L’ascesa di VR e AR nel marketing sportivo per migliorare l’esperienza durante la Coppa America

0
88
realtà aumentata sport

Il mondo della tecnologia e delle innovazioni è uno dei settori più versatili e capaci di influenzare qualsiasi altro settore. Compreso il mondo dello sport! I professionisti del marketing sportivo stanno valutando da tempo le migliori soluzioni innovative per poter agire sul miglioramento pratico dell’esperienza dei tifosi. Molte società hanno iniziato ad adottare la realtà aumentata (AR) in modo da considerare tutte le prospettive e i bisogni dei fan attraverso questo strumento di marketing. 

Inutile negare che proprio la realtà aumentata può avere un ruolo chiave nel contesto sportivo, soprattutto per influenzare le abitudini dei consumatori. Nei recenti studi effettuati su scala mondiale è stata posta massima attenzione verso l’uso di smartphone come veicolo per fornire l’AR agli utenti. E i risultati emersi sono piuttosto interessanti.

Quali sono gli utilizzi della realtà aumentata nello sport?

Come è noto, lo scopo della realtà aumentata è quello di sovrapporre le informazioni digitali ad ambienti del mondo reale usando la fotocamera di uno smartphone, un’interfaccia AR o gli occhiali AR. Tutto questo, se applicato con le giuste strategie, può trasformare l’intrattenimento sportivo e soprattutto il livello di coinvolgimento dei tifosi. Ecco perché diverse federazioni ed eventi sportivi cercano di affidarsi a sempre più app AR innovative per amplificare l’adrenalina e la curiosità degli appassionati verso il gioco, non solo durante un evento con partecipazione attiva, ma anche per gli spettatori da casa. Per questo potrebbero essere implementate importanti novità in vista della Coppa America, che si terrà tra il 20 giugno e il 14 luglio 2024.

L’uso di VR e AR nello sport

Le tecnologie della Realtà Virtuale e della Realtà Aumentata non agiscono solo sugli sport, ma anche su quelle attività che ruotano attorno alle manifestazioni, come le scommesse che mirano a offrire esperienze più immersive. Si può immaginare di puntare su scommesse live online su ambienti digitali specializzati, come quelli del gruppo Betsson, aggiungendo una nuova dimensione di intrattenimento degna di uno stadio o un palazzetto, per esempio. Per potenziare questo tipo di sistema si passa inevitabilmente per un’offerta di informazioni. Negli sport popolari come calcio, basket e tennis, che in Italia vanno per la maggiore, l’AR può permettere di visualizzare rappresentazioni virtuali delle formazioni, così da scoprire tutte le ultime novità in merito a un match. Il tutto può essere equipaggiato con animazioni 3D dei giocatori, contenuti interattivi o grafica live, elementi certamente capaci di agire sui livelli di coinvolgimento.

E i dati per ora sembrano dare ragione a questa rivoluzione della realtà aumentata: in America, per esempio, è stato registrato un aumento del coinvolgimento degli spettatori del 15% durante le trasmissioni sportive che hanno adottato strumenti AR. E durante gli eventi sportivi in diretta l’aumento è addirittura salito al 20%.

Benefici pratici anche in termini di arbitraggio

Non dimentichiamo poi che i benefici possono anche essere registrati a livello pratico: queste tecnologie infatti possono potenziare anche il cosiddetto Hawk-Eye, ovvero il sistema di moviola utilizzato soprattutto nel tennis, nel cricket e in altri sport. Si parla quindi di provare a migliorare l’arbitraggio sportivo, eliminando l’incertezza rispetto alle azioni di gioco e ai movimenti della palla oltre la linea, anche nel calcio. Gli assistenti degli arbitri possono prendere decisioni in modo più rapido, offrendo agli appassionati un servizio più trasparente e reale. Ecco perché si crede che l’uso di certi strumenti possa essere perfetto per avviare una fase di test anche su un evento così importante e sentito come la Coppa America.

Non dimentichiamo che la realtà aumentata viene usata nei musei, in particolare al Museo del Louvre. Perché allora non pensare di introdurla anche per i servizi sportivi?

Pensiamo ai possibili tour virtuali degli stadi che offrono servizi digitali, coinvolgenti e interattivi per fornire una visione a 360 gradi degli impianti. La costruzione di un ambiente digitale offre nuovi spazi per la pubblicità e la nascita di nuovi sponsor. Ma l’AR può anche agire sulle scelte pratiche dei tifosi, per esempio sul processo di selezione dei posti a sedere durante l’acquisto dei biglietti per un evento sportivo. Inoltre, grazie allo sviluppo di un’apposita app e piattaforma, può diventare possibile guidare i fan ai loro posti, agli stand e alle aree di ristorazione per migliorare anche i servizi offerti all’interno delle strutture sportive.

Conclusioni

Il marketing sportivo interattivo utilizza diverse tecnologie per incoraggiare attivamente i consumatori a interagire per vivere un’esperienza memorabile e soprattutto personalizzata. Dagli annunci pubblicitari alle esperienze di acquisto di prodotti e servizi, le funzionalità ci sono, l’innovazione tecnologica è pronta: manca solo il coraggio di aprirsi verso nuovi orizzonti e dare inizio a una fase di test sugli eventi di massimo prestigio.