Condividi, , Google Plus, Pinterest,

Stampa

Posted in:

Aggiornamento dell’algoritmo di Facebook contro i post ingannevoli

aggiornamento facebook

Aggiornamento dell’algoritmo di Facebook contro i post ingannevoli nel nuovo post di Pop Up

Dato il focus sulla vanità nei social media e mettendo in mostra un momento saliente della tua vita attraverso i tuoi post pubblici, non sorprende che le cure miracolose per perdita di peso, calvizie e altre condizioni fisiche siano diffuse negli annunci attraverso le varie reti sociali. E questo è stato a lungo un problema per Facebook.

Nel 2013, Jezebel ha pubblicato un post che esaminava alcuni dei peggiori annunci di Facebook, e tra questi c’erano queste “cure” per la perdita di peso.

Tali annunci sono fuorvianti, falsi e preda di utenti vulnerabili. E ora, Facebook sta agendo contro di loro, con due nuovi aggiornamenti dell’algoritmo di News Feed progettati per ridurre la portata degli annunci che promuovono richieste miracolose sulla salute.

Come spiegato da Facebook:

“Il mese scorso abbiamo effettuato due aggiornamenti per ridurre la portata dei post con affermazioni di salute esagerate o sensazionali e post che tentavano di vendere prodotti o servizi basati su rivendicazioni relative alla salute. Per il primo aggiornamento, consideriamo se un post sulla salute esagera o fuorvia – per esempio, fare un’affermazione sensazionale su una cura miracolosa, per il secondo, consideriamo se un post promuove un prodotto o un servizio basato su un reclamo relativo alla salute – per esempio, promuovendo un farmaco o una pillola che sostiene di aiutarti a perdere peso. “

L’aggiornamento Facebook, con sempre più persone che si affidano al Social Network per le loro esigenze di distribuzione e informazione, sono confuse e affermazioni false come queste possono solo peggiorare le cose, e tali affermazioni sono rilevabili dai sistemi di Facebook.

In che modo Facebook può eliminare questi contenuti?

“Abbiamo gestito questo aspetto in modo simile a come abbiamo ridotto in precedenza contenuti di bassa qualità come nel caso del Clickbait: identificando le frasi che sono comunemente utilizzate in questi post per prevedere quali potrebbero includere affermazioni salutistiche o promozione di prodotti legati ai problemi di salute, quindi mostrandoli più in basso nel feed delle notizie. “

Questo, in combinazione con l’aggiornamento precedentemente descritto di Facebook per ridurre la portata dei contenuti anti-vax, potrebbe rappresentare un modo significativo per rimuovere tali post dai feed delle persone e ridurre la loro influenza sulla piattaforma di social media più famosa al mondo.

E ancora, è quella scala che è allo stesso tempo forza e debolezza di Facebook. Ovviamente, avere l’app social più popolare al mondo è di beneficio, ma come da Facebook è stato ripetutamente reso noto, ha anche un livello più alto di responsabilità nel gestire il flusso di informazioni e proteggere gli utenti che potrebbero non rendersi nemmeno conto di aver bisogno di protezione. Questo, in molti modi, va contro i principi di Facebook e degli altri social network, in quanto preferirebbero essere paradisi della libertà di parola, in cui gli utenti stessi dettano ciò che è e non è accettabile. Ma come abbiamo visto, non è esattamente come funziona nella pratica – una piattaforma “libera per tutti” facilita sia il meglio che il peggio dell’umanità, e le conseguenze di ciò possono essere disastrose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *