Condividi, , Google Plus, Pinterest,

Stampa

Posted in:

SEO tools: intervistiamo Charles Mechri di rankingCoach

seo tools

SEO tools: intervistiamo Charles Mechri di rankingCoach

Per il nostro spazio alle interviste di Pop Up Magazine, questa settimana vi parliamo di SEO, intervistando Charles Mechri di rankingCoach, un brand tedesco che offre il suo tool SEO, il quale prevede dei servizi utili a migliorare il proprio posizionamento sui motori di ricerca. Vediamo cosa ha da dirci!

 

1 – Parlaci di te e del tuo lavoro: presentati ai lettori di Pop Up!

Ciao, sono Charles Mechri e ricopro il ruolo di Head of Customer Success presso rankingCoach, dove ho iniziato a lavorare più di due anni fa.

Ho iniziato la mia carriera a Berlino, in una delle startup di Rocket Internet. È lì che ho iniziato ad appassionarmi sulla SEO e su come fare pubblicità online. Dopo alcuni mesi passati a Berlino, sono passato a rankingCoach dove ero responsabile dei mercati di lingua francese. Ho poi cambiato posizione diventando il Product Manager e infine, l’anno scorso, sono stato promosso a Head of Customer Success.

Il mio ruolo in rankingCoach è quello di coordinare il servizio clienti e la creazione di contenuti. Il nostro servizio clienti opera via chat, telefono ed email, con l’obiettivo di mantenere un rapporto ravvicinato con i nostri utenti, così da poter offrir loro il miglior supporto possibile. Nel mio reparto ci occupiamo anche del contenuto dei nostri siti web, per esempio con la creazione di compiti SEO, la scrittura e traduzione di articoli e così via.

Nel mio reparto siamo in 21 e lavoriamo insieme per creare la miglior esperienza possibile per i nostri clienti.

 

2 – Com’è nato rankingCoach? Raccontaci la sua storia…

Tutte le startup nascono per risolvere un problema e rankingCoach non fa eccezione. Lavorando in una grande agenzia di marketing, i nostri co-fondatori si resero conto che per molte piccole e medie imprese era impossibile assumere un’agenzia che si occupasse della loro presenza online. Questo è un paradosso perché ancor più delle grandi aziende, le piccole e medie imprese hanno bisogno di pubblicizzare i loro prodotti o servizi e il loro brand per raggiungere i loro obiettivi. E così è nata rankingCoach: è iniziata come un piccolo progetto in un’agenzia di marketing ed è diventata un’azienda presente in 25 paesi.

 

3 – Come avete risolto il problema: come ottenere una migliore visibilità avendo non solo un piccolo  budget a disposizione ma anche poca conoscenza nel settore?

Questa è stata una delle nostre sfide più grandi. Dobbiamo sempre tenere in considerazione il modo in cui presentiamo gli argomenti ai nostri clienti.
Il prezzo competitivo non è l’unico motivo del nostro successo. L’altro ingrediente è saper trovare il modo giusto di spiegare ai nostri clienti come funzioni il marketing online e di mostrar loro come trarne beneficio.

La nostra piattaforma è strutturata intorno a una serie di video tutorial che spiegano cos’è il digital marketing e come essere visibili online. Spieghiamo come ottimizzare un sito web, come effettuare la registrazione sulle piattaforme Google, sui social media e sui portali online. È inoltre possibile tenere sotto controllo il proprio progresso e monitorare la concorrenza grazie al nostro servizio di reportistica.
E se un cliente dovesse trovarsi in difficoltà nel capire come funziona la piattaforma, è sempre possibile prenotare un webinar personale con il nostro supporto clienti.

 

4 – Come ha reagito il mercato al nuovo tipo di servizio che offrite?

Davvero molto bene. Ciascun mercato ha le sue specificità, il che rende il mio lavoro molto interessante. Abbiamo personale madrelingua per ciascun mercato, aspetto per noi fondamentale per poter adattare il nostro prodotto e raggiungere una migliore comprensione del paese nel quale ci stiamo sviluppando.

Dopo soli 4 anni dall’inizio della nostra attività, siamo presenti in 25 paesi. Alcuni mercati stanno rispondendo molto bene al nostro prodotto e sono diventati molto importanti per noi, specialmente quelli di lingua tedesca, inglese, spagnola e italiana.

 

5 – Come si è distinta l’Italia in tutto ciò? Come ha reagito all’introduzione del vostro tool?

L’Italia è molto importante per noi e i nostri clienti hanno reagito molto bene alla nostra offerta. Due anni fa c’era solo una persona part-time che gestiva il mercato italiano, ora ne abbiamo tre che se ne occupano a tempo pieno.
Ciascuno di loro ha una sua area di specializzazione: Gestione dei Contenuti, Servizio Clienti e Vendita, ma lavorano insieme per trasformare la sfida del mercato italiano in un successo.

Il nostro responsabile vendite, Antonello Pugliese, viaggia per l’Italia, presentando il nostro prodotto ai clienti, agenzie di marketing e partner, organizza conferenze e presiede il nostro stand alle fiere di settore.

A breve potrete andare a conoscerlo al Web Marketing Festival di Rimini.

Questa struttura ci sta aiutando a sviluppare il mercato italiano: possiamo raggiungere un numero sempre maggiore di clienti e allo stesso tempo siamo pienamente disponibili ad assisterli giornalmente.

rankingCoach

6 – Quali saranno i prossimi step professionali, tuoi e del brand?

Spero che i miei prossimi passi professionali siano connessi da vicino al brand. Stiamo lavorando molto per raggiungere grandi obiettivi: vogliamo sviluppare nuove partnership e consolidare la nostra posizione in alcuni mercati. Siamo anche al lavoro per sviluppare il nostro prodotto, aggiungendo nuovi aspetti in linea con i più recenti trend in fatto di SEO. Sono questi i nostri obiettivi per quest’anno, il 2018.

 

Ringraziamo Charles per il contributo al nostro magazine e per il tempo concessoci. Auguriamo a rankingCoach di raggiungere presto i suoi obiettivi professionali e di mercato, sperando che questa intervista possa essere d’aiuto in qualche modo per far conoscere il loro prodotto ai nostri lettori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *