fondatore DieTagespresse

Friedrich “Fritz” Jergitsch ha fondato Die Tagespresse nel 2013 e lo ha trasformato nel più grande sito di notizie satiriche in Austria in soli quattro anni: mezzo milione di persone visitano la sua pagina ogni mese in un paese con nemmeno nove milioni di abitanti. Jergitsch ha tradotto questo successo in uno show televisivo su ORF 1,  che gli ha permesso di diventare un mix di John Oliver e Stephen Colbert in Austria.

giovani imprenditori

Guillame Le Pape 28 anni, Quentin Le Pape 30 anni, FRANCIA

Fondatori Mobkoi

Si chiama Mobkoi, l’agenzia che i due fratelli francesi Quentin e Guillaume Le Pape, hanno messo in piedi per utilizzare le ultime tecnologie nel campo del mobile advertising per aiutare i brand premium a raggiungere e coinvolgere efficacemente il pubblico dei loro clienti. Un processo di quotazione in bianco consente ai brand di scegliere singoli siti web in cui verranno pubblicati i loro annunci, garantendo così la sicurezza del marchio. Il portafoglio di Mobkoi comprende oltre 100 brand tra i quali Microsoft, Nespresso e Dior e 1.000 editori del calibro della BBC, Bloomberg e Vogue. In seguito all’acquisizione di una quota di maggioranza da parte di You & Mr Jones, Mobkoi espanderà la propria presenza sul territorio internazionale con nuovi uffici a New York, Dubai, Singapore e Sydney.

top under 30

Lara Daniel e Christoph Kastenholz  29 e 27 anni, GERMANIA

Fondatori Pulse Group

Questo fantastico duo a co-fondato Pulse Group, leader di mercato globale nel marketing degli influencer. Dal 2014 e senza investitori, la coppia ha creato una potenza internazionale con un team di 60 persone e uffici ad Amburgo, New York e Milano. Pulse è uno dei pochi gruppi internazionali che controllano  e soddisfano entrambi i lati della catena del valore: la domanda come agenzia pubblicitaria e l’offerta come gestione del talento.

Tuomo Riekki 29 anni, FINLANDIA

Fondatore Smartly.io

Riekki è cofondatore e CTO di Smartly.io, una società di marketing di quattro anni che automatizza la pubblicità su Facebook e Instagram su vasta scala, lavorando sulla previsione del comportamento dei consumatori. La società crea inoltre un flusso di lavoro ottimizzato. Con oltre 1 miliardo di spesa pubblicitaria, Smartly serve oltre 500 clienti, tra cui eBay, Sky Scanner, BARK e TechStyle.

top under 30

Léa Steinacker 28 anni, GERMANIA

CIO di WirtschaftsWoche

WirtschaftsWoche è una delle principali riviste di settore in Germania e Lea ha contribuito a traghettare il marchio dai quasi 90 anni di tradizione nel 21° secolo, sviluppando eventi dal vivo, contenuti sperimentali e nuovi modelli di business, tra i quali una nuova piattaforma di realtà virtuale, un’interfaccia algoritmica per espandere il portafoglio di newsletter dell’azienda e una chatbot, oltre a un evento chiamato FutureBoard che ruota attorno ad AI, robotica, IoT ed il futuro del lavoro. Una super donna!

top under 30

Amy Williams 26 anni, REGNO UNITO

Fondatrice Good-Loop

Cosa succede se invece di bloccare gli annunci, potessi controllare dove sono andate a finire le entrate pubblicitarie ad essi collegate? Questo è l’obiettivo di Good-Loop, un’alternativa etica alla scelta degli ad-blocker. In cambio dell’accettazione di un annuncio e quindi dell’attenzione rivolta ad esso, l’inserzionista deve donare una parte della sua spesa pubblicitaria ad un’organizzazione benefica di sua scelta.

Attualmente la società collabora con sei inserzionisti che eseguono centinaia di migliaia di annunci al mese su oltre 30 siti Web, tra cui Shortlist, Netmums e CityAM. Le organizzazioni benefiche con cui collabora includono Wateraid e Save the Children.

 

Abbiamo visto quelli per noi sono i migliori giovani imprenditori europei tra quelli citati dalla rivista Forbes. Qual è il vostro preferito? Scrivicelo nei commenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *