Condividi, , Google Plus, Pinterest,

Stampa

Posted in:

Basta Netflix: l’irriverente campagna pubblicitaria del brand

basta netflix © by Corriere della Sera

Basta Netflix: l’irriverente campagna di unconventional marketing del brand

Basta Netflix: quella che appariva inizialmente come una campagna denigratoria contro il servizio d’intrattenimento in streaming si è rivelata invece un’intelligente quanto irriverente campagna pubblicitaria messa appunto proprio dal brand stesso.

La riprova si è avuta su Facebook, dove è apparso il seguente post:

Pubblicato da Netflix su Lunedì 3 settembre 2018

In questo articolo cercheremo di ricostruire la vicenda, rivelando poi il reale significato che si nasconde nel claim “Basta Netflix”.

Milano protagonista della campagna pubblicitaria unconventional

Milano come sempre diventa protagonista italiana di tutte le campagne unconventional e irriverenti che si vedono in Italia. Chi si ricorda il sottomarino che apparve in una famosa piazza milanese qualche anno fa? E i tanti flashmob organizzati negli anni per pubblicizzare questa o quell’azienda?

Bene, in questi giorni, dei misteriosi cartelloni pubblicitari e una campagna di affissione sono apparsi in giro per Milano con la scritta “Basta Netflix”, che aveva fatto pensare ad un atto denigratorio nei confronti dell’azienda che offre film e serie tv in streaming oppure alla cessazione imminente del servizio.

basta netflix

basta netflix

Questa manifestazione di disappunto nei confronti di Netflix ha destato stupore e curiosità tra la popolazione milanese e fan del brand, che non si sono spiegati inizialmente il perchè di queste affissioni. Titoli su giornali e blog sono apparsi per dare la notizia in diretta e tantissimi sono stati i commenti e le richieste di spiegazione pervenute all’azienda.

Non solo Milano

Non è stata solo Milano l’oggetto di questa campagna, poiché anche in altre città del mondo sono apparsi manifesti simili, dove apparentemente montava fervente la protesta nei confronti del brand. Infatti a New York e Los Angeles erano apparsi nei giorni scorsi dei cartelloni pubblicitari che recitavano “Netflix Is a Joke“, ossia “Netflix è uno scherzo“. Successivamente però, ciò che sembrava denigratorio lo era tutt’altro: l’azienda stava pubblicizzando i contenuti comici presenti nel suo nuovo catalogo.

netflix is a joke

Era solo una campagna pubblicitaria

Ma ecco il colpo di scena: sui social media aziendali, Facebook, Instagram, Twitter, appare il post che vi abbiamo mostrato precedentemente che fruga ogni dubbio: è stata la stessa azienda ad ordinare l’affissione di cartelloni e manifesti.

Ma allora cosa significa il claim “Basta Netflix”?

La lingua italiana si presta molto ai giochi di parole. Infatti quel Basta può avere diversi significati: il termine può essere inteso come terminare qualcosa di sbagliato che si stava svolgendo ma può essere anche inteso, e questo è il significato più plausibile, che si necessita solo di Netflix per..e quindi avrebbe un’accezione positiva.

Dall’azienda ancora nessuna delucidazione a riguardo. Staremo a vedere nelle prossime settimane cosa c’è dietro questa apparentemente insensata campagna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *