Come deve essere un comunicato stampa

0
149
Come-deve-essere-un-comunicato-stampa

Le digital pr, letteralmente le pubbliche relazioni digitali, si occupano di creare e coltivare i rapporti tra media e azienda, in un’ottica di una comunicazione chiara e consapevole. L’obiettivo è quello di costruire un’immagine positiva dell’impresa a lungo termine.

In questo articolo di LinkJuice, agenzia di Digital PR specializzata nel settore e in contatto con oltre 40 mila editori in tutto il mondo, potrete approfondire meglio cosa sono e quali sono i vantaggi per la comunicazione di un’azienda. 

Tra i vari servizi che può offrire un’agenzia vi sono i comunicati stampa, sia per media tradizionali che digitali, necessari per bollettini professionali e ufficiali. Se proseguirete la lettura scoprirete come deve essere un comunicato stampa e come scriverlo al meglio!

Target e focus

Prima di scrivere un qualsiasi comunicato è bene chiedersi lo scopo: cosa è necessario divulgare? Che sia la storia del brand oppure una campagna di crowdfunding o anche un premio vinto, in tutti questi casi il focus cambia e perciò anche il target di riferimento. 

Nel caso del comunicato stampa il target è rappresentato di norma dai giornalisti che si occuperanno di elaborare le informazioni contenute al suo interno per poi diffondere la pubblicazione sia in forma tradizionale che via web.

Titolo, occhiello, catenaccio

Il titolo rappresenta il fulcro del comunicato stampa, affiancato da occhiello e catenaccio. 

Il titolo riporta gli elementi essenziali della notizia, fornendo un contesto immediato e chiaro, l’occhiello definisce l’ambito in cui si colloca la notizia, il catenaccio offre dettagli aggiuntivi.

Si tratta del primo elemento su cui viene posato lo sguardo: deve essere breve e conciso, non più di una decina di parole e riprendere il focus.

Va strutturato così da rispondere alle 5 W (chi/che cosa, quando, dove, come, perché) che normalmente risultano essere sufficienti a scrivere un buon attacco e apparire reader-focused ovvero rivolgersi al lettore risaltando in primis le notizie fondamentali.

Incipit (lead)

L’incipit deve risultare completo, rispondere a tutte le 5 W in modo accattivante e non preconfezionato ed essere breve. La notizia necessita di poter essere scorsa velocemente.

Viene anche definito “lead” ovvero cappello, attacco, perché ha proprio la funzione di guidare (letteralmente lead in inglese) il destinatario alla comprensione e al proseguimento della lettura.

Corpo

Dopo la lead, l’attenzione si sposta sugli elementi più cruciali della notizia. Ad esempio, per gli eventi, si dà priorità all’ospite internazionale, per i prodotti, l’attenzione si concentra sui benefici per il consumatore.

Nel prosieguo del comunicato stampa, si ampliano i dettagli sulla storia in ordine decrescente di importanza

Gli aspetti tecnici settoriali sono mitigati, garantendo la comprensione del comunicato da parte di un pubblico più vasto. 

Delle citazioni vivaci, scelte con attenzione, conferiscono colore al comunicato: è possibile inserire una citazione personale o selezionare dichiarazioni rilevanti da dipendenti. L’essenziale è attribuire correttamente le citazioni per mantenere trasparenza e autenticità.

La “brevità” rimane la parola d’ordine, sebbene il cliente possa richiedere una copertura approfondita del nuovo prodotto. 

Inoltre, si consiglia di arricchire il comunicato stampa con elementi visivi come infografiche, video o immagini in alta risoluzione. Una raccomandazione è di hostare queste risorse su Google Drive invece di allegarle direttamente all’email, garantendo una maggiore fruibilità.

Conclusione

In conclusione, il comunicato stampa è un momento cruciale che richiede attenzione e professionalità.

In fondo al testo, sono fornite le informazioni di contatto per il referente, garantendo trasparenza e accessibilità. Un nome, un indirizzo e-mail e un numero di telefono sono inclusi per facilitare il contatto diretto. Gli URL dei siti web e i collegamenti ai social media dell’azienda sono altrettanto importanti per offrire ulteriori canali di comunicazione.

Il boilerplate fornisce una breve descrizione dell’azienda, analogamente a quanto si troverebbe nella sezione “Chi siamo” del sito web. Queste informazioni, raramente soggette a modifiche, devono essere verificate per assicurarsi che siano sempre attuali prima di ogni nuovo invio di comunicato stampa.