Condividi, , Google Plus, Pinterest,

Stampa

Posted in:

Content Pillar e Pillar Page: come pubblicarli, promuoverli e monitorarli

Come pubblicare, promuovere e monitorare un content pillar per massimizzare il SEO e la copertura del tuo sito

content pillar

Content Pillar e Pillar Page: come pubblicarli, promuoverli e monitorarli

Cos’è un content pillar?

Cominciamo col dire che un content pillar è un contenuto che riguarda un tema specifico e può essere suddiviso in più sezioni, ognuna delle quali analizza un dettaglio, come avviene ad esempio in ebook, guide, faq.

Dal lato SEO una page pillar permette di inserire link interni che puntano ad altre pagine del sito web, migliorando l’organizzazione dei contenuti e la link building interna, ma anche permettendo di promuovere i nuovi contenuti multimediali privi di testo, come infografiche, immagini e video.

Ecco perché il content pillar è un buon modo per fare SEO e le tre fasi della campagne di pillar page comprendono il planning, la content creation e e la promozione: il tutto basandosi su una strategia ben definita e monitorando le performance per pianificare al meglio la promozione del singolo contenuto.

In questo articolo vediamo come pubblicare, promuovere e monitorare i content pillar, a vantaggio della SEO e della copertura del sito.

Pubblicare i contenuti e verificare i link

Questo è il primo passo: realizzare il contenuto e pubblicarlo: in particolare pubblicare la pillar page con i vari contenuti, verificare i link esterni e verificare i link che dalla pillar page puntano ai diversi argomenti.

Impostare il Monitoraggio sui Social

A questo punto si tratta di configurare gli strumenti di ascolto dei social media per monitorare le keyword utilizzate nel content pillar e nella pillar page, magari utilizzando uno dei seguenti tool:

  • Google Alert: free, permette di monitorare social network, blog e siti web
  • Mention: disponibile nella versione free e a pagamento, questo è l’ideale per il monitoraggio giornaliero sui social media
  • Brandwatch: anche questo tool è ideale per un controllo giornaliero delle piattaforme social.

Ricordiamo che molte piattaforme per la gestione dei social media, della SEO e della content curation hanno al loro interno la possibilità di monitorare i social media, come ad esempio Hootsuite, HubSpot e BuzzSumo.

Ma cosa bisogna monitorare?

Innanzitutto le menzioni del brand, le menzioni delle keyword principali e quelle secondarie. Monitorare le keyword vi permetterà infatti di partecipare attivamente alla conversazione, offrendo maggiori informazioni, rispondendo alle domande o intervenendo con link di approfondimento.

Aggiungere i link nei siti di Social Bookmarking

I siti di social bookmarking sono uno dei modi più utilizzati dalle persone per cercare, trovare e condividere contenuti e tra questi ricordiamo Reddit, Stumbleupon e Digg.

Rispondere alle domande sui siti di Q&A

Le social question e i siti di domande come Quora sono sempre più usati da chi cerca risposte a domande e curiosità sui temi più diversi ed essere attivamente presenti permette di generare traffico e contatti. I più popolari portali di Q&A sono proprio Quora, Yahoo Answer, StackExchange e Fluther e un bravo social media manager che sa usare una adeguata link strategy anche in questi ambienti, porterà la persona a visitare il sito per maggiori informazioni e dettagli o linkando proprio la pillar page.

Coinvolgere gli influencer e promuovere il Content Pillar su sito e canali social

Se avete una relazione stabile con gli influencer, metteteli a conoscenza dei contenuti pubblicati sulla vostra pillar page, facendo molto di più che inviare un link: dovete spiegare loro perché sono importanti per la loro attività. E’ inoltre possibile promuovere i pillar content sul sito, linkandole ogni settimana come attività di brand promotion. Magari potete utilizzare un calendario come CoSchedule per pianificare e tracciare la promozione della vostra pillar page e di ogni parte di contenuto.

Infine non dimenticatevi di promuovere la pillar page sui vostri canali social, nel numero di volte sotto indicato per le prime due settimane dalla pubblicazione:

Twitter: 10 volte

Pagina Linkedin: 2 volte

Gruppo Linkedin: 1 volta

Profilo personale Linkedin: 1 volta per le pillar page B2B e più volte per i post popolari, incoraggiando i dipendenti a fare altrettanto

Pagina Facebook: 2 volte

Google+: 2 volte

Pinterest: 1 volta

Instagram: 1 volta

Il consiglio è cambiare ogni volta il testo del post, l’orario di pubblicazione e l’immagine associata.

Pianificare una promozione continua

L’obiettivo finale è mantenere costantemente sotto gli occhi della propria audience il contenuto e se il pubblico aumenta costantemente la promozione continua permetterà anche ai nuovi fan e follower del sito o dei social di trovare il contenuto. Potete anche notificare l’orario e il giorno della pubblicazione di un nuovo contenuto correlato alla pillar page, ricordando sempre al pubblico perché è importante per lui.

Conclusioni

Promuovendo la pillar page e i contenuti in questo modo si manterrà attivo il passaparola sull’argomento e il contenuto apparirà come nuovo per diverse settimane con il conseguente aumento di traffico sulla pagina, il miglioramento dal ranking SEO e l’incremento della copertura e delle visualizzazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *