LinkedIn lancia nuovi strumenti utili ai freelance per trovare lavoro

0
231
linkedin freelance foto

LinkedIn lancia nuovi strumenti di connessione utili ai freelance per aumentare le probabilità di trovare nuove collaborazioni professionali

LinkedIn si apre sempre più al mondo dei freelance, in un’economia globale che sta divenendo sempre più GIG.

Ma cosa si intende per GIG Economy?

Per GIG Economy si intende il rapporto di lavoro basato sulla fornitura di prestazioni lavorative da parte di lavoratori autonomi ad aziende e privati

Questa formula lavorativa è sempre più in voga, soprattutto in modalità smart working. Solo negli Stati Uniti, ad esempio, si conta un aumento di questo genere di attività svolta da liberi professionisti, nell’ambito di 1 su 8, rispetto ad 1 su 67 dell’era pre-covid, così come viene evidenziato in questo post a cura di SMT.

LinkedIn vuole aiutare così questa categoria di professionisti, ampliando il pacchetto di servizi offerti loro, come l’espansione del suo Marketplace di servizi, progettati per facilitare la connessione tra domanda e offerta di lavoro. Nello specifico a febbraio è stato lanciato un beta test, che nel frattempo è cresciuto toccando quota 2 milioni di utenti, e che si basa sulla fornitura di una serie di servizi aggiuntivi di connessione tra liberi professionisti.

Uno degli ultimi aggiornamenti del brand riguarda la possibilità di accedere ad una serie di nuovi strumenti come la Scoperta Avanzata (Advanced Discovery), strumenti di raccomandazione innovativi e filtri di ricerca, che aiuteranno gli imprenditori a trovare ciò che cercano tra chi offre prestazioni lavorative in piattaforma. LinkedIn ha anche semplificato il processo di connessione dei freelance, facendo in modo che una volta che qualcuno scopre la tua pagina possa immediatamente inviare una richiesta di servizi senza bisogno di connettersi o seguirti. Oltre a questo, LinkedIn ha anche aggiunto una nuova dashboard per i fornitori di servizi, per aiutarli a tenere sotto controllo le loro varie domande e richieste.

linkedin servizi foto

Come spiegato dallo stesso brand in una nota:

“Quando crei una pagina di servizio, ora avrai una dashboard per gestire le richieste di progetto e i messaggi direttamente da LinkedIn. Non è necessario gestire diversi canali di comunicazione. E ti invieremo notifiche se arrivano nuove richieste o messaggi”.

Insieme alla dashboard troverai l’elemento “Stato delle Recensioni”, che appunto servirà a gestire le recensioni dei clienti che hanno acquistato i tuoi servigi.