Facebook Report: i fattori che influenzano gli acquisti online

0
250
acquisti online facebook

Facebook Report: i fattori che influenzano gli acquisti online, nel nuovo post a cura di Pop Up

Recentemente Facebook ha pubblicato un nuovo report in collaborazione con Kantar, che mostra l’evoluzione dei digital media e il cambiamento del processo legato agli acquisti online. Un fenomeno accentuato dalla pandemia, che ha portato gli acquirenti a scoprire o riscoprire gli acquisti online al posto dei tradizionali negozi fisici.

Molti consumatori hanno anche scoperto la convenienza di acquistare online e questo ha agevolato i retailer che possono contare su un e-Commerce.

Vediamo qui di seguito alcune utili informazioni contenute nel report in questione: buona lettura e bentornati su Pop Up!

Cosa è emerso dal report di Facebook

Il report di Facebook si è focalizzato principalmente sugli utenti di Hong Kong e Taiwan, ma i risultati emersi sono validi per ogni tipo di consumatore. Puoi leggere i dati qui, mentre in questo post analizziamo le principali evidenze emerse.

Secondo Facebook:

“I nuovi formati digitali, in particolare i video e i contenuti live, rappresentano nuovi modi per coinvolgere il pubblico online e farli tornare. Man mano che i formati video proliferano, dalla visualizzazione di video over-the-top ai livestream, l’ambiente digitale complessivo diventerà più coinvolgente che mai.”

Da tempo TikTok e Facebook hanno incorporato nuove forme di live shopping per permettere all’acquirente di comprare con pochi click e avere accesso alla migliore “online shopping experience”. Anche la convenienza è un fattore chiave che porta all’incremento degli acquisti online.

A tal proposito si legge:

“Dato che il principale motore dello shopping online è la convenienza, questa è un’indicazione di quanto di più i canali di acquisto online devono fare prima di essere un sostituto affidabile per lo shopping offline. I consumatori hanno grandi aspettative e non sono disposti a ridurle quando fanno acquisti online.”

Infine, eventuali inconvenienti nel processo di acquisto online, portano alla perdita di clienti e con essi le opportunità di vendita:

“Ad Hong Kong, il check-out senza complicazioni è un requisito fondamentale. 1 cliente su 3 abbandonerà il carrello se il check-out richiede troppi passaggi, mentre un altro 1 su 3 si aspetta che il processo di autenticazione del pagamento sia veloce e non richieda alcuna azione da parte loro. A Taiwan, poiché il mobile raggiunge il desktop come modalità di acquisto dominante, la disponibilità e la facilità delle alternative di pagamento da mobile saranno fondamentali”.

I vantaggi della vendita online

Guardare e toccare con mano il prodotto oppure muoversi in un negozio fisico, sono i fattori chiave della vendita tradizionale.

Ma cosa dire dell’e-Commerce?

In questo caso la AR può colmare, almeno in parte, la mancanza del contatto fisico e in più il potenziale cliente può comparare i prezzi e trovare così sempre la migliore offerta.

Dal report redatto da Facebook emerge che:

“Man mano che gli acquirenti diventano più abbienti e sofisticati, aumentano anche i loro fattori di considerazione. Oltre al prezzo, i consumatori globali danno la priorità anche a fattori come la comodità, la possibilità di acquisto e l’assortimento quando selezionano un rivenditore. I consumatori maturi hanno sviluppato fattori di considerazione più complessi e non sono solo alla ricerca dei prodotti più economici ma di prodotti “migliori”.

Relativamente alla Customer Loyalty, uno studio Nielsen dimostra come solo l’8% dei consumatori sia fidelizzato e per questo i brand devono dar vita ad efficaci strategie di customer service, così come emerge qui di seguito:

“È fondamentale che i brand incontrino ciascun driver per suscitare l’amore per il marchio tra gli acquirenti e per riaccendere le opportunità di riacquisto, subito dopo che è stato effettuato il primo acquisto. Utilizzando i driver chiave corretti, migliorerà anche la relazione tra la marca e l’acquirente, scatenandone l’amore.”

In conclusione, oggi il consumatore ha molte più possibilità di scelta rispetto al passato e la chiave per i brand è offrire convenienza oltre che un ottimo servizio clienti. Solo così, l’azienda che vende online potrà restare competitiva nel breve, ma anche nel medio-lungo periodo.