Condividi, , Google Plus, Pinterest,

Stampa

Posted in:

IT Capitolo Due e Pinterest: il perché di questa nuova partnership

IT Capitolo Due

Come forse molti di voi sapranno, in questi giorni è al cinema il nuovo capitolo dell’horror più amato di tutti i tempi: IT Capitolo Due. Il film che in Italia ha già raggiunto e superato gli 8 milioni di box office, è salito al primo posto della classifica degli horror più visti di sempre. Insomma una gallina dalle uova d’oro che genera successo in qualsiasi modo si decida di utilizzarla. Lo sa bene la sua casa di produzione Internazionale, la Warner Bros, che ha deciso di lanciare il nuovo capitolo riproducendo una casa degli orrori tematizzata IT in modo che tutti gli amanti del film potessero visitarla in quel di Los Angeles, ma non solo perchè la funhouse infatti è visitabile anche con un virtual tour…da paura!

Per promozionare il suo film e ovviamente la sua funhouse, la casa di produzione ha scelto Pinterest come social medium di riferimento, grazie ad una partnership ricca di significati e motivazioni. Nelle righe che seguono, vedremo insieme tutti i dettagli di questa nuova iniziativa legata al film, il cui protagonista è il pagliaccio più pauroso della storia del cinema.

 IT Capitolo Due

IT Capitolo Due conquista Pinterest

In USA quando si tratta di far rendere al meglio un prodotto, non c’è storia per nessuno, e a renderlo evidente è la partnership che la Warner Bros ha stretto per amplificare la reach della campagna funhouse: la casa di distribuzione cinematografica ha infatti scelto come partner per il lancio di IT Capitolo Due il social medium Pinterest, che ha realizzato una nuova pin campaign, creata ad hoc per il titolo e che, ovviamente, linkava alla casa degli orrori.

IT Capitolo Due

“Un video Pin sponsorizzato rappresenta un importante punto d’accesso all’esperienza 3D. I Pinners (gli utilizzatori di Pinterest n.d.r.) possono cliccare il pin sul loro feed e fare swipe up per accedere all’esperienza e navigare liberamente nella casa degli orrori...a loro rischio e pericolo ovviamente! E non finisce qui…è anche possibile condividere l’esperienza con i propri amici.”

Ovviamente posso immaginare la vostra reazione: in fin dei conti non è niente di così rivoluzionario se non per il tipo di grafica scelto per l’ads: una particolare inquadratura che viene completamente ricoperta dal simbolo del film, i palloncini rossi, che svolazzano al pin.

Ciò che rende effettivamente interessante la campagna è il perché che c’è dietro la scelta di Pinterest come partner promotion:

“Su Pinterest circa 35 milioni di Pinners interagiscono ogni mese con dei contenuti cinematografici, e all’incirca 22 milioni di loro si dedicano in modo specifico a contenuti di film horror.

La Warner Bros ha scelto quindi Pinterest perché tra i Pinners settimanali che si occupano di contenuti di intrattenimento, 2 su 3 hanno scoperto un nuovo film o spettacolo su Pinterest. Ma non solo, perché pare che il 70% di loro abbia intrapreso un’azione dopo aver visto questi annunci, e di queste azioni, la più ricorrente è quella di essersi recati al cinema “.

IT Capitolo Due

Se ci pensate, queste statistiche sono piuttosto impressionanti. Uno degli errori più comuni di chi lavora con i social è quello di pensare che Pinterest sia da considerarsi un media di riferimento solo per prodotti per la casa, per l’artigianato o per la moda, ma in realtà ci sono infinite angolazioni e sottogruppi di destinatari rilevanti da considerare. Un altro esempio: Pinterest ha recentemente pubblicato un nuovo studio che esamina come la piattaforma possa essere vantaggiosa per i professionisti del settore automobilistico.

Insomma non si può più commettere l’errore di considerare Pinterest una piattaforma di secondo piano e non chiave per le proprie attività promozionali: questo perchè la sua diversità di pubblico ed il suo utilizzo si stanno espandendo e con essi il potenziale pubblicitario del social network. La cosa ha ancora più senso se pensate che gli utenti di Pinterest arrivano sulla piattaforma con un intento di acquisto più elevato rispetto ad altri social network. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *