Influencer Marketing e inclusione sociale: il report di Buzzoole

0
281
influencer marketing-inclusione sociale
Fonte: Buzzoole

Influencer Marketing e inclusione sociale: il report di Buzzoole nel post di Pop Up

Oggi, per il nostro appuntamento con i social media, vogliamo analizzare l’interessante report realizzato da Buzzoole, che mette in mostra la forte connessione tra Influencer Marketing e inclusione sociale. Infatti, quest’ultimo è uno dei temi più trattati sulle varie piattaforme, con contenuti che spingono verso una totale uguaglianza, a prescindere dal genere, orientamento religioso e sessuale, il colore della pelle e così via.

In questo post a cura di Pop Up, vediamo insieme i tratti salienti di questo report: buona lettura a tutti!

Influencer uniti per una maggiore inclusione sociale

Il tema dell’inclusione sociale è di stretta attualità: infatti, nel nostro paese e sulle diverse piattaforme social, complice anche il Black Live Matters, nel 2020 questa tematica segna un +35% rispetto all’anno prima. Dei circa 110.000 contenuti realizzati, solo l’1% è sponsorizzato, segno che i brand hanno ancora remore a trattare questo argomento sui social. Ovviamente ciò potrebbe essere spiegato come una forma di rispetto nei confronti di questi temi sensibili, oppure semplicemente sviluppare questo genere di attività appare ancora oggi pericoloso, se non fatto nel modo giusto.

Se indaghiamo invece sui social più “inclusivi”, la risposta è senz’altro Instagram con il 78.3% dei contenuti dedicati all’inclusione sociale, seguito a distanza siderale dagli altri social media.

Gli hashtag più utilizzati, al netto delle varianti, sono 7:

  • #Loveislove;
  • #Gay;
  • #Rainbow;
  • #Lgbt;
  • #Pride;
  • #Blacklivesmatter;
  • #Disabilità;

Le battaglie degli Influencer si dividono essenzialmente in 4 macro-argomenti:

  • Libertà di espressione della propria identità sessuale;
  • Lotta al razzismo;
  • Lotta alle diseguaglianze di genere;
  • Body Positivity e sensibilizzazione sulle disabilità;

Dal punto di vista dei brand, alla lunga (esempio il caso Dove) chi prende posizione con forza e nel modo giusto su temi sensibili, come quelli legati all’inclusione sociale, incontra il consenso del pubblico dei social.

I consigli di Buzzoole, per i brand che vogliono investire su questi temi e metterci la faccia sono:

  • scelta del giusto influencer, realmente impegnato e attivo in questo genere di tematiche;
  • monitorare le attività dei competitor;
  • applicare una strategia Always On, quindi non solo legata al singolo evento, ma di lungo termine;