the super league calcio

The Super League: è nata la superlega di calcio. Tutti i numeri della rivoluzione calcistica europea

Un boato ha scosso il calcio europeo e non solo: The Super League, ovvero la Superlega di calcio è nata per sconvolgere lo sport come lo avevamo sempre pensato.

Quindici squadre onnipresenti e “qualificate” per meriti economici e di fatturato più altre cinque qualificate per meriti sportivi che si danno battaglia ogni anno per conquistare l’ambito premio di miglior squadra d’Europa. Questa notizia ha sconvolto tutto il mondo sportivo, ma si tratta di qualcosa che era nell’aria già da tempo, e la tempistica non è stata un caso. Infatti in questi giorni si sarebbe dovuta tenere la conferenza stampa per il lancio di un nuovo format per le coppe europee per aumentare la spettacolarità (e gli introiti economici) delle varie coppe. Ma vediamo insieme in cosa consiste questa Superlega di calcio e cosa significa da un punto di vista economico e di marketing sportivo, che è ciò a che a noi compete in quanto sito settoriale che tratta di marketing e comunicazione.

Buona lettura a tutti da Francesco e da Pop Up!

Come funziona The Super League di calcio?

Prima di tutto come funziona questa nuova lega. Saranno 15 le squadre che saranno sempre presenti alla competizione, in quanto portatrici di ricavi e fan base di maggiore portata rispetto alle altre.

Si tratta dei seguenti club, che hanno anche maggior seguito fuori dall’Europa:

  1. Real Madrid
  2. Barcellona
  3. Juventus
  4. Milan
  5. Inter
  6. Atletico Madrid
  7. Chelsea
  8. Manchester UTD
  9. Manchester City
  10. Arsenal
  11. Liverpool
  12. Tottenham

A queste si dovrebbero aggiungere Bayern Monaco, Borussia Dortmund e PSG. Altre 5 invece prenderebbero parte alla manifestazione per meriti sportivi (posizione in campionato). Si tratta dunque di una lega privata ad inviti esclusivi, a cui possono accedere solo i club con il maggiore fatturato, escludendo di fatto le formazioni che non sono invitate a giocare.

Il torneo si giocherebbe nei turni infrasettimanali con due gironi da dieci squadre con partite di andata e ritorno. Le prime quattro si qualificano i quarti di finale, con gare di andata e ritorno ad eliminazione diretta fino a giungere alla finale secca, che si terrà in un luogo neutrale e itinerante. Questa competizione per club prenderebbe il via già il prossimo agosto, secondo i ben informati.

Florentino Perez, nuovo presidente di questa superlega di calcio ha così dichiarato:

“Aiuteremo il calcio a tutti i livelli e lo porteremo al suo giusto posto nel mondo. Il calcio è l’unico sport globale al mondo con più di quattro miliardi di tifosi e la nostra responsabilità come grandi club è rispondere ai loro desideri “.

Sostenendo il nuovo campionato europeo, Andrea Agnelli, presidente della Juventus e vicepresidente della Super League ha dichiarato:

“I nostri 12 club fondatori rappresentano miliardi di fan in tutto il mondo e 99 trofei europei. Ci siamo riuniti in questo momento critico, consentendo di trasformare la competizione europea, mettendo il gioco che amiamo su una base sostenibile per il futuro a lungo termine, aumentando sostanzialmente la solidarietà e offrendo ai fan e ai giocatori un flusso regolare di partite importanti che nutriranno la loro passione per il gioco fornendo loro modelli di ruolo coinvolgenti”.

Joel Glazer, co-presidente del Manchester United e vicepresidente della Super League, ha dichiarato:

“Riunendo i migliori club e giocatori del mondo per affrontarsi a vicenda per tutta la stagione, la Super League aprirà un nuovo capitolo per il calcio europeo, garantendo competizioni e strutture di livello mondiale e un maggiore sostegno finanziario per la piramide calcistica più ampia”.

FIFA e Istituzioni Sportive contrarie

Non si è fatta attendere la risposta delle maggiori istituzioni calcistiche e sportive, come FIFA e UEFA, che hanno condannato questa scelta, promettendo squalifiche, sanzioni economiche e causa milionarie per i club e i calciatori che vi parteciperanno.

Si attende adesso l’evolversi della faccenda, ma dal mondo dello sport e della politica arriva secco il NO alla competizione, che eliminerebbe il merito sportivo, uno dei principali valori dello sport, oltre che l’inclusività e la stessa unità europea (ci sono solo 5 campionati europei presenti, mentre gli altri paesi con le loro squadre sono stati esclusi).

Marketing e Introiti economici

Quanto vale la Superlega di Calcio? The Super League è pronta a mettere in campo svariati miliardi di euro per portare avanti la competizione, con l’aiuto dei grandi fondi d’investimento e banche mondiali.

Un portavoce di JP Morgan ha confermato che la multinazionale americana finanzierà il progetto con 3,5 miliardi di euro:

“Il nuovo torneo annuale fornirà una crescita economica significativamente più elevata ed un supporto al calcio europeo tramite un impegno di lungo termine a versare dei contributi di solidarietà senza tetto massimo, che cresceranno in linea con i ricavi della Lega”.

Questo è solo una voce del coro dei diversi investitori del progetto. Da quanto si apprende, la nuova manifestazione privata sarà gestita da una società partecipata da ciascun club che prende parte alla competizione nella misura di 2 milioni di euro incrementabili a otto totali.

All’avvio della superlega europea di calcio, i club fondatori riceveranno un importo pari a 3,5 miliardi di euro, che verrà erogato in un’unica soluzione in base alla ripartizione tra gli stessi club in base alla commercializzazione dei diritti TV per la trasmissione delle gare in diretta mondiale. Questo importo verrà suddiviso tra i vari club partecipanti. Il fatturato annuo dovrebbe invece raggiungere circa i 10 miliardi di euro. Una cifra monstre.

Se vogliamo mettere insieme l’audience dei club partecipanti, si evince che insieme questi club rappresentino più della metà dell’intera fan base di appassionati al calcio, rappresentata da miliardi di persone in tutto il mondo. Si è stimato che mettendo insieme i tifosi di queste 12 formazioni, si giunge a oltre 1 miliardo di tifosi nel mondo (circa 1/7 della popolazione mondiale).

Snoccioliamo adesso alcuni dati utili a capire la portata di questo nuovo fenomeno.

Se mettiamo insieme le varie fan base delle squadre partecipanti alla super league sui social, il risultato è il seguente:

  1. Real Madrid: 244.8 milioni di follower totali provengono da Facebook 111M, Instagram 97M e Twitter 36.8M.
  2. Barcellona: 235.8 milioni di follower totali del club provengono da Facebook 103.5M, Instagram 96M e Twitter 36.3M.
  3. Manchester UTD: 138.4 milioni di follower totali provengono da Facebook  73.2M, Instagram  40.1M e Twitter 25.1M.
  4. Juventus: 101.6 milioni di follower totali provengono da Facebook 44.3M, Instagram 48.2M e Twitter 9.1M.
  5. Chelsea: 91.3 milioni di follower totali provengono da Facebook 48.8M, Instagram 25.9M e Twitter 16.6M.
  6. Liverpool: 84.9 milioni di follower totali provengono da Facebook 37.4M, Instagram 30.5M e Twitter  17M.
  7. Arsenal: 73.3 milioni di follower totali provengono da Facebook  37.8M, Instagram  19.2M e Twitter 17.3M.
  8. Manchester City: 72.7 milioni di follower totali provengono da Facebook  39.9M – Instagram  23.3M – Twitter 9.5M.
  9. Milan: 42.4 milioni di follower totali tra 25 milioni di seguaci su Facebook @acmilan 9,7 milioni su Instagram @acmilan, 7.7 milioni di follower su Twitter @acmilan
  10. Tottenham: 38 milioni di follower totali tra 22 milioni di like su Facebook @tottenhamhotspur 10,2 milioni di follower su Instagram @spursofficial, 5.8 milioni di follower su Twitter @spursofficial
  11. Inter: 36.8 milioni di follower totali tra 28 milioni su Facebook @inter 6,5 milioni di follower su Instagram @inter, 2.3 milioni di follower su Twitter @inter
  12. Atletico Madrid: 29 milioni di follower totali tra 13 milioni di like su Facebook @atleticodemadrid 11,1 milioni di follower su Instagram @atleticodemadrid, 4.9 milioni di follower su Twitter @atleti

TOTALE FOLLOWER GLOBALI: 1.2 miliardi 

Se guardiamo ai risultati sportivi degli ultimi 10 anni, le 12 si collocano qui:

  1. FC Barcellona
  2. Real Madrid CF
  3. Bayern Monaco
  4. Paris Saint Germain
  5. Atletico Madrid
  6. Juventus FC
  7. Chelsea FC
  8. Manchester City FC
  9. Manchester United FC
  10. Arsenal FC
  11. Celtic FC
  12. SSC Napoli
  13. Sevilla FC
  14. Grêmio FB Porto Alegrense
  15. Tottenham Hotspur
  16. Atlético Nacional
  17. Liverpool FC
  18. Borussia Dortmund
  19. RB Salzburg
  20. Benfica

Mancano qui Inter e Milan sulle 12 totali, ma abbiamo le squadre che hanno vinto di più negli ultimi dieci anni nelle competizioni nazionali e continentali.

E se volessimo misurare il valore del brand in base ai ricavi? Ecco la classifica della Football Money League:

1. FC Barcelona (715,1 mln)

2. Real Madrid (714,9 mln)

3. Bayern Monaco (634,1 mln)

4. Manchester United (580,4 mln)

5. Liverpool (558,6 mln)

6. Manchester City (549,2 mln)

7. Paris Saint Germain (540,6 mln)

8. Chelsea (469,0 mln)

9. Tottenham Hotspur (445,7 mln)

10. Juventus (397,9 mln)

11. Arsenal (388,0 mln)

12. Borussia Dortmund (365,7 mln)

13. Atletico Madrid (331,8 mln)

14. Internazionale (291,5 mln)

15. FC Zenit (236,5 mln)

16. Schalke (222,8 mln)

17. Everton (212,0 mln)

18. Olympique Lyonnais (180,7 mln)

19. Napoli (176,3 mln)

20. Eintracht Frankfurt  (174,0 mln)

Tra queste manca il Milan ma il totale è da urlo: 5.441,9 milioni di euro. Inarrivabile per tutte le altre squadre messe insieme.

Infine il valore del brand secondo la classifica Forbes (dati al 2020):

  1. REAL MADRID – 4.239 milioni di euro
  2. BARCELLONA – 4.021  
  3. MANCHESTER UNITED – 3.808 
  4. BAYERN MONACO – 3.024
  5. MANCHESTER CITY – 2.688 
  6. CHELSEA – 2.576 
  7. ARSENAL – 2.268 
  8. LIVERPOOL – 2.183 
  9. TOTTENHAM HOTSPUR – 1.624 
  10. JUVENTUS – 1.512 
  11. PARIS SAINT-GERMAIN – 1.092
  12. ATLÉTICO MADRID – 953 
  13. BORUSSIA DORTMUND – 896
  14. SCHALKE 04 – 683
  15. INTER MILAN – 672
  16. AS ROMA – 622
  17. WEST HAM UNITED – 616
  18. AC MILAN – 583 
  19. EVERTON – 476
  20. NEWCASTLE UNITED – 381

Totale del valore delle società partecipanti ad ora: 27,127 miliardi di euro.

Tutti questi dati servono a far capire che queste società rappresentano la quasi totalità del calcio mondiale. Impedire la costituzione della Super League di Calcio è un’impresa quasi impossibile.

Ma chi trasmetterà queste gare?

DAZN, che sembra non essere l’emittente prescelta per la trasmissione delle gare ha così dichiarato: ‘Ma noi non c’entriamo’”.

I canali di comunicazione della nuova The Super League di calcio

Intanto sono già nati il sito ufficiale della competizione e il primo canale social, Twitter:

Staremo a vedere cosa accadrà adesso, ma la rivoluzione del calcio ha inizio. Sta a noi decidere poi se piace oppure no. Perchè in fin dei conti senza i tifosi non ci sarebbe nemmeno lo sport.