Gaming, in Italia aumentano aziende con oltre 10 dipendenti

0
264
gaming

Negli ultimi decenni l’industria del gaming ha conosciuto un’enorme crescita, al punto da diventare uno dei mercati più redditizi al mondo. In particolare, in Italia, si è notato un aumento notevole del numero di giocatori, delle imprese, degli addetti e del fatturato.

La crescita del settore: i dati

Secondo un rapporto del 2022 di IIDEA, l’associazione di categoria dell’industria dei videogiochi in Italia, il mercato dei videogiochi nel Belpaese ha stabilizzato positivamente il proprio valore a 2,2 miliardi di euro, rendendo ormai evidente che anche in post-pandemia il videogioco rimane un intrattenimento molto apprezzato, soprattutto sui mobile device. Nel tempo libero, il 32% della popolazione tra i 6 e i 64 anni ha utilizzato i videogiochi per svagarsi. Si tratta di ben 14,2 milioni di persone

L’Italia ha registrato anche un notevole aumento degli addetti (in totale sono circa 2.400): rispetto al 2021, infatti, le assunzioni sono raddoppiate. Sono aumentate, inoltre, le aziende con oltre 10 dipendenti (39% del totale). Il 24% di essi è donna (una percentuale di 3 punti superiore rispetto alla media europea), mentre l’83% ha meno di 36 anni. Tutto ciò ha comportato una crescita del fatturato (+30% rispetto al 2021) guidata anche da notevoli investimenti da parte delle istituzioni pubbliche e delle imprese private.

I videogiochi più apprezzati dagli italiani

I risultati emersi da una ricerca condotta da Wallapop, piattaforma leader nella compravendita di prodotti di seconda mano, dimostrano che circa la metà degli italiani adulti (29 milioni) ama i videogame. I giochi più venduti risultano essere quelli di simulazione sportiva (45% delle preferenze) e gli Open World (37,9%). 

Oltre a questo tipo di videogame, è stato rilevato anche un boom per quanto riguarda il settore dei casinò online, che nei primi mesi del 2023 ha registrato un guadagno di oltre 1.139 milioni di euro (una cifra più alta del 19,3% rispetto al primo semestre del 2022). Nel momento in cui si decide di giocare su piattaforme online, però, è sempre meglio scegliere software di gioco affidabili. A questo scopo si può far riferimento al sito wisecasino.net, che seleziona le piattaforme migliori e aiuta anche i giocatori a rimanere costantemente aggiornati sulle novità del settore tramite la pubblicazione di news. 

Oltre ai giochi di simulazione sportiva, agli Open World e ai casinò online, infine, molto apprezzati sono i Retrò Game (34,6%). In particolare, Super Mario (44%), Tetris (37%), Pokemon (32%), Pac-Man (30%) e Crash Bandicoot (28%).

La fascia d’età con più appassionati, per quanto riguarda i giochi di simulazione sportiva, risulta essere quella che va dai 25 ai 34 anni (51%), seguita dai 18-24enni (45%). Riguardo agli Open World, invece, i più appassionati sono i 18-24enni e i 25-34enni (entrambi al 47%). I fan dei retrò game, invece, risultano essere soprattutto i 35-44enni (40%), stessa fascia d’età degli appassionati di casinò online.

Al giorno d’oggi, puntare sull’industria del gaming è di certo un investimento sicuro. Si pensa infatti che questo enorme settore non sia (ancora) esploso del tutto e che riserverà ulteriori soddisfazioni per il mercato nazionale e internazionale.