Al via il 10 novembre la eSerie A Tim 2020/21

0
208
eserie a tim

Al via il 10 novembre la eSerie A Tim 2020/21, che si preannuncia avvincente al pari del calcio giocato

L’Italia è un paese di giocatori anche sui campi virtuali. Non sorprende, quindi, che gli eSports corrano velocemente. Nel febbraio 2020 Infront, PG Esports e Lega Serie A Tim avevano annunciato l’arrivo del nuovo campionato eSerie A Tim. Ebbene ci siamo!

Infatti, a partire dal 10 novembre 2020, la Lega Serie A in collaborazione con PG Esports e Infront (partner commerciali del campionato), saranno i protagonisti di una competizione appassionante e digitale. I giocatori si affronteranno sia su FIFA 20 che su eFootball PES 2020 nell’arco di ben sette mesi, esclusivamente su console PlayStation4 (PS4).

Nella prima fase del torneo, tutti gli appassionati avranno l’opportunità di mettere in mostra le proprie abilità alla console come giocatori.

Poi, durante il Draft che rappresenta un vero e proprio turno di qualificazione, ogni club della eSerie A TIM selezionerà uno tra i qualificati delle tappe online da affiancare all’eventuale Pro Player per completare il proprio Roster. L’evento di presentazione dei giocatori e delle squadre è previsto per la prima settimana di febbraio 2021.

Una volta concluso il Draft, comincerà la fase a gironi, nonché la seconda fase del campionato digitale. Le prestigiose squadre si sfideranno in un Group Stage che determinerà gli accoppiamenti dei Playoff, nonché l’accesso alle Final Eight di maggio 2021.

“Siamo felici di poter offrire, in un momento cosi difficile per tutti, uno svago per gli appassionati di PlayStation. Le iniziative teaser al lancio della eSerie A TIM realizzate durante la scorsa stagione si sono rivelate un grande successo, coinvolgendo moltissimi videogiocatori professionisti e semplici appassionati, che hanno seguito le sfide tra i nostri Club trasmesse sulle piattaforme social della Lega Serie A, in particolare sul canale YouTube dedicato alla competizione”, ha affermato Luigi De Siervo, nonché Amministratore Delegato della Lega Serie A.

“Siamo convinti che i tifosi di calcio vadano coinvolti e ingaggiati anche nel nostro Campionato “virtuale”, rendendoli partecipi e protagonisti in attesa di ritrovarli presto sugli spalti. Le Società di A sono finalmente pronte a sfidarsi in entrambi i videogiochi più famosi, per aggiudicarsi il titolo di Campione d’Italia della eSerie A TIM, un appuntamento imperdibile che ci accompagnerà per i prossimi mesi e i prossimi anni”, ha concluso De Siervo.

Conclusioni

Il mondo del calcio virtuale sta raccogliendo i frutti di un lavoro iniziato diversi anni fa e che ha ricevuto una notevole spinta durante durante il periodo di lockdown mondiale.

La crescita esponenziale del mercato degli eSports in Italia è una dimostrazione dello spirito d’aggregazione che muove gli sport elettronici, come qualsiasi altra disciplina.

Questo campionato che si annuncia elettrizzante e competitivo, con in palio il titolo di Campione d’Italia, è uno spaccato della crescita costante di questa nuova disciplina virtuale. Una crescita che non è passata inosservata ai diversi club professionisti italiani, che stanno investendo nel rettangolo virtuale, oltre che quello verde tradizionale. Basti vedere come nel 2019 l’audience giornaliera dell’eSports nel nostro paese abbia toccato quota 350mila spettatori, con un incremento notevole del 35% rispetto al 2018. Anche la fan base è aumentata del 20% rispetto al 2018 toccando quota 1,2 milioni. Niente male!

Questi numeri avevano portato anche le tre leghe italiane a creare una serie di iniziative legate al mondo eSports. La Lega Serie A nella stagione 2019-20 aveva dato il via alla prima edizione della eSerie A, che non ha mai preso piede però con il proseguire dell’epidemia. Inizialmente, nelle prime settimane di marzo, era stata solo rinviata a data da destinarsi. Per tenere vivo l’interesse, la stessa Lega Serie A aveva organizzato vari tornei amichevoli, come il “Waiting for eSerie A TIM Everybody Play Home”, con i giocatori delle varie squadre che si sono si sono sfidati online da casa.

Il tanto atteso campionato gaming competitivo segnerà non solo l’inizio di un incremento già poderoso dei ricavi in Italia nel settore degli eSports, ma anche una grande opportunità di coinvolgere un target sempre più ampio e trasversale.

Chi di voi seguirà la eSerie A Tim? Faccelo sapere nei commenti oppure sui nostri canali social!