Come scegliere l’illuminazione da esterno per la tua attività: 7 consigli

0
262
vetrina negozio

Come per l’interno della casa, anche per l’esterno della tua attività è importante scegliere l’illuminazione giusta. Esistono in commercio diversi tipi di lampade, tra cui poter scegliere considerando alcuni aspetti pratici.

Quando metti su un’idea imprenditoriale dovrai pensare a mille cose, e una di queste riguarderà l’illuminazione per interni ed esterni del tuo locale.

Non solo design e gusto personale contano quando decidi di acquistare lampioni, lampadine o faretti per il tuo ambiente esterno con annesso parcheggio auto.

È importante anche dove decidi di collocare la lampada (una facciata, un portico, un vialetto e così via), se gli angoli scelti siano o meno esposti alle intemperie (le lampade da esterno hanno dei requisiti di sicurezza, ma devi anche tu saper individuare il giusto grado di protezione costituito dalla sigla IP seguita da due cifre), ma anche a quale funzione deve assurgere la lampada scelta (ti occorre per illuminare un ambiente da vivere, come un patio o un terrazzo dove si cena, oppure occorre per migliorare la sicurezza e il passaggio?).

Analizziamo pertanto nel dettaglio ognuno di questi fattori ed anche altri per imparare a scegliere l’illuminazione in base alle tue esigenze. D’altronde una illuminazione ad hoc ti aiuterà a rendere la tua attività più sicura, attraente e profittevole.

Adatta le lampadine al tipo di illuminazione

In base al tipo di illuminazione che intendi creare sceglierai specifiche tipologie di lampadine.

Non ha senso infatti acquistare modelli che hanno un consumo elevato in breve tempo, quando poi si parla di un’illuminazione diretta e funzionale.

Per tale ragione ti suggeriamo di optare per le lampadine a risparmio energetico, che abbiano un alto grado di protezione.

Come vedremo anche più avanti, maggiore sarà l’indice IP, più ottimali saranno anche gli standard di funzionamento (e avranno anche maggiore durata). Tra due apparecchi, scegli quella con migliore impermeabilità all’acqua e alla polvere.

Regola ed orienta le luci

Non ha senso avere tutte le luci esterne costantemente accese, soprattutto dopo le ore di chiusura attività (escluse ovviamente le luci di sicurezza). Ecco quindi che ti consigliamo di realizzare un impianto con timer e rilevatore di movimento così da poter risparmiare denaro.

Se non hai un rilevatore di movimento o hai un timer mal regolato, avrai un dispendio di energia e quindi un inutile spreco economico.

Allo stesso modo, il fascio prodotto dall’illuminazione funzionale deve essere orientato dove c’è necessità.

Non trascurare il colore e il calore della luce

Il colore della luce della lampadina è un altro fattore da tenere in considerazione quando illumini il tuo giardino. In primis ti aiuta a creare la giusta atmosfera, e poi ogni colore riesce a dare diverse sensazioni e si adatta a diverse funzionalità. Il colore maggiormente diffuso è quello a luce bianca, che si distingue per la sua tonalità ovvero il grado di calore misurato in gradi Kelvin: calda, fredda, naturale.

Grazie alle nuove tecnologie CCT e RGB, alcune lampadine LED permettono di regolare la tonalità o di scegliere tra tanti colori.

La luce calda è perfetta per dare al tuo esterno quella sensazione di accoglienza e confort molto piacevole. È di colore giallo e il suo grado di calore va da 2.700 a 3.000 gradi K. Si sposa alla perfezione con le pareti dicolore giallo, arancione e rosso. Le luci alogene sono sempre calde.

La luce fredda invece aiuta a mettere meglio a fuoco gli oggetti. È di colore bianco (quasi tendente al celeste) e il suo grado di calore va da 5.000 a 6.500 gradi K. È ideale per gli spazi esterni di ogni design.

La luce naturale invece è di colore bianco neutro, non altera i colori, la sua temperatura di colore è di circa 4.000 gradi K.

Scegli materiali durevoli

Il materiale dei modelli di lampade che scegli rappresenta un ulteriore fattore di cui considerare l’importanza.

Di solito, proprio perché parliamo di illuminazione da esterno, quindi soggetta al contatto con pioggia, vento, neve e quant’altro, è fondamentale optare per materiali che durino nel tempo.

Dunque cerca di propendere per apparecchi con parti esterne e strutture in acciaio inox o alluminio. E se hai dei clienti con bambini, pensa che qualsiasi tipo d’illuminazione esterna non è immune agli urti: la robustezza del materiale sarà quindi un valore aggiunto al momento dell’acquisto.

Tieni conto del design

Importante resta anche il design delle lampade da te scelte.

In commercio trovi di tutto e di più: lampioni, lampioncini, plafoniere da esterni, lampadari a sospensione. Ormai ci sono modelli di ogni genere e specie.

Valuta tu in base a ciò che ti piace, in base al target della tua attività e se hai delle specifiche necessità.

Non trascurare l’efficienza energetica

Quando acquisti le lampadine valuta il contenuto dell’etichetta, per chiarire la questione dell’efficienza energetica.

In questo modo saprai tutto sul consumo di elettricità delle apparecchiature domestiche, classificando la performance energetica con una lettera dalla A (molto efficiente) a G (poco efficiente) secondo la nuova normativa europea entrata in vigore proprio quest’anno.

Scegli in sicurezza le lampade da esterno

L’indice di protezione IP è l’ultimo elemento che vogliamo ricordarti di considerare prima di organizzare l’illuminazione dei tuoi spazi esterni.

Quando scegli un lampione, un lampioncino, valuta che l’apparecchio illuminante sia realmente idoneo ad essere installato negli ambienti esterni ed esposti a umidità e pioggia.