Come aumentare gli iscritti alla newsletter: guida ai metodi più rapidi ed efficaci

0
276
iscritti newsletter

In questo articolo ti spieghiamo come aumentare gli iscritti al tuo servizio newsletter.

L’obiettivo è chiaro: attrarre sempre più utenti interessati ai contenuti dei tuoi messaggi e convincerli a registrarsi con il proprio indirizzo email.

Curioso di scoprire tutto quello che c’è da sapere? Prosegui nella lettura!

Prima di cominciare… Di cosa hai bisogno?

Per creare e veder crescere la tua lista di contatti per l’invio di newsletter hai bisogno di:

  • un modulo di iscrizione al servizio (da collocare sul tuo sito, blog o e-commerce, in una landing page creata ad hoc o, ancora, sulla tua pagina Facebook);
  • un database collegato al modulo di contatto, che raccolga automaticamente nomi degli utenti, indirizzo email e informazioni relative all’opt-in.

I servizi per la gestione professionale delle campagne di email marketing offrono tutti gli strumenti necessari per collegare in modo diretto i tuoi progetti web alla loro piattaforma.

Opendem, ad esempio, mette a disposizione dei suoi utenti API sviluppate ad hoc, complete della documentazione necessaria per la loro integrazione. Così, i contatti registrati tramite il tuo form possono essere inseriti automaticamente nelle liste create all’interno di Opendem, evitando laboriosi import manuali.

Step #1: il modulo per l’iscrizione alla newsletter

È il punto di partenza della tua strategia di email marketing: un semplice form per l’iscrizione automatica al servizio newsletter.

Form di contatto: gli elementi essenziali

Gli elementi essenziali che lo compongono sono 3: il campo per inserire l’indirizzo email, il checkbox per l’autorizzazione al trattamento dei dati personali e il pulsante di invio.

Naturalmente, puoi scegliere di raccogliere dati aggiuntivi, come nome e cognome dell’utente, genere e interessi. Ricorda però di rendere facoltative queste informazioni: una procedura di registrazione troppo lunga rischia di indispettire gli utenti.

N.B.: è buona norma aggiungere un link alla privacy policy del tuo progetto web/azienda, per dichiarare che tutti i dati forniti saranno trattati nel rispetto del Regolamento europeo 679/2016 (GDPR).

Form di contatto: layout grafico e posizione

Le regole base sono semplici: il modulo di contatto al servizio newsletter deve essere ben visibile ed evidenziato con uno stile grafico e una posizione che diano risalto.

Collocare il form nel footer del sito/blog o e-commerce è una scelta comune ed efficace, proprio perché è in questa area che l’utente andrà a cercarlo. In questo caso, assicurati però che il modulo compaia in tutte le pagine e non solamente in homepage.

Se la raccolta di contatti (o lead) rappresenta il principale obiettivo di conversione del tuo sito, il form dovrà invece essere in primo piano, nella cosiddetta porzione “above the fold” (oppure “hero”) della pagina.

E dal punto di vista grafico? Via libera alle soluzioni capaci di catturare l’occhio: colori in contrasto, campi per l’inserimento dell’email ampi e con un placeholder esplicito (ad esempio, il classico indirizzo email generico in trasparenza) e, per completare, un pulsante con una call to action chiara e allettante (dal semplice “Iscriviti” a “Ricevi sconti e offerte!”).

…e i pop-up?

Interrompono la navigazione, rallentano il tuo sito e sono spesso fin troppo invadenti: i pop-up, ovvero gli elementi a comparsa (al momento dell’ingresso, dopo lo scroll della pagina o all’abbandono del sito), non sono la soluzione più user-friendly per proporre l’iscrizione al servizio newsletter.

In alcuni contesti però – shop online in primis – possono rivelarsi ancora piuttosto efficaci. Il consiglio è dunque di testare questa possibilità, utilizzando un generatore di widget pop up come Elfsight, per verificare la reazione degli utenti.

N.B.: segnali come incrementi della frequenza di abbandono e riduzione della durata delle sessioni sul tuo sito sono indizi chiari di un peggioramento della user experience e della necessità di rivedere o rinunciare ai pop-up.

STEP #2: rendere irresistibile il tuo servizio newsletter

Una volta messi a punto i dettagli tecnici, è ora di massimizzare le registrazioni con tutte le best practice per aumentare gli iscritti alla newsletter.

Aumenta il numero di iscritti con un copy vincente

Perché un utente dovrebbe registrarsi al tuo servizio newsletter? Quali sono i vantaggi o il valore aggiunto che offri?

Descrivi in modo diretto, chiaro ed essenziale il contenuto delle tue email, andando dritto al punto: i benefici per gli iscritti.

Ad esempio, per un’e-commerce, il form di iscrizione può essere accompagnato da un titolo del tipo:

“Ricevi sconti, promozioni, news sulle novità in catalogo e accesso prioritario ai saldi!”

Per un blog o un portale di informazione:

“I post e le news più lette della settimana, comodamente recapitati via email!”

Per un sito web aziendale:

“Resta in contatto con noi: novità, aggiornamenti e offerte da non perdere con le newsletter XYZ!”

Enfatizza quanto più possibile la convenienza dello scambio: un semplice indirizzo email per accedere a contenuti esclusivi, riservati solamente ai “clienti VIP”, o per usufruire di vantaggi unici, come l’accesso ad offerte a tempo o valide solo fino ad esaurimento scorte.

Invita alla registrazione offrendo un omaggio irresistibile

È una strategia semplice ma intramontabile: invoglia i tuoi utenti ad iscriversi al servizio newsletter proponendo un premio immediato in cambio.

A seconda dell’obiettivo del tuo progetto web (vendita diretta, acquisizione di lead, guadagno attraverso i contenuti pubblicitari), il tuo “lead magnet” (letteralmente “calamita per lead”) può essere:

  • uno sconto immediato su un acquisto di un determinato importo minimo;
  • un coupon per usufruire di spese di spedizioni gratuite;
  • il download gratuito di una guida, tutorial o report sotto forma di white paper o ebook;
  • l’accesso ad un post o ad un contenuto riservato del blog, protetto da password;
  • la possibilità di usufruire di materiale tecnico pronto all’uso (mock-up grafici, fogli excel per la gestione di operazioni specifiche, infografiche e immagini, checklist, ecc.);
  • un account per l’accesso alla versione freemium di un applicativo o tool online.

Chiediti di cosa hanno bisogno i tuoi utenti, come puoi aiutarli a risolvere un problema semplice che li riguarda e proponi gratuitamente la tua soluzione in cambio della registrazione.

Se usi WordPress, per aggiungere un form che rende possibile il download automatico di un contenuto dopo l’inserimento dell’indirizzo email puoi utilizzare il plugin WordPress Download Manager.

STEP #3: strategie avanzate per accrescere il numero degli iscritti

Per continuare ad aumentare gli iscritti alla newsletter nel tempo, è fondamentale attrarre sempre più utenti sul tuo portale, sfruttando tutti i canali di acquisizione.

Di seguito, le strategie avanzate più efficaci per attrarre pubblico in target, pronto a generare conversioni (ovvero, nuove registrazioni).

Content marketing per la lead generation

Il blog del tuo sito web aziendale o store digitale è uno strumento prezioso per intercettare l’interesse di utenti all’inizio del “funnel di conversione”, ovvero di persone in cerca di informazioni legate alla tua offerta, ma non ancora pronte a trasformarsi in clienti.

Attraverso una strategia di content marketing ben pianificata, puoi popolare il tuo blog di contenuti ottimizzati per i motori di ricerca e in linea con gli interessi del tuo pubblico.

La qualità dei tuoi articoli deve trasmettere tutta la tua autorevolezza, affidabilità ed esperienza, così da trasformarti in un punto di riferimento per gli utenti del web.

Chi atterra su un post utile, interessante, divertente o emozionante dopo una ricerca su Google sarà ben felice di restare in contatto con te: per questo motivo, in fondo ad ogni articolo, dovrà campeggiare in bella vista il form per l’iscrizione alla newsletter.

Campagne di acquisizione lead tramite Google Ads e Facebook Ads

Impostare una campagna per la lead generation attraverso Facebook Ads o Google Ads, le due principali piattaforme per l’advertising online, è un metodo dalla sicura efficacia.

In questo caso, però, ogni nuovo visitatore giunto sulla tua landing page oppure ogni nuovo contatto acquisito, avrà un costo diretto preciso.

In più, l’efficacia di questo canale di acquisizione sarà limitato esclusivamente alla durata della campagna (una volta esaurito il budget pubblicitario, i tuoi annunci non saranno più visualizzati nel feed o nei risultati di ricerca degli utenti, interrompendo il flusso di visite e di nuove registrazioni).

Eventi speciali, Giveaway e Contest online

Un’altra strategia di grande efficacia, ma che può rivelarsi impegnativa sul fronte dei costi e dell’organizzazione, consiste nell’organizzazione di eventi ad hoc, pensati per incrementare la notorietà del brand e attrarre nuovi contatti e lead.

Il meccanismo di base è semplice: gli utenti vengono invitati a partecipare ad una tradizionale estrazione a sorte di premi oppure ad una competizione online e i vincitori ricevono gli omaggi in palio (che naturalmente devono essere appetibili, ma commisurati al valore dei contatti così acquisiti).

Il vantaggio per l’organizzatore? Naturalmente la raccolta di dati preziosi e del consenso all’invio delle newsletter.

A seconda delle caratteristiche del tuo business e dei canali di acquisizione più utilizzati, i contest possono essere ospitati e promossi sul sito web aziendale e/o sui profili Facebook e Instragram.