Home Sport Calcio e Cryptovaluta: i top player con il progetto Zilliqa

Calcio e Cryptovaluta: i top player con il progetto Zilliqa

0
10
calciatore foto

Calcio e Cryptovaluta: i top player con il progetto Zilliqa, oggi su Pop Up

La tecnologia Blockchain rivoluzionerà il nostro futuro e il sistema economico. Transazioni di denaro elettronico passano senza l’intermediazione di una banca, anche se oggi, i grandi istituti finanziari sono interessati a sviluppare questa tecnologia, anche in reti chiuse. Nonostante il mondo digitale sia sinonimo di velocità in questo momento, Bitcoin non è in grado di elaborare tutte le domande per la sua rete, visto il notevole aumento delle commissioni di transazione. Ecco che entra in gioco Zilliqa, la prima blockchain pubblica per migliorare lo sharding, ovvero la frammentazione di database di grandi dimensioni, rendendo tutto più veloce e di conseguenza facilmente gestibile.

Zilliqa consente così una scalabilità lineare, man mano che la blockchain cresce di volume, adattandosi alle dimensioni della rete. In pratica Zilliqa riesce ad elaborare decine o centinaia di migliaia di transazioni al secondo.

Questa tecnologia ha iniziato ad emergere anche nel mondo del calcio, coinvolgendo molti top player, che hanno annunciato la loro partnership con Zilliqa via Twitter con un video e gli hashtag #ZILForTheWin e #ZilliqaFootballStars. A darne notizia il sito Cryptonomist.ch.

Si tratta dei seguenti calciatori: James Rodríguez, il centrocampista dell’Everton e della nazionale colombiana; Diogo Jota, l’attaccante e ala del Liverpool e della nazionale portoghese; Renato Sanches, il centrocampista del Lilla e della nazionale portoghese; Keylor Navas, il portiere del Paris Saint-Germain e della nazionale costaricana; Radamel Falcao, l’attaccante del Galatasaray e della nazionale colombiana, nonché capitano; João Félix, l’attaccante dell’Atlético Madrid e della nazionale portoghese; Rúben Dias, il difensore del Manchester City e della nazionale portoghese; Raúl Jiménez l’attaccante del Wolverhampton e della nazionale messicana; infine anche lo spagnolo Diego Costa, che attualmente è svincolato.

Nonostante non sia ancora stato rivelato ufficialmente il progetto, si ipotizza che potrebbe trattarsi di qualcosa inerente agli NFT, ovvero al Non-Fungible-Token.

Se un Bitcoin può essere scambiato con qualsiasi altro Bitcoin e all’utente non cambierebbe nulla, un NFT è unico e funziona come un oggetto da collezione, che accumula valore in modo indipendente.

I tweet hanno raggiunto così milioni di follower, e non solo hanno dato una notevole visibilità per Zilliqa, ma hanno anche innescato un aumento di valore del 12% del token ZIL.

Il progetto Zilliqa ha deciso di scendere in campo in una delle più grandi industrie sportive europee per raggiungere il successo. Insomma, il legame tra il mondo del calcio e quello della blockchain sembra rafforzarsi sempre di più. Basti pensare che nel 2020 la valutazione di mercato NFT è stata stimata a 250 milioni di $, nonché uno dei mercati in più rapida crescita all’interno del settore blockchain.

Al momento le collaborazioni tra top brand calcistici e società che utilizzano tecnologie legate al mondo delle criptovalute sono parecchie, come nel caso del Southampton, la prima squadra griffata Premier League ad essere pagata in Bitcoin dal suo main sponsor Sportbet.io, della Coingaming Group. Mentre nella nostra Seria A, Juventus e Milan hanno già adottato una strategia win-win con i token, per rafforzare il legame del tifoso con la propria squadra del cuore, senza incidere sulla solidità finanziaria del club.

Insomma la cryptomania è arrivata anche tra gli appassionati di calcio. Buon cryptocalcio a tutti!