Quali sono i social più diffusi al mondo

0
171
social media trend 2021

Quanto tempo passiamo sui social? Quali effetti hanno davvero sulla nostra vita? Chi sente di non essere parte interessata nella questione probabilmente sbaglia. Basta avere uno smartphone, un profilo su Instagram, guardare qualche video su YouTube. Ed ecco che la dipendenza da social comincia a mettere radici. E si avvia quel processo di trasformazione per cui alla fine il prodotto diventiamo noi.

Le reti sociali hanno assunto un ruolo centrale in tutto il mondo “occidentale”. In genere quando si pensa ai social network vengono alla mente Facebook, Instagram, e qualche altro nome. 

Ma il sistema di reti social che connette il mondo è molto più variegato di quanto immaginiamo. Andiamo alla scoperta dei social più usati a livello internazionale.

I big five

Senza dubbio diffusi in tutto il mondo, sono quelli che potremmo chiamare i big five. A partire da Facebook, spesso usato come sinonimo di social network. Nato nel 2004 ha raggiunto nel 2018 oltre 2,3 miliardi di utenti attivi a livello mondiale.

Instagram è senza dubbio il social più utilizzato per postare immagini. Dalla piattaforma è possibile condividerle automaticamente anche su Twitter e su Facebook. Nato nel 2010, ha raggiunto un miliardo di utenti nel maggio del 2019. Nel 2012 è stato acquistato da Facebook per circa un miliardo di dollari.

Linkedin è la più nota rete sociale specifica per il mondo del lavoro e per contatti di tipo professionale. Lanciata nel 2003, nel 2017 contava circa 500 milioni di utenti. I paesi con il maggior numero di iscritti sono India, Brasile e Regno Unito.

Visto come la moderna versione degli SMS su Internet, Twitter è nato nel 2006. La piattaforma che consente di pubblicare tweet di massimo 280 caratteri, oggi ha circa 330 milioni di utenti attivi.

Terminiamo con YouTube. Molti non lo considerano un social, ma influisce in modi inaspettati sulle nostre vite. Fondato nel 2005, è accessibile in oltre 90 stati, e ha 1,9 miliardi di utenti.

Gli altri social popolari anche in Italia

Oltre i big five il mondo dei social è davvero ricco, a partire da Whatsapp. Quella che viene considerata dai più un’applicazione di messaggistica istantanea, è in realtà un social a tutti gli effetti.

Vi sono siti molto utilizzati anche in Italia, da categorie di persone più specifiche. Come Pinterest, nato per la condivisione di immagini, pensieri. Il sito ha acquisito molta popolarità tra gli amanti del fai-da-te che condividono progetti e idee.

Snapchat, molto diffuso tra i più giovani, permette di condividere foto con effetti e testo, che si auto eliminano in un certo lasso di tempo. 

Tik Tok, esploso anche qui da noi nell’ultimo anno, è un social nato in Cina, che permette di creare e condividere brevi video musicali. È diventato popolare grazie alla possibilità di usare hashtag e partecipare a challenge.

Diffusi nel mondo

Telegram è un’alternativa a Whatsapp per la messaggistica istantanea. Tra i suoi pregi la maggiore sicurezza con messaggi che possono autodistruggersi.

Quora è invece un social che si basa sul meccanismo domanda e risposta. Un mix tra social e forum. Alla base di Quora vi è la profilazione dell’utente in modo che possa essere coinvolto in domande pertinenti con i suoi interessi. Ad esempio si troverà a rispondere su una recensione di Big Casino solo se interessato all’argomento

Ask.fm, nome breve per Ask for me, è un social nato in Lettonia, molto amato anche dagli adolescenti in Italia. Anche questo si basa sul meccanismo delle domande, che vengono formulate in modo anonimo e anche su bacheche di altri utenti.

Concludiamo il nostro viaggio tra i social con Tumblr, piattaforma dedicata ai micro blog, ideale anche per pubblicare meme e gif animate.