Alla scoperta di Quora, il social network delle domande (anche in italiano)

0
61
quora logo

Esiste un luogo, sul web, dove ad ogni domanda corrisponde una risposta. E questo è possibile grazie al continuo contributo degli utenti. Ecco Quora, il social delle domande.

«La missione di Quora è condividere ed espandere la conoscenza».

Immaginatevi un luogo in cui ognuno è messo in condizione di poter mettere la sua conoscenza a disposizione degli altri. Un luogo (virtuale, s’intende), dove tutti possono dare un piccolo contributo per far sì che qualsiasi quesito, dubbio, ipotesi trovi una soluzione.

Proprio da questa idea di Adam D’Angelo è nato Quora, un social network dove ogni domanda è a portata di mano, così come la risposta.

Un format non di certo innovativo, e che sembra avvicinarsi a Yahoo Answer piuttosto che a Google. Ma proprio il secondo aveva sormontato il form dove gli utenti rispondevano a domande specifiche. Dunque perché quest’idea di replicare una formula che in passato si è già dimostrata perdente?

Proviamo a capirlo.

Come funziona Quora, il social delle domande

Un modello simile a Yahoo Answer, ma diverso. Già, perché su Quora quello che fa davvero la differenza è la qualità. A differenza di altri esperimenti sul web, qui tutto vuole essere costruito per dare all’utente la possibilità di trovare esattamente la risposta che sta cercando.

Ma cerchiamo di andare a fondo e capiamo come funziona e quali sono le logiche di questo nuovo social network.

Il primo punto fondamentale è la profilazione dell’utente. Grazie a una serie di dati ogni utente se iscrive su Quora viene associato a degli interessi specifici: questo lo aiuta a partecipare in maniera attiva, ma soprattutto a trovare risposte a informazioni pertinenti con la sua curiosità.

Un secondo punto interessante è la social proof, che qui si basa prevalentemente su punteggi. Ciascuna risposta viene infatti associata a un punteggio, che è pubblicamente visibile a tutti gli utenti della piattaforma. In questo modo è possibile riconoscere immediatamente una risposta di qualità alta da una che invece gli utenti hanno ritenuto sbagliata, inesatta, inappropriata o altro.

In questo modo ciascun utente può costruirsi piano piano una nicchia di riferimento, diventare una sorta di esperto e assumere le sembianze di un vero e proprio influencer. Accumulando punteggi positivi e continuando a dare risposte, le persone cominceranno dunque a fare affidamento su figure di spicco della piattaforma.

Insomma, quello di Quora è un meccanismo che si fonda sulla qualità, e proprio per questo le migliori risposte sono mostrate in un feed che è diverso per ciascun utente, sempre basato su interessi e altri dati personali.

Come fare le domande su Quora

Passando al pratico, vediamo come funziona il social. Come abbiamo detto chiunque può approcciarsi al social, senza alcun bisogno di essere un esperto in una specifica materia. 

Una volta completato il profilo si potranno inserire una serie di argomenti di competenza e poi cercare gli argomenti su una barra di ricerca. Per fare una domanda, invece, è sufficiente andare in alto a destra e cliccare sul tasto rosso aggiungi una domanda.

A questo punto si aprirà una schermata con una guida per compilare in modo corretto la domanda. In questo modo gli utenti potranno trovare risposte pertinenti a qualsiasi tipo di argomento, come ad esempio come accedere al casino mobile di Eurobet, come aumentare i follower del proprio profilo Instagram o quali sono le dosi per la ricetta del loro dolce preferito! Insomma, non ci sono davvero limiti alla fantasia e alla conoscenza.

Oltre a fare domande e rispondere, il social mette anche a disposizione altre azioni, come commentare, dare un voto, seguire una persona o un particolare topic, mandare messaggi diretti, tradurre domande e risposte e anche controllare statistiche, visualizzazioni e altre metriche.

Al momento non è ancora possibile fare attività di advertising, ma sembra che già in molti abbiano adocchiato Quora come un ottimo social per fare brand awareness o altre attività di marketing. In generale, il social al momento sta riscuotendo un ottimo successo, con oltre 200 milioni di visitatori unici mensili in tutto il mondo.