Condividi, , Google Plus, Pinterest,

Stampa

Posted in:

I’m with the banned: l’iniziativa di Spotify in favore del migrante

© by Spotify

I’m with the banned è la nuova iniziativa di Spotify in favore dell’integrazione razziale 

Spotify sta lanciando una nuova serie originale che chiama I’m with the banned, ossia “un’iniziativa musicale per consentire ad artisti e fans di culture diverse di riunirsi ed ampliare le voci di persone e comunità che sono state poste in silenzio”.

L’iniziativa, “I’m with the banned” si concentra su una serie di temi che oggi influenzano le comunità, tra cui l’immigrazione e l’uguaglianza LGBTQ, attraverso collaborazioni artistiche, performance e contenuti originali.

Ha debuttato il 6 luglio con una serie di playlist avanzate che caratterizzano musica e contenuti video originali che evidenziano sei artisti provenienti da Siria, Sudan, Somalia, Libia, Yemen e Iran, che sono i paesi inclusi nel divieto di viaggio proposto da Donald Trump.

Gli artisti internazionali includono:

  • Kasra V, DJ e produttore di dischi in Iran specializzato in techno / deep house;
  • Moh Flow, un cantante / compositore dalla Siria;
  • Waayaha Cusub, un collettivo musicale proveniente dalla Somalia;
  • Methal, un cantante / compositore e multi-strumentalista dello Yemen;
  • Sufyvn, produttore / ritmi sudanesi;
  • Ahmed Fakroun, cantante / compositore e multi-strumentalista della Libia.

In uno spettacolo di solidarietà, questi artisti hanno collaborato con artisti statunitensi come Desiigner, Pusha T, X Ambasciatori, K.Flay, Dr. Lonnie Smith e BJ The Chicago Kid.

I’m with the banned segue un artista di un paese minato dal divieto di viaggio negli USA mentre si recano a Toronto per la collaborazione musicale, guardando indietro il viaggio che li ha portati fin lì.

“Esplora la storia personale di ogni musicista e il complicato ruolo che la musica ha giocato lungo la strada. Mentre cominciano a lavorare con i loro collaboratori americani, la musica diventa un punto di connessione universale”, ha affermato Spotify. “Alla fine di ogni cortometraggio è stata creata una nuova canzone e ci rendiamo conto di cosa perdiamo quando diventiamo meno aperti al cambiamento e al prossimo”.

I’m with the banned include questi brani:

  • Kasra V feat. K.Flay – “Justify You”;
  • Moh Flow feat. Pusha T – “Opzioni”;
  • Waayaha Cusub feat. Desiigner – “Durbaan Ka Ii Tuma”;
  • Methal feat. X Ambasciatori – “Cicli”;
  • Sufyvn feat. BJ Il Chicago Kid – “Pensiero” ti (senza sonno al Cairo) “;
  • Ahmed Fakroun feat. Dr. Lonnie Smith – “Salam”;

Ogni playlist invita i visitatori sul sito iamanimmigrant.com per ascoltare altre storie sull’immigrazione.

La campagna “Io sono un immigrato” è incentrata sulla celebrazione del patrimonio immigrato e sul valore oltre che sui contributi degli immigrati negli Stati Uniti. Indica i tempi difficili in cui i gruppi di persone sono stati esclusi in tutta la storia.

Spotify ha dichiarato che ha prodotto I’m with the banned perché “sappiamo che le tensioni culturali e le ingiustizie trovano inevitabilmente un’espressione in musica ed i suoi campioni negli artisti”.

“È importante che io resti in piedi come un americano e dico non credo in questo”. Essere parte di questo progetto non solo mi ha dato l’opportunità di mostrare il sostegno a chi è stato bandito, ma di fare musica in un ambiente selvaggio e bello collaborativo “, ha affermato K.Flay in una dichiarazione.

Sam Harris, uno degli ambasciatori, ha poi aggiunto:

“Lavorare con Methal è stata una delle migliori esperienze che abbia mai provato con un altro artista. La sua storia è così ispiratrice, e il suo talento come cantautore / esecutore è troppo prezioso. Se non è permesso di venire negli Stati Uniti, allora tutti stanno perdendo. Questa canzone è una prova di questo”.

 

I’m with the banned è la dimostrazione lampante di come la musica è sempre stata(e sarà sempre) il primo passo per l’abbattimento delle barriere tra popoli e culture diverse. Esortiamo tutti a partecipare a questa iniziativa ed ascoltare le canzoni prodotte da questi straordinari artisti. Anche noi nel nostro piccolo possiamo abbattere le barriere. Cominciamo a farlo cliccando PLAY!

 

Fonte articolo: TheDrum;

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *