Spot Nike: i più belli

0
921
nike logo

Spot Nike: i più belli di sempre realizzati dal marchio sportivo americano

Phil Knight ha creato, a partire dagli anni ’60, un impero economico grazie a Nike, iconico brand che oggi veste gli sportivi più famosi, di qualunque disciplina. Ma la creazione del logo e dell’azienda è stata accompagnata, negli anni, anche da campagne pubblicitarie ad alto impatto, che hanno promosso il marchio in tutto il mondo. Mitiche le pubblicità che vedono come protagonisti le icone sportive di ogni epoca: da Michael Jordan a Ronaldo, da Agassi a Cristiano Ronaldo e tanti altri, che negli anni hanno prestato il proprio volto in spot, divenuti nel tempo iconici.

In questo post a cura di Pop Up vogliamo ripercorrere con voi la storia delle pubblicità Nike, andando a rivedere gli spot più belli realizzati dall’azienda americana. Bentornati sul nostro portale!

Just do It 1988

Non potevamo non partire dallo spot pubblicitario Nike, che vede per la prima volta l’utilizzo del suo famoso claim “Just do It”, che tradotto in italiano significa “Fallo”. Un’esortazione all’azione. In realtà questo claim è stato ideato successivamente a quello che recitava “There is no finish line” del 1976 dalla John Brown and Partners, che però non convinceva del tutto.

Ed è così che Dan Wieden conia l’espressione “Just do It” per la campagna pubblicitaria Nike del 1988, che vede come protagonista il runner americano Walt Stack, che nella sua vita ha percorso un totale di 62.000 miglia. Lo stesso slogan è scelto poi da Advertising Age come uno dei cinque più famosi del XX secolo.

Da quel momento in poi Nike ha compreso l’importanza di uno spot d’impatto per la promozione del suo marchio. Ed è così che negli anni successivi nascono vere e proprie pietre miliari della pubblicità mondiale.

Instant Karma 1992

Il regista David Fincher gira nel 1992 uno spot pubblicitario davvero d’impatto per il lancio della linea Huarache. Questo mostra atleti di tutto il mondo, famosi e non, allenarsi per dare il meglio di sé, in un mix di immagini evocative, sempre accompagnate dal claim Just do It e dal logo Nike, oltre che da una colonna sonora altamente motivante. Nello spot compaiono anche le stelle NBA Michael Jordan e Scottie Pippen.

The Wall 1993

Andiamo con il nostro racconto al 1993, quando Nike si presenta con uno spot dedicato ai mondiali americani di USA ’94. Il titolo dello spot è “The Wall”, ossia il muro. Con una grafica d’impatto per l’epoca, questo spot mostra i monumenti più importanti delle nazioni partecipanti al mondiale (anche se vi sono Francia e Inghilterra che non riusciranno poi a parteciparvi) sulle cui mura si muovono i calciatori più rappresentativi dell’epoca, che si lanciano la palla da un posto all’altro, fino ad arrivare al portiere Campos del Messico che deviando il pallone, va a colpire l’insegna Nike. Dallo spot si comprende come il marchio si stia interessando sempre più al mondo del calcio e non solo più agli sport nei quali era presente in precedenza (come ad esempio basket e atletica). Una nuova business unit su cui concentrare i propri sforzi commerciali..

Agassi vs Sampras 1995

Altro pezzo di storia della pubblicità Nike è lo spot del 1995, che vede protagonisti i più forti tennisti dell’epoca: stiamo parlando di Sampras e Agassi, che si danno battaglia in un campo da tennis improvvisato, ossia le strade di San Francisco! Ed è così che montano una rete in mezzo al traffico cittadino e giocano il loro tennis, che era molto diverso. Due modi di interpretare lo stesso sport, e che servono per il lancio di due linee di scarpe Nike: le Air Challenge LWP, indossate da Agassi e le Air Max2 Spa, calzate invece da Sampras.

Air Jordan

In questo caso più che uno spot si tratta di una serie di pubblicità che vedono come protagonista il più grande giocatore di basket di tutti i tempi: stiamo parlando ovviamente di Michael Jordan, che lancia una sua linea di scarpe Nike dal nome altamente evocativo, ossia le “Air Jordan”. Si tratta di una linea di scarpe che diverranno le più vendute della storia del marchio sportivo, che le promoziona con una serie di spot andati in onda in TV dal 1986. Attraverso queste pubblicità, potete facilmente capire l’evoluzione anche nel modo di promozionare il prodotto.

Good vs Evil 1996

Personalmente, la mia pubblicità Nike preferita è quella ideata dall’agenzia Wieden e Kennedy dal titolo Good vs Evil, ambientata al Colosseo di Roma, che per l’occasione diviene un’arena nella quale si scontrano le forze del bene e del male. In ballo c’è il destino del calcio. Ed è così che Ronaldo, Maldini, Figo e altri riescono, con le loro azioni, a salvare il gioco più bello. Nella storia la battuta recitata da Eric Cantona che stoppando la palla, alzandosi il colletto della maglia e prima del tiro, sfida il diavolo esclamando in francese “Au revoir”, scagliando poi una palla infuocata che penetra nel corpo del satanasso e si infila in rete. Da qui in poi sono diverse le pubblicità sul calcio che il brand lancia nel corso degli anni.

L’aeroporto 1997

Altro spot entrato nella storia della Nike come uno dei più famosi è quello intitolato “L’aeroporto” del 1997, che doveva promozionare il brand in vista dei mondiali di Francia ’98. Con le note della famosa Mas que nada, i calciatori brasiliani, annoiati dall’attesa in aeroporto, si dilettano in giocate al limite dell’impossibile..fino ad arrivare a Ronaldo che calcia il pallone sicuro di segnare, e invece prende il palo. Nello spot anche Cantona. Da questa pubblicità nasceranno filoni simili come il joga bonito e la gabbia.