Gmail: anche Google introduce le spunte blu per gli indirizzi mail verificati dei marchi

0
483
spunta blu gmail

Gmail: anche Google introduce le spunte blu per gli indirizzi mail dei marchi, come prova della loro autenticità

Si fa un gran parlare, negli ultimi tempi, di spunte blu. Infatti, queste sono state oggetto di discussione su molte piattaforme: su Twitter ha fatto discutere l’introduzione delle spunte blu a pagamento (Twitter Blue), mentre su Meta gli scammers hanno provato a truffare gli utenti con falsi blue checkmarks. Oggi tocca, invece, a Google introdurre la spunta blu per gli indirizzi Gmail, come prova di autenticità da parte del marchio che invia la mail al destinatario. Infatti, l’obiettivo dell’impresa è quello di difendere i propri utenti dalle truffe e dai tentativi di phishing, facendo in modo da garantire che il mittente del messaggio sia una compagnia realmente esistente e non un fake, come a volte succede.

In questo modo, gli utenti di Gmail potranno vedere nuovi segni di spunta blu che appaiono accanto ai profili del marchio approvati nella loro casella di posta.

Secondo Google:

“Nel 2021 abbiamo introdotto il Brand Indicators for Message Identification (BIMI) in Gmail, una funzionalità che richiede ai mittenti di utilizzare un’autenticazione forte e verificare il logo del proprio marchio per visualizzarlo come avatar nelle e-mail. Sulla base di tale funzionalità, gli utenti vedranno ora un’icona con un segno di spunta per i mittenti che hanno adottato BIMI. Ciò aiuterà gli utenti a identificare i messaggi di mittenti legittimi rispetto agli imitatori”.

Quindi, le aziende che hanno adottato il processo di verifica del marchio di Google (che richiede la registrazione del tuo logo con un VMC e un livello più elevato di sicurezza dell’account), ora riceveranno un segno di spunta blu su Gmail, fornendo ulteriore garanzia ai destinatari che sei veramente tu il mittente della mail.

La notizia appare sul blog di Google.

Come fare a implementare questa misura?

  • I brand che vogliono attivare su Gmail la spunta blu, devono visitare il Centro assistenza per ulteriori informazioni sulla configurazione di BIMI. Per saperne di più su BIMI e vedere le ultime novità, visita il sito web del gruppo di lavoro.
  • Per sfruttare BIMI per le tue e-mail in uscita verso Gmail e altre piattaforme, assicurati che la tua organizzazione abbia adottato il DMARC e che tu abbia convalidato il tuo logo con un VMC, rilasciato da un’autorità di certificazione come Entrust o DigiCert.
  • Utenti finali: non esiste alcuna impostazione per l’utente finale per questa funzione.
  • Lancio: per i domini, l’implementazione completa (da 1 a 3 giorni per la visibilità delle funzionalità) è stata il 3 maggio 2023;
  • Disponibilità: questa funzione sarà disponibile per tutti i clienti di Google Workspace, nonché per i clienti precedenti di G Suite Basic e Business. E’ disponibile anche per gli utenti con account Google personali.

Per i marchi, varrà la pena implementarlo, se possibile, per separarsi da spammer e truffatori di posta elettronica.