Core Update Dicembre 2020 di Google: tutto quello che c’è da sapere

0
1555
logo google

Core Update Dicembre di Google: tutto quello che c’è da sapere sull’argomento, nel post di Pop Up Mag

Bentrovati su Pop Up Mag, dove oggi affrontiamo un argomento piuttosto spinoso: stiamo parlando del Core Update di Dicembre 2020 di Google. Infatti ieri è apparsa una nota su Twitter, come solitamente fa il brand, annunciando la novità di un nuovo aggiornamento, che porterà ad un cambiamento profondo delle serp nelle prossime settimane.

Vediamo insieme di cosa si tratta e quali sono i consigli che Google ha elargito ai webmaster per migliorare i propri progetti in chiave SEO.

L’annuncio di ieri affidato a Twitter

L’annuncio del nuovo Core Update di Dicembre 2020 è stato affidato, come sempre, al social medium Twitter, dove sull’account Google SearchLiaison è apparso questo tweet:

“later today, we are releasing a broad core algorithm update, as we do several times per year. It is called the December 2020 Core Update.”

Che tradotto significa:

“Più tardi nella giornata di oggi, rilasceremo un ampio aggiornamento dell’algoritmo di base, come facciamo diverse volte all’anno. Si chiama Core Update di Dicembre 2020″.

La notizia ha allertato e non poco l’intera community di webmaster e appassionati di SEO, che si sono messi subito alla ricerca di ulteriori informazioni legate all’algoritmo. C’è addirittura chi afferma si tratti di un update molto importante, che avrà effetti su larga scala. Infatti c’è chi si sospetta che si tratti di un update legato ad un maggior impatto in SERP dei siti che meglio si sono attrezzati lato mobile, tanto da definire questo trend in atto come “mobile only” come continuazione del famoso “mobile first”, termine coniato per affermare la crescente importanza dei contenuti pubblicati e degli accorgimenti applicati dai SEO Specialist, che cercano di impattare positivamente l’user experience da mobile.

Ma cosa c’è di vero? Vediamo insieme nelle righe che seguono quali sono i consigli di Google in merito.

I consigli di Google

In realtà questi consigli sono stati elargiti tempo fa, ma restano sempre validi e d’attualità. Questi sono stati sviluppati sotto forma di domanda. Eccoli a voi.

L’azienda ha offerto il seguente elenco di domande da considerare durante la valutazione dei tuoi contenuti:

  • Il contenuto fornisce informazioni, rapporti, ricerche o analisi originali?
  • Il contenuto fornisce una descrizione sostanziale, completa o esauriente dell’argomento?
  • Il contenuto fornisce analisi approfondite o informazioni interessanti oltre l’ovvio?
  • Se il contenuto attinge ad altre fonti, evita semplicemente di copiare o riscrivere tali fonti e fornisce invece un valore aggiuntivo sostanziale e originalità?
  • Il titolo e / o il titolo della pagina forniscono un riepilogo descrittivo e utile del contenuto?
  • Il titolo e / o il titolo della pagina evitano di essere di natura esagerata o scioccante?
  • È questo il tipo di pagina che vorresti aggiungere ai preferiti, condividere con un amico o consigliare?
  • Ti aspetteresti di vedere questo contenuto su una rivista stampata, un’enciclopedia o un libro?

Domande di competenza:

  • Il contenuto presenta le informazioni in un modo che ti faccia venir voglia di fidarti di esso, come una chiara provenienza, prove dell’esperienza vissuta, background sull’autore o sul sito che lo pubblica, ad esempio tramite collegamenti a una pagina dell’autore o alle informazioni di una pagina del sito?
  • Se cercassi il sito che produce il contenuto, avresti l’impressione che sia affidabile o ampiamente riconosciuto come un’autorità sull’argomento?
  • Questo contenuto è stato scritto da un esperto o un appassionato, che in modo dimostrabile conosce bene l’argomento?
  • Il contenuto è privo di errori fattuali facilmente verificabili?
  • Ti sentiresti a tuo agio nel fidarti di questo contenuto per questioni relative ai tuoi soldi o alla tua vita?

Domande di presentazione e produzione:

  • Il contenuto è privo di errori di ortografia o problemi stilistici?
  • Il contenuto è stato prodotto bene o sembra sciatto e prodotto in fretta?
  • I contenuti sono prodotti in serie da un gran numero di creatori o distribuiti su una vasta rete di siti, in modo che le singole pagine o siti non ricevano la stessa attenzione o cura?
  • Il contenuto ha una quantità eccessiva di annunci che distraggono o interferiscono con il contenuto principale?
  • I contenuti vengono visualizzati bene per i dispositivi mobili quando vengono visualizzati su di essi?

Domande comparative:

  • Il contenuto fornisce un valore sostanziale rispetto ad altre pagine nei risultati di ricerca?
  • Il contenuto sembra servire i veri interessi dei visitatori del sito o sembra esistere esclusivamente per indovinare cosa potrebbe posizionarsi bene nei motori di ricerca?

Se trovi qualcosa di erroneo in quello che stai facendo o hai fatto in passato, seguendo questa lista di consigli ovvierai a questi problemi.

Stai rispettando tutti i dettami richiesti da Google?

Allora non hai nulla di cui preoccuparti e anzi, aspettati delle novità positive sul fronte serp nelle prossime settimane!