web marketing turistico con LinkedIn

Web marketing turistico con LinkedIn: l’utilizzo del social da parte dei musei italiani

Non accenna a diminuire il notevole ritardo dei musei italiani nell’utilizzo dei social network. L’ultimo rapporto #SocialMuseums Civita, di marzo scorso, non fa che confermare questo andamento. In Italia, oltre 36 milioni di persone fanno quotidianamente uso dei social ma, di questi, solo 9 milioni li utilizzano per interfacciarsi con realtà culturali di vario genere e solo per attività marginali.

Il motivo dello scarso appeal di queste realtà sul web sta nell’uso che viene fatto dei social network: sempre secondo la ricerca Civita, da parte di musei e istituzioni culturali sul web non viene incentivata la bi-direzionalità della relazione col pubblico; viene inoltre utilizzato un linguaggio spesso non consono alla rete.

In Italia, così come all’estero, il social network più utilizzato dai musei è Facebook; se la cava bene anche Twitter e, soprattutto negli ultimi tempi, acquisiscono importanza strumenti che puntano sulla seduzione visiva quali Youtube, Instagram e Pinterest.

Ma se consultiamo una classifica dei social network più utilizzati – in generale – in Italia, aggiornata all’inizio del 2016, troviamo al quarto posto una piattaforma, Linkedin, che parrebbe essere totalmente assente tra gli strumenti utilizzati da musei e istituzioni culturali italiani.

E in effetti è così: in Italia, poche istituzioni culturali possiedono una pagina Linkedin dedicata. E nei pochi casi presenti, non ci sono mai o quasi mai aggiornamenti, mai interazioni con gli utenti, mai nulla che vada oltre una semplice vetrina per recapiti e poco altro. E questo avviene anche per quelle (poche, su Linkedin) istituzioni di importanza nazionale e internazionale, che invece trarrebbero grande vantaggio dall’utilizzo corretto di questa piattaforma. Mancano, evidentemente, le professionalità che sappiano cogliere l’importanza degli strumenti del web; e, probabilmente, mancano nella stragrande maggioranza le risorse economiche per poterne disporre.

È inoltre quasi del tutto sconosciuto l’uso dei gruppi (a proposito di bi-direzionalità della comunicazione con gli utenti) e di Pulse, per la condivisione di articoli e idee.

Radicalmente diversa la situazione all’estero. Come spesso accade in ambito di comunicazione e marketing, i grandi musei americani dettano legge. MoMA e Metropolitan, ad esempio, ci raccontano un uso di Linkedin totalmente diverso da quello che si fa in Italia: non più una vetrina ma un vero e proprio strumento di lavoro; il MoMA, con decine di migliaia di followers, utilizza la pagina per pubblicare le numerose opportunità di lavoro che offre (non è un caso che siano soprattutto figure in ambito digital):

Cattura

Il Metropolitan condivide articoli, propri ed esterni, e incoraggia la discussione con gli utenti:

metropolitan

https://www.youtube.com/watch?v=2oCN9adqGpM

Ma anche in Europa troviamo istituzioni museali che fanno di Linkedin un importante strumento di comunicazione: il British Museum, in Inghilterra, pubblica offerte di impiego, comunica attività di approfondimento per l’attività dei dipendenti; il Victoria and Albert si comporta allo stesso modo.

british

Stessa cosa dicasi per l’uso di Pulse e dei gruppi.

Mi ha incuriosito, però, che la situazione di grandi musei francesi e spagnoli sia del tutto simile a quella italiana. Devo pensare, quindi, che l’utilizzo di strumenti quali Linkedin si sposi meglio con una mentalità di tipo anglosassone, forse per certi versi più pratica e immediata. In definitiva ciò che emerge da questa ricerca è la capacità da parte dei paesi di lingua inglese di fare web marketing turistico con LinkedIn in modo efficace, ottenendo buoni risultati.

Mi piacerebbe conoscere il vostro parere in merito: può la collocazione geografica, il bagaglio culturale di un popolo influenzare in qualche modo l’utilizzo dei social network?

2 Commenti

  1. In italia i musei non utilizzano linkedin perche’ non hanno posti di lavoro. Un impiego all’interno di un museo rappresenta ancora un miraggio, sebbene si abbiano tutti i requisiti. Si dovrebbe fare un’opera di “svecchiamento”, lasciare posto ai giovani laureati che hanno tanto da dare!
    i musei italiani non investono in figure digital perche’ “non ci sono soldi” ma soprattutto perche’ queste professioni vengono ancora sottovalutate e poco pagate.
    Abbiamo un patrimonio artistico invidiabile, ma prima di arrivare all’utilizzo di linkedin, c’e’ tanta strada da percorrere…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui