Content Audit SEO: cos’è e come si fa

0
343
seo

Content Audit SEO: cos’è e come si fa, nel nuovo post a cura di Pop Up!

Uno dei lavori e delle attività più importanti per un content manager è la realizzazione del Content Audit SEO, essenziale per chiunque voglia affidarsi al web marketing per far crescere la sua attività online.

Se nel mio Corso in Content Marketing mi concentro sulla strategia di contenuti, sicuramente l’attività SEO non si deve trascurare e il content audit SEO unisce strategia di comunicazione e lavoro sulle parole chiave, per veder crescere il traffico sul sito.

Tutti sappiamo cosa sia la SEO, mentre il Content Audit non è altro che un’analisi dei contenuti, che aumenta l’efficacia della strategia di web marketing.

Insieme, Content e SEO, sono strumenti vincenti per posizionarsi sui motori di ricerca, guadagnare visibilità e trasformare i visitatori in nuovi clienti.

A cosa serve il Content Audit SEO?

L’obiettivo del Content Audit SEO è sicuramente quello di identificare i contenuti che il pubblico apprezza maggiormente, per inserirli in una Content Strategy coerente, identificare i contenuti più visualizzati e che generano maggiori conversioni, per sfruttarli nelle campagne pubblicitarie, trovare i materiali da eliminare o revisionare in ottica SEO.

Per questo motivo, affidarsi ad uno specialista per fare il Content Audit SEO è estremamente importante. Lo studio dei contenuti rientra in un’analisi SEO più ampia, in quanto l’Audit SEO consente di analizzare il progetto nel suo insieme: significa avere, quindi, un sito che piace all’utente, in quanto User Friendly, e che piace ai motori di ricerca, in quanto SEO Friendly. Infine, si individueranno eventuali malfunzionamenti del sito web e si migliorerà la user experience.

Le 4 fasi del perfetto content audit SEO

Il Content Audit SEO si fa per ottenere dei risultati dalla propria attività di Content Marketing e trovare i punti di forza e di debolezza della propria attività online.

Per realizzare il perfetto Content Audit, solitamente seguo quattro fasi:

  • Individuazione di obiettivi e metriche da seguire per ottenere risultati lato SEO, coinvolgere il pubblico e aumentare il tasso di conversione. Le metriche sono la vendita, le metriche SEO, quelle di coinvolgimento e di comportamento;
  • Definizione dei contenuti da analizzare, indipendentemente dal fatto che si tratti di blog post, video, articoli e landing page. I vari URL saranno sottoposti ad analisi approfondita per capire se debbano essere mantenuti tali e quali, aggiornati oppure eliminati;
  • Definire le azioni da attuare al termine del processo, per aumentare l’efficacia del sito web. Si possono riscrivere, aggiornare e arricchire i contenuti, aggiungere immagini e video, identificare nuovi tag header o migliorare tag title e description. Inoltre, vanno studiati i link interni e va chiesta a Google una nuova indicizzazione delle pagine che sono state aggiornate;
  • Preparare la content strategy e la SEO Strategy per stare al passo con i tempi e mantenere aggiornato sito e blog, ma anche aumentare nel tempo clienti, traffico e vendite.

La cosa più importante è dare al pubblico ciò che vuole per vedere crescere la propria attività grazie al web marketing, sempre ricordandosi di analizzare la concorrenza. In particolare consiglio di monitorare successi e fallimenti, l’unico modo che – oggi come ieri – permette di ottenere più conversioni possibili.