Condividi, , Google Plus, Pinterest,

Stampa

Posted in:

Jack Dorsey: biografia del fondatore Twitter

fondatore twitter

Jack Dorsey: biografia del fondatore Twitter

Eccoci tornati con il nostro consueto spazio dedicato agli imprenditori digitali di successo: oggi vi parleremo di Jack Dorsey, fondatore Twitter insieme ad Evan Williams e uno dei più grandi visionari degli ultimi anni, che con la sua fortunata idea di business ha profondamente modificato il panorama globale dei social network insieme a Mark Zuckerberg, di cui vi abbiamo già parlato in un precedente post che invitiamo a rileggere con attenzione.

Ma chi è Jack Dorsey? Come è arrivato a fondare Twitter? Vediamolo insieme nelle prossime righe!

Jack Dorsey: gli inizi

Jack Dorsey nasce a Saint Louis, Missouri, il 19 novembre del 1976, e sin da piccolo matura una grande passione per l’informatica e il linguaggio di programmazione, tanto che a soli 15 anni già sviluppa da solo un gestionale dedicato al business dei Taxi.

Di origini italiane da parte di madre, Jack si diploma al liceo cattolico Bishop DuBourg High School.

Successivamente si iscrive all’Università del Missouri, Facoltà di Informatica, prima però di trasferirsi a New York, dove frequenta l’università della metropoli americana, che però abbandona per dedicarsi all’imprenditoria digitale.

Dalla fondazione di una software house a Twitter

Nel 2000 si trasferisce da New York in California per fondare una software house, che offre programmi da utilizzare in rete. Ma subito dopo è folgorato da un’idea che gli balena nella testa: fondare un social network!

Ci troviamo nel periodo nel quale nasce Facebook, e il fenomeno social è agli albori.

L’idea gli arriva così:

“Perchè non sviluppiamo una piattaforma dove condividere il proprio stato con gli amici con pochi caratteri?”

Da qui decide di fondare Twitter insieme ad una società chiamata Odeo di Biz Stone ed Evan Williams.

Dapprima il social si chiama “Ovvio”, che successivamente viene ribattezzato Twitter.

Il primo tweet, il primo vagito digitale di questa nuova piattaforma di microblogging (che permetteva di inserire solo 140 caratteri) è proprio del fondatore Twitter, Jack Dorsey:

“Just setting up my twttr”.

E’ il 21 marzo del 2006 e il famoso uccellino azzurro fa la sua comparsa nel panorama social mondiale.

Spiegando l’origine del nome Twitter, lo stesso Jack afferma:

«…ci siamo imbattuti nella parola “twitter” e ci è parsa semplicemente perfetta. La definizione era: “una breve raffica di informazioni irrilevanti” e “un cinguettio di uccelli”, e questo è esattamente ciò che era il prodotto.»

Twitter diventa popolare

Una volta fondato, Twitter nel corso degli anni acquista sempre maggiore popolarità e nuovi proseliti, tanto da essere usato nel 2008 nella campagna presidenziale di Obama negli USA.

Negli anni questo social viene sempre più utilizzato da politici e vip, per esternare stati d’animo e dare breaking news ai propri follower in tempo reale.

Nel 2010 la piattaforma raggiunge 105 milioni di utenti attivi con oltre 55 milioni di tweet al giorno.

E’ a questo punto che Dorsey ha un’altra idea: Square, che si occupa di pagamenti digitali. Sviluppa e rilascia così questa nuova applicazione sul mercato.

jack dorsey

La quotazione in borsa di Twitter

Twitter continua a fare proseliti: è ormai utilizzato da giornalisti, politici, digital marketer famosi, vip e addirittura dagli astronauti della NASA, che con i loro tweet in diretta dallo spazio fanno letteralmente sognare i propri follower.

Nel 2012 Twitter raggiunge 500 milioni di iscritti e 200 milioni di utenti attivi ogni giorno. E’ a questo punto che si decide per la quotazione in Borsa del titolo Twitter.

L’uccellino spicca così il volo verso i mercati azionari americani, e nel frattempo Jack Dorsey lascia la guida di Twitter al nuovo CEO Evan Williams.

Nel novembre 2013, grazie all’IPO di Twitter, le azioni salgono da 26 dollari a un massimo di 45 in un solo giorno di negoziazione. In poche ore Dorsey possiede una fortuna con le sue 23,4 milioni di azioni Twitter.

Dopo poco il fondatore Twitter torna ad essere CEO ad interim e AD della società.

Ad oggi Jack Dorsey possiede un patrimonio personale pari a 5,3 miliardi di dollari, divenendo uno degli uomini più ricchi al mondo.

twitter in borsa

Twitter oggi

La piattaforma di microblogging è divenuta oggi il terzo social network nel mondo Occidentale, dopo Facebook e Instagram. Nel frattempo il suo fondatore continua a lavorare per rendere la piattaforma più stimolante e migliorarne l’user experience. Una di queste modifiche, peraltro epocali, riguarda l’ampliamento del numero di caratteri del tweet: da 140 a 280, che è stata accolta da consensi ma anche qualche critica da parte dei suoi utilizzatori.

 

Il nostro viaggio alla scoperta delle vite dei grandi imprenditori digitali termina qui. Alla prossima con i post di Pop Up!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *