Nomi dominio: storia e più divertenti

0
474
nomi dominio divertenti

Nomi dominio: storia e più divertenti da registrare nel post di Pop Up

Da sempre Internet si muove attraverso la realizzazione di siti internet, attraverso i quali gli utenti possono accedere in ogni momento, 24 ore al giorno, a informazioni e dati. Per registrare un sito internet si abbisogna di un nome dominio, che si conclude con il dominio di primo livello o estensione dominio, rappresentato dal . seguito da desinenze che indicano paese, tipo di attività, e così via.

Negli ultimi anni si è avuto un boom di nuove estensioni, anche divertenti, che rendono il progetto web più variegato e interessante.

In questo nuovo post a cura di Pop Up, vediamo insieme brevemente la storia dei nomi dominio e le estensioni più divertenti, aiutandoci con l’infografica a cura di GoDaddy. Benvenuti sul nostro portale!

Storia di Internet e dei nomi dominio più iconici

A partire dagli anni ’80 è partita la gara alla registrazione dei nomi dominio, grazie ai quali realizzare e mettere online il proprio sito web. Il primo dominio in .com ad essere registrato è nel 1985, quando un’azienda di computer del Massachusetts registra Symbolics.com.

Nel 1986 viene aperta la registrazione al pubblico dei domini e nel 1995 non è più un’operazione gratuita ma diviene a pagamento (la registrazione e il rinnovo del dominio si aggirava allora intorno ai 50 $ l’anno). Il 1997 è una data storica per internet perchè viene registrato il dominio del sito web più visitato della storia: stiamo parlando ovviamente di Google.com.

Nel 1998 nasce l’ICANN, l’ente che assegna gli indirizzi IP e che gestisce il sistema dei nomi di dominio generici di primo livello e dei country code, che identificano un territorio specifico, come ad esempio il .uk per l’Inghilterra e il .it per l’Italia.

Statistiche e curiosità sui nomi dominio

Se andiamo a vedere statistiche e curiosità legate ai nomi dominio, notiamo che secondo l’ultimo report di Verisign, nel 2021 il dominio più utilizzato al mondo rimane con estensione in .com con circa 154,6 milioni di registrazioni effettuate. In Italia abbiamo invece ben 3.437.937 di domini registrati in .it (dati aggiornati al 31 maggio 2021).

Curiosità e record: nel 2012 Mike Mann ha acquistato quasi 15mila domini in sole 24 ore, mentre nel 2019 voice.com viene venduto per 30 milioni di dollari!

Se vediamo le estensioni più originali registrate dagli utenti in rete abbiamo solo l’imbarazzo della scelta. Se nel 1984 erano infatti disponibili solo 6 estensioni di primo livello, oggi chi registra un sito internet può scegliere tra circa un migliaio di alternative, alcune anche molto divertenti. Si può optare ad esempio per un .pizza o un .beer se magari si ha un’attività commerciale dedicata a questo genere di attività oppure se si parla di questi argomenti nel proprio blog. Ancora abbiamo .party e .rocks per gli amanti del divertimento. Addirittura si può arrivare a registrare un dominio in .love, mentre per i più temerari abbiamo per voi un bel .wtf (what the fuck).

Come spiega Gianluca Stamerra, Regional Director di GoDaddy per Italia, Spagna e Francia:

Oggi scegliere il proprio dominio può risultare un’attività “divertente” ma resta il tassello fondamentale per lo sviluppo del proprio business online. Consideriamo che oggi il sito internet è la prima vetrina da cui essere visti da potenziali clienti e la scelta di un dominio appropriato può aiutare notevolmente ad attirare le persone sul sito in questione.  La grande varietà di estensioni di dominio oggi sul mercato, che spaziano da modelli più standard a nomi più originali, aiutano ulteriormente a descrivere il proprio business e a differenziarsi dalla concorrenza. Per aiutare gli imprenditori nella scelta del proprio dominio, GoDaddy offre la possibilità di controllare se il dominio selezionato è ancora disponibile, oltre a fornire una serie di suggerimenti per scegliere il dominio più adatto alla propria attività e ai propri obiettivi.

Insomma, rispetto al passato, abbiamo molte più alternative a disposizione. Sta a voi scegliere il nome dominio e l’estensione di primo livello che più vi piace e vi si addice.

Vi lasciamo all’infografica realizzata da GoDaddy con le estensioni dominio più divertenti. Alla prossima da Pop Up!

nomi dominio divertenti