Condividi, , Google Plus, Pinterest,

Stampa

Posted in:

SEO internazionale: 5 pratici consigli

“Qual è la migliore struttura per il mio sito web internazionale?”

Questa domanda potrebbe sembrare piuttosto semplice, ma purtroppo non c’è una risposta “giusta”, chiara e inequivocabile.

Anche se è possibile seguire alcune tra le migliori pratiche generali, la verità è che si è in un settore relativamente competitivo, e in questo caso la selezione della migliore struttura web internazionale dovrebbe prendere molto tempo, e non essere prese decisioni troppo alla leggera.

La struttura che si sceglie per il proprio sito web deve essere basata su esigenze specifiche, lo stato corrente dell’azienda, e la concorrenza all’interno dei mercati di destinazione. E’ importante prendere in considerazione tutti questi fattori, altrimenti si può finire per creare delle problematiche per la buona riuscita del progetto aziendale.

Qui ci sono i fattori che prendo in considerazione per dare la migliore raccomandazione possibile per ogni situazione, ponendo queste domande:

1. A quale paese o lingua è destinato il mio sito?

Questa dovrebbe essere sempre la prima domanda a cui rispondere in qualsiasi processo di SEO internazionale: Come pensate di analizzare il vostro pubblico internazionale? Per lingua? Per paese?

Molte aziende non sono completamente chiare su questo, e ciò può causare problemi con la realizzazione del SEO internazionale. Anche se idealmente il modo migliore per indirizzare qualsiasi pubblico è di farlo al livello più dettagliato e personalizzato (che in questo caso sarebbe quella di destinazione del paese), la verità è che ci sono alcune situazioni in cui il targeting per paese non è l’opzione migliore:

  • Quando la posizione non è un fattore critico nelle vostre operazioni di business. Ad esempio, la posizione potrebbe essere meno critica per un blog di tecnologia con un modello di business basato su pubblicità o di una società che deve realizzare un e-commerce;
  • Quando il pubblico è distribuito in molti paesi diversi che parlano la stessa lingua. Idealmente, si dovrebbe localizzare per ogni paese – ma inizialmente, si potrebbe non avere una massa critica di potenziali utenti e il volume di ricerca per giustificare le versioni del sito web separati per paese. E ‘importante sviluppare la ricerca di parole chiave e il pubblico, e utilizzare i dati per identificare il traffico previsto e il ROI per paese, per consentire una versione country-targeting.
  • In alcune situazioni, sarebbe opportuno iniziare con una lingua e “tastare il terreno”, verificare i trend di crescita in alcuni paesi; una volta che un paese raggiunge un certo livello di traffico e di conversioni, è possibile avviare una specifica presenza sul Web mirata a quel paese.

Per il paese: Si può scegliere tra domini di primo livello nazionale, o sottodirectory o sottodomini che si possono geolocalizzare individualmente utilizzando la console di ricerca.
Per la lingua target: si può scegliere tra le sottodirectory o sottodomini in gTLD.

Per una di queste due opzioni, è comunque una buona pratica quando si mira a molti paesi e/o lingue da utilizzare, di annotare la “hreflang”, al fine di assicurarsi che la versione corretta di una pagina è indicata per il pubblico internazionale desiderato nei risultati di ricerca. Ciò è particolarmente vero quando si hanno molte versioni nella stessa lingua di diversi paesi.

2) Il tuo livello di performance attuale su altri mercati

Questo è il motivo per cui è necessario rispondere a domande aggiuntive che vi darà intuizioni nei mercati di destinazione. Determinare come si prevede di indirizzare il proprio sito (per paese, lingua o una combinazione di questi) è un primo passo essenziale nella scelta della migliore attuazione a livello internazionale per il tuo sito.

E’ importante definire il punto di partenza nei vostri mercati target internazionali desiderati. La vostra struttura ideale potrebbe variare in base alla classifica attuale, il traffico e l’authority che hai con il tuo sito in corso, soprattutto se si è già stabilito una struttura web internazionale per altri mercati.

Per identificare questo, si può rispondere alle seguenti domande: 

Qual è la struttura web odierna per i vostri mercati già esistenti? Si sta utilizzando un ccTLD per il vostro mercato locale o un .com?
Hai già un tipo di presenza web internazionale? Se sì, quale tipo di struttura web non ha questo tipo di presenza?
Qual è il corrente livello di performance derivante la tua presenza sul web internazionale già esistente (o il vostro sito attuale per i mercati internazionali che si desidera raggiungere)? Sei già indicizzato bene per determinate parole chiave? Hai già una struttura web mirata a livello internazionale con una buona link popularity? Qual è l’obiettivo per la vostra presenza sui mercati internazionali?

Ad esempio, se avete un ccTLD mirato verso il vostro mercato locale e nient’altro, la possibilità di consentire ad una sottodirectory di sfruttare la vostra attuale popolarità dell’attuale dominio non è possibile; se ci si rivolge a un altro paese o in una lingua diversa in tutto il mondo, non saremo in grado di classificarci con una sottodirectory o con un ccTLD in misura efficace. D’altra parte però, se si dispone già di un’alta autorità per un gTLD che si classifica per alcune query di ricerca nei vostri mercati internazionali, senza nemmeno essere ottimizzato o con sottodirectory rivolte al target, si potrebbe essere in grado di sfruttare questa base di partenza per raggiungere buoni risultati.

Quindi, in questo caso, è importante identificare se la struttura web corrente ha già una base interessante o se vale la  pena migrare verso un’altra struttura.

3. Qual è la Struttura dei migliori siti nei vostri mercati obiettivo?

In questo caso si consiglia di utilizzare la funzione di “Industry Analysis” per elencare i migliori siti globali nei Paesi dove vorrei essere presente con il sito, e i settori all’interno del mercato che essi presidiano, nonché in particolar modo i top in termini di ricerca, al fine di individuare la struttura web dei siti più performanti e più popolari.

Principali concorrenti nel settore

E’ possibile usufruire di ulteriori dati da servizi come impersonal.me o I search from per simulare la ricerca sui vostri mercati internazionali a cui mirate, o idealmente, un proxy per cercare in un IP locale direttamente, e verificare la struttura web dei siti più popolari e rilevanti.

4. Qual è la link popularity dei migliori siti nei vostri mercati obiettivo?

Oltre ad identificare e analizzare la struttura web di siti mirati per le vostre query principali nei vostri mercati internazionali, assicuratevi di indagare anche sui loro link. Infatti, oltre alla popolarità globale a livello di dominio e pagina, occorre guardare a ciò che è la percentuale di collegamenti da altri siti – con ccTLD locali e IP – contro gTLD. Quanto sono naturali questi collegamenti? È possibile utilizzare Open Site Explorer o Majestic o semplificare l’analisi con strumenti come CognitiveSEO.

E’ importante identificare il gap di link popularity che si avrebbe nel caso in cui si inizia il proprio lavoro di analisi. Questo vi aiuterà a valutare quanto è fattibile partire con una configurazione rispetto ad un’altra (e il livello di difficoltà che si avrebbe in tal modo).

Se avete visto che la maggior parte dei siti di ranking sono ccTLD con un livello più basso di authority, allora potrebbe essere possibile partire direttamente con un ccTLD con nessuna o basso livello di link profile; tuttavia, se il divario link popularity è troppo grande, si dovrebbe considerare l’utilizzo di un gTLD.

5. Qual è l’influenza di avere un dominio localizzato contro uno generico nel comportamento degli utenti?

A questa domanda non è sempre possibile rispondere, in quanto richiede l’accesso ai dati di ricerca di visibilità e di traffico per i siti già posti nei vostri paesi e settori interessati. Nel caso in cui non stai partendo da zero e/o hai accesso ai dati degli altri siti per gli stessi paesi, lingue e industrie, vale sicuramente la pena di analizzare l’influenza dei fattori culturali e le preferenze del vostro pubblico internazionale quando si tratta di scegliere ccTLD o gTLD.

Tenete a mente che le prestazioni di un sito possono essere influenzate non solo dalle caratteristiche specifiche dei vostri paesi destinatari, ma anche dalla visibilità e l’autorità del marchio a cui si sta lavorando a livello locale; se è una query che riguarda una marca o una query non di marca; se si tratta di un risultato che proviene da mobile o desktop; il numero di annunci visualizzati; e l’organizzazione della SERP, sono gli altri fattori da tenere in considerazione.

Pertanto, non è consigliabile generalizzare in modo semplice ma meglio trarre conclusioni precise da mercato a mercato o business a business proprio con questi dati.

Per questo passaggio, è possibile utilizzare il rapporto “Search Analytics” in Google Search Console, e utilizzare il filtro per selezionare le pagine e le query specifiche per le quali queste pagine si indicizzano, per identificare il loro click-through rate (CTR) e la differenza di posizione tra paesi diversi. Vedere se c’è una correlazione tra l’avere un CTR più alto con l’esatta stessa posizione di pagina e di query solo a causa dell’utilizzo di un ccTLD locale contro un gTLD.

Anche se sarebbe difficile trarre conclusioni complete semplicemente utilizzando questi dati, può fornire un’ulteriore visione nell’analisi per prendere una decisione definitiva.

E’ tempo di rispondere a queste domande e selezionare la migliore struttura web internazionale per il tuo sito!

Fonte: Search Engine Land

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *