Pistoia Basket: esempio di rivoluzione digitale nel basket italiano

0
50
pistoia basket logo

Strategie di comunicazione, che si apre al digital, del Pistoia Basket

In Italia, la pallacanestro viene considerata come sport di nicchia rispetto al calcio. Eppure, nel Bel Paese il basket è molto amato, come per esempio nella città di Pistoia. Per diversi anni la bella città toscana respira basket ai massimi livelli, ospitando alcuni fra i più acclamati campioni della pallacanestro internazionale.

L’emergenza sanitaria, che da un anno a questa parte ha gettato nello scompiglio anche il mondo della palla a spicchi, ha cambiato anche le regole di gioco delle strategie di marketing e comunicazione sportiva.

Il Pistoia Basket, che milita in Seria A2, non si arrende! I biancorossi si sono impegnati per ridare qualcosa al territorio pistoiese, che non può fare a meno della passione per la pallacanestro. In una stagione molto difficile per l’assenza di pubblico sugli spalti, il club ha cambiato la propria strategia di comunicazione per rafforzare il legame indissolubile della squadra con la città di Pistoia.

Il responsabile marketing del Pistoia Basket, Maurizio Laudicino, ha affermato di non aver cambiato modo di comunicare, ma bensì cambiato le piattaforme su cui farlo.

Subito dopo il suo arrivo, i biancorossi avevano subito un re-branding, con un logo stilizzato e intuitivo, trasformandosi poi sempre più in una media company, coinvolgendo il target di riferimento in modo empatico. Con la creazione di soluzioni su misura per i partner commerciali, il Pistoia Basket sta visibilmente dimostrando forza e dinamismo per uscire indenni dalla Pandemia.

Prima delle restrizioni dettate dall’emergenza sanitaria, la squadra si presentava sul parquet casalingo davanti ad oltre 3.000 spettatori. Adesso che le attività di comunicazione sono a 360 gradi digitali, il Pistoia Basket si è gettato consapevolmente alle spalle la consueta modalità operativa, per affrontare una situazione senza precedenti.

Il cambio di marcia della società pistoiese mette il pubblico virtuale al centro della propria comunicazione. I biancorossi vanno incontro alle nuove esigenze del mercato e dei consumatori attraverso i propri canali social e il sito, ma anche app, newsletter con spedizione bi-settimanale, TG web settimanale di 4 minuti, versione digitale del match program di 32 pagine e il web magazine pistoiasport.com.

I risultati raggiunti con questa nuova strategia

Stando alle dichiarazioni di Laudicino, le strategie a lungo temine della società ha fatto acquistare nuovi sponsor. Inoltre la maggior parte degli sponsor (il 90%) ha rinnovato l’accordo commerciale a sostegno della pallacanestro pistoiese, restando a fianco del club in qualità di premium partner, grazie ad una campagna di sponsorship non da listino prezzi.

Non per nulla Giorgio Tesi Group, storica azienda pistoiese nonché leader in Europa nel settore del vivaismo, è tornata ad essere il title sponsor sulle casacche biancorosse della prima squadra. Dopo dopo l’accordo quinquennale (2011-2016) la nuova partnership pluriennale fa parte del nuovo capitolo per il Pistoia Basket per raggiungere importanti risultati, anche al di fuori del parquet da gioco.

L’apporto offensivo della strategia comunicativa adottata, sta costruendo un brand cestistico funzionale, che scende in campo con la consapevolezza di potersi prendere i punti per rimanere dentro la griglia playoff.

Conclusioni

Per molte civiltà antiche, l’orso è un animale mitologico e ancora tutt’oggi viene considerato un animale sacro che incarna qualità positive, come coraggio, gentilezza, forza e grande volontà. L’orso, nonché simbolo rappresentato nello stemma della città di Pistoia, fa parte anche del logo dei cestisti pistoiesi, che si abbraccia in piena armonia con la lettera P.

pistoia basket logo

Insomma una simbologia identificativa per una squadra che rispecchia affabilità, pazienza, eroismo e forza.