Twitter Super Follow: un modo nuovo per monetizzare la presenza sul social

0
72
twitter social

Twitter Super Follow: un modo nuovo per monetizzare la presenza sul social medium di Jack Dorsey

Twitter Super Follow è stata la novità social dello scorso fine settimana. Infatti nei giorni scorsi è stata rivelata questa nuova feature da parte del social medium di Jack Dorsey, che prevede la possibilità da parte degli influencer di vedersi riconosciuto un contributo economico per i loro contenuti, sotto-forma di abbonamento. Questa nuova opzione è prevista per coloro che abbiano almeno 10.000 follower in piattaforma.

In cosa consiste nello specifico l’opzione “Super Follow” di Twitter? Quali sono le implicazioni di questa scelta di business? Vediamolo insieme in questo nuovo post a cura di Pop Up!

Twitter Super Follow: tutte le opzioni disponibili

Essere un ‘Super’ follower di un influencer su Twitter, significherà pagare orientativamente la somma di $ 4,99 al mese per ottenere una serie di vantaggi, tra i quali:

  • Un badge da sostenitore;
  • Iscrizione alla newsletter;
  • Contenuti esclusivi;
  • Offerte e sconti;
  • Accesso alla community;

Twitter cercherebbe di facilitare ulteriormente il processo di Super Follow incorporando alcuni strumenti di segmentazione del pubblico nelle sue funzioni.

Gli influencer sarebbero così in grado di rendere disponibili alcuni contenuti solo per i loro super follower, pubblicare Tweet che solo i loro iscritti possono leggere e rispondere e condividere Fleets esclusivamente con il loro pubblico pagante.

L’elemento di iscrizione alla newsletter sarebbe integrato infine nella nuova integrazione di Twitter con Revue.

twitter super follow foto

Considerazioni su questa nuova funzione

Ma siamo sicuri che gli utenti pagherebbero per leggere tweet e fleets premium?

Il metodo di funzionamento ufficiale di questa nuova opzione, disponibile a breve su Twitter, non è ancora disponibile. La nostra domanda è legittima. Perchè se oggi è un canale totalmente gratuito (al netto delle sponsorizzazioni e degli accordi tra creator e brand) e gli utenti partecipano ai tuoi tweet in piattaforma, sarà lo stesso quando dovranno pagare? O dirotteranno le loro attenzioni altrove? La mia risposta è: dipende.

Questo perchè creare engagement sui social è notoriamente difficile, in barba a quello che ti suggeriscono i vari guru dei social. Infatti ciò che viene descritto come semplice e alla portata di tutti, non lo è affatto e richiede impegno e dedizione costante, oltre che ad una buona dose di pianificazione e creatività.

Avere le idee chiare e creare un proprio brand riconoscibile e riconosciuto sui social media è tutt’altro che semplice. Ma non è impossibile. Quindi, anche su Twitter e secondo il mio parere, ci sono ottime potenzialità per guadagnare, a patto che tu applichi i medesimi assunti fatti per altri canali social.

Il cambiamento epocale di Twitter

Stiamo assistendo a un vero cambiamento epocale per Twitter, che solitamente è poco incline a cambiare il proprio modello di business. Ma altro non può fare vista la concorrenza che avanza e che si fa sempre più ricca.

Jack Dorsey ha persino aperto la presentazione di giovedì agli investitori, riconoscendo i difetti di Twitter:

“Siamo lenti, non siamo innovativi e non ci fidiamo”.

Ma qualcosa sta cambiando nel modo di concepire il social. Nuove opzioni, features e modelli di business a pagamento cercano di scuotere la community affezionata al social dei cinguettii.

Twitter sta cercando di cambiare strategia. L’obiettivo è ovvio: creare un set completo di strumenti che guidino e servano al creator per guadagnare su Twitter.

La piattaforma sta cercando di offrire tutto ciò di cui i creatori hanno bisogno per costruire, raggiungere e monetizzare il proprio pubblico.

E’ la sfida in verità di tutti i social media negli ultimi anni. Remunerare gli influencer può essere da sprone per i creator per rimanere e non abbandonare la piattaforma per altre più “remunerative”.

Ma cosa significa questo cambiamento per i brand che vogliono pubblicizzarsi, utilizzando i social media?

In definitiva, questo spostamento di potere nelle mani dei creator significa che i marchi devono appoggiarsi su di loro in maniera maggiore rispetto al passato, creando con loro un legame forte e duraturo, che possa portare benefici per entrambi e in egual misura.