Condividi, , Google Plus, Pinterest,

Stampa

Posted in:

Botistuta: il chatbot della Roma che risponde ai tifosi

Botistuta chatbot della Roma

La Roma con l’agenzia We Build Bots, ha creato Botistuta, il chatbot dei tifosi giallorossi

Chatbot è la parola del momento e sempre più frequentemente ci ritroviamo a interagire con un assistente virtuale invece che con un operatore umano.

Da poco ha preso “vita” un’intelligenza artificiale dal nome che rimanda inevitabilmente a Gabriel Batistuta, lo storico attaccante del terzo scudetto della Roma, che si sta interfacciando con il mondo del calcio. Il prima società della Serie A ad introdurre questo nuovo chatbot, ha lanciato un sondaggio tra i tifosi per trovargli un nome. A vincere il sondaggio è stato proprio Bot-istuta, in omaggio a uno dei giocatori più amati del brand giallorosso.

La Roma scommette su Batistuta come mezzo perfetto per far conoscere il proprio brand

I chatbot  si stanno diffondendo sempre di più in vari settori: dalla comunicazione alla politica, dall’informazione all’e-commerce, e ancora nel marketing, nei servizi di internet banking e soprattutto nel settore sportivo. Infatti brand calcistici di spicco, come appunto AS Roma, AC Milan, Real Madrid, Liverpool FC, hanno scelto di usare i chatbot per interagire con i propri tifosi.

Il commento a questa innovazione da parte del Head of Digital Media della Roma, Paul Rogers:

Siamo entusiasti del lancio del nuovo chatbot. Abbiamo lavorato su questo progetto per diversi mesi con We Build Bots, società che ha un importante know-how in questo campo e siamo convinti che questo nuovo strumento contribuirà ad accelerare i tempi di risposta alle richieste dei tifosi che cercano di avere particolari informazioni sul club.

La Roma ha intrapreso da un pò la strada della digital transformation, diventando a tutti gli effetti una media company come ne avevo già ampiamente parlato in un mio articolo precedente sul Marketing As Roma.

Non è una novità quindi che la società capitolina sia nota per la sua capacità di essere innovativa nel mondo dei social media e del digitale in generale. Quindi la collaborazione con la prestigiosa agenzia britannica We Build Bots è un altro passo decisivo verso questo percorso.

Paul Shepherd, Founder di  We Build Bots, è entusiasta di questa partnership e ha commentato:

Siamo molto contenti di lavorare con il club giallorosso su questo progetto. Il lancio di oggi è solo l’inizio di un percorso che faremo insieme. Nei prossimi mesi integreremo ulteriormente la nostra piattaforma intelligente AGAME e le sue profonde capacità di integrazione con Botistuta, in modo da aiutare in maniera ancora più efficace la Roma ad interagire e a coinvolgere i suoi tifosi.

Insomma Botistuta è un progettato per soddisfare le richieste più semplici dei tifosi.

Con l’aiuto di questa intelligenza artificiale, il brand giallorosso potrà rispondere a una funzione meramente informativa, inviando:

  • Notizie sulle partite in programma;
  • Anteprime sulla formazione che scenderà in campo;
  • Curiosità sulla squadra avversaria;
  • Aggiornamenti in tempo reale durante le partite;
  • Comunicazioni riguardo alle trasferte;
  • Anticipazioni sugli acquisti e informazioni su varie iniziative;

Gabriel  Batistuta, soprannominato Bati-gol e Re Leone, è considerato uno dei più forti attaccanti di tutti i tempi. Inoltre è molto amato dagli appassionati di calcio. Quindi il chatbot Botistuta potrebbe alimentare un vero e proprio fenomeno social, coinvolgendo anche i non tifosi della Roma.

Si tratta di un progetto ambizioso e sicuramente interessante, con l’obiettivo di intercettare gli utenti non-tifosi, indecisi o non interessati, per attirare l’attenzione su aspetti non immediatamente sportivi, come iniziative di beneficenza per esempio. Insomma il chatbot dal nome spiritoso e simpatico, attira tutti.

Del resto già grandi brand e colossi del web lavorano da tempo sull’intelligenza artificiale e sulla sua applicazione nelle azioni e nelle interazioni di tutti giorni e i chatbot sono il futuro dell’instant messaging per una comunicazione one-to-one.

 

Si cerca semplicemente di ottimizzarne l’utilizzo a seconda del target e dell’obiettivo che si intende raggiungere. That’s the future!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *