Evan Spiegel: bio del fondatore di Snapchat

0
140
evan spiegel snapchat

Evan Spiegel: bio del fondatore di Snapchat oggi su Pop Up Mag

Bentrovati nuovamente su Pop Up Mag, il sito dedicato a tutte le news e gli approfondimenti legati al mondo dell’Innovazione e della Tecnologia. Oggi torniamo a parlarvi di imprenditori digitali, e lo facciamo vedendo insieme la vita e gli step professionali di uno più famosi in circolazione (ancora giovanissimo): stiamo parlando di Evan Spiegel, fondatore di Snapchat e uno degli uomini più ricchi al mondo, con un patrimonio che ad oggi oscilla sui 7,6 miliardi di dollari.

Benvenuti su Pop Up e dal vostro Francesco Corvino!

Evan Spiegel: gli inizi

Evan Spiegel nasce a Los Angeles il 4 giugno del 1990 da Melissa Ann Thomas e John W. Spiegel, che sono avvocati famosi in tutta la California per assistere clienti importanti, tra i quali spicca Sergey Brin di Google e Warner Bros. Ma i genitori divorziano quando è ancora piccolo e questo lo scombussola profondamente. Cresce comunque a Pacific Palisades, dove continua i suoi studi, diplomandosi alla Crossroad School for Art & Sciences.

Le sue doti informatiche sono già note da adolescente, quando riesce a costruire un computer da solo all’età di soli 14 anni. Successivamente frequenta la Otis College of Art and Design, e negli anni del college lavora anche come collaboratore per un’azienda medica, a Città del Capo.

L’idea di Snapchat

Quando nasce Snapchat?

Questa nuova applicazione viene lanciata nel settembre del 2011, quando Evan si trova ancora all’università. E’ infatti durante il suo periodo di studi a Stanford quando, insieme a Reggie Brown e Robert Murphy, ha l’idea di sviluppare un’applicazione mobile in grado di inviare messaggi che si auto-cancellano dopo un breve lasso di tempo.

Prima di chiamarsi Snapchat, quest’app era conosciuta come Picaboo.

Gli inizi, come quasi sempre accade per le nuove idee, non sono semplici. L’idea non convince infatti gli investitori e l’app non viene scaricata da molti utenti. Sembra l’inizio della fine ma ecco la svolta: la mamma di Spiegel racconta dell’applicazione alla nipote, che la inizia a usare per inviare i messaggi ai suoi compagni di scuola durante i compiti in classe. Infatti la sua capacità di autodistruggersi, fa in modo da nascondere i suggerimenti e i brogli.

In poco tempo così Snapchat conquista il mondo dei ragazzi più giovani, che iniziano tutti a scaricarla.

L’ascesa di Evan e di Snapchat

L’applicazione raggiunge quota 100.000 download ad aprile 2012 e adesso arrivano adesso cospicui finanziamenti: prima 500.000 dollari, che arrivano successivamente a diversi milioni. Quella che era una delle principali critiche all’app (i messaggi che si cancellano) divengono il suo punto di forza. Ed è così che Spiegel e il suo team si spostano dalla casa paterna, il primo ufficio di Snapchat, ai nuovi uffici, e l’app continua nella sua crescita inarrestabile, dovuta anche all’introduzione delle Stories, poi copiate da Facebook, lanciate a partire dal 2013.

Una delle principali caratteristiche di Snapchat è la creazione di messaggi chiamati “snap”, che consistono in foto o brevi video, che l’utente può in seguito modificare con filtri, disegni ed effetti speciali.

Le proposte (rifiutate) per acquisire l’app

Negli anni in diverse compagnie hanno provato ad acquisire Snapchat, così come successo ad esempio per WhatsApp. Infatti il pubblico dei più giovani e la feature delle stories hanno sempre solleticato l’attenzione di Facebook, che arriva a proporre 3 miliardi di dollari per acquisire l’app, mentre Google arriva a oltre 4 miliardi. Tutte le offerte però sono rispedite al mittente.

Evan Spiegel non vende e resta ancora oggi AD di Snapchat.

Vita privata di Evan Spiegel

Evan Spiegel è un tipo molto sicuro di sé e che certo non nasconde la propria ricchezza (ad oggi miliardaria), ma la sfoggia con estrema fierezza. Possiede infatti una Ferrari, alcuni jet privati che pilota egli stesso e non disdegna la compagnia delle belle donne, una delle quali è divenuta sua moglie. Infatti, conosce e sposa successivamente, la top model Miranda Kerr, angelo di Victoria’s Secret ed ex dell’attore Orlando Bloom.

Dalla loro relazione nascono due figli: Hart, nato il 7 maggio del 2018 e Myles, invece il 15 ottobre del 2019.

evan spiegel snapchat
cellanr, CC BY-SA 2.0 <https://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.0>, via Wikimedia Commons

Conclusioni

Evan Spiegel è divenuto uno degli uomini più ricchi al mondo perchè ha creduto fortemente nella sua idea di business e si è battuto con estrema forza per lanciarla sul mercato, rifiutando poi offerte a 9 zeri pur di non privarsene.

Snapchat è l’app più utilizzata dai ragazzi e siamo sicuri continuerà la sua ascesa anche nei prossimi anni, facendo ancora più ricco Evan.