Google aggiunge i dati delle query che hanno ricevuto impression ma nessun clic

0
180
google webspam

Google aggiunge nel suo report i dati storici delle query che hanno ricevuto impression ma nessun clic e rimuoverà dal 1° febbraio 2022 i dati storici delle query che non soddisfano le nuove regole sulla privacy

Google cambia ancora. I suoi continui sforzi per migliorare i servizi offerti agli utenti e adeguarsi alle norme sulla privacy, si tramutano in una serie nuove impostazioni e servizi, oltre che continui update, utili a migliorare l’esperienza utente e regolamentare i suoi servizi. A partire da oggi e, così come comunicato anche da Search Engine Land, Google mostrerà ai propri inserzionisti tutti i dati storici per le query che hanno prodotto impressions ma nessun clic, nel suo rapporto sui termini di ricerca per le campagne ads.

Inoltre, il 1° febbraio 2022, Google Ads rimuoverà i dati storici delle query (raccolti prima del 1° settembre 2020) che non soddisfano più le soglie minime imposte dalla normativa sulla privacy.

Come dichiarato da Pallavi Naresh, senior product manager di Google, a Search Engine Land:

“Storicamente, il rapporto mostrava solo le query che avevano ricevuto clic. Sapevamo che gli inserzionisti volevano più dati e abbiamo dovuto investire nel nostro stack tecnologico per mostrare questa mole di dati in Google Ads.”

Altra novità comunicata dal motore di ricerca americano è la rimozione, nei rapporti, dei dati storici legati alle query raccolte prima del 1° settembre 2020, che non soddisfano più i suoi requisiti sulla privacy.

Come dichiarato da Naresh:

“La maggior parte degli inserzionisti continuerà a visualizzare la maggior parte delle proprie query prima del 1° settembre 2020. Stiamo rimuovendo solo le query storiche che non soddisfano più i requisiti in termini di privacy, per i rapporti sulle query di ricerca che abbiamo stabilito nel settembre 2020. Stiamo rimuovendo questi dati come parte del nostro continuo sforzo per rendere coerenti le nostre nuove soglie di privacy su Google.”

Si tratta di altre due succulenti novità prodotte da Google per migliorare i suoi servizi e adeguarsi alle normative in termini di privacy.