Storytelling: l’importanza del packaging nel food

0
112
packaging grom

Storytelling: l’importanza del packaging nel food, secondo alcuni studi condotti sull’argomento

Lo storytelling nel settore Food & Beverage è estremamente importante, soprattutto il packaging. A testimoniarlo i dati di alcuni studi condotti in merito.

I principali dati sono quelli emersi da alcuni studi condotti da dallo psicologo statunitense Jerome Bruner, secondo il quale la mente umana è circa 22 volte più propensa a ricordare i fatti se questi vengono presentati all’interno di una storia. Soprattutto se il racconto è supportato da dati reali: lo storytelling nella comunicazione è cresciuto del 233% dal 2019 (dati Leapmesh). Questo vale soprattutto per il settore del Food & Beverage. Secondo una ricerca condotta da The Fork, infatti, tra i trend previsti nel settore food nel 2024, al primo posto troviamo proprio la narrazione. Questo perchè i consumatori hanno bisogno di rassicurazioni, che solo storie autentiche sono in grado di raccontare. In questo senso, il packaging svolge un ruolo fondamentale. Secondo Molino Moras, impresa molitoria a conduzione famigliare attiva da più di 100 anni in Friuli Venezia Giulia, il packaging diviene il primo punto di contatto tra azienda e cliente.

Anna Pantanali, responsabile marketing e R&S di Molino Moras, ha così dichiarato:

“Il packaging, così come gli altri strumenti di comunicazione, fungono da ponte tra il brand e i consumatori: per questo devono rappresentare un impegno serio e non solo una strategia di marketing. La comunicazione vera e trasparente, infatti, è sempre più premiata dal mercato. Negli ultimi anni abbiamo progettato e trasformato i nostri packaging ascoltando il consumatore e raccontando di più di noi e delle nostre scelte imprenditoriali”.

A testimonianza di quanto detto, ecco alcuni brand che hanno attribuito la giusta importanza al packaging nella loro strategia di comunicazione:

  • Molino Moras, l’azienda molitoria friulana, che ha ideato una linea per i più piccoli chiamata AmorBimbi, una farina a basso livello di contaminanti per bambini sopra i tre anni di età; 
  • Pasta Armando, il pastificio campano che, invece, ha puntato su un packaging che rimanda ai colori della natura e dei campi, dove il grano è il principale protagonista della narrazione;
  • Amedei, l’azienda toscana produttrice di cioccolata artigianale, la quale ha sviluppato una speciale collezione dal titolo “La Fabbrica del cioccolato”, utile a celebrare la storia dello stabilimento. Si tratta, nello specifico, di 3 confezioni in cui sono inseriti una riproduzione in cioccolato dello stabilimento aziendale e immagini legate ai luoghi di Africa e Sud America, nei quali il brand seleziona le piantagioni e le fave migliori;
  • Grom, azienda torinese produttrice di gelati, che ha sviluppato il proprio packaging in base ai propri valori aziendali, tra i quali una serie di illustrazioni che raccontano la magia della vita (e in questo caso del frutto);
  • Biscottificio Mattei Prato, lo storico biscottificio pratese della famiglia Pandolfini conosciuto come “mattonella”. Anche in questo caso il packaging cerca di raccontare una storia, nello specifico quella della città di Prato.
  • Baladin, produttore piemontese di birre artigianali, che dal 1996 punta sulla massima qualità della materia prima e su un attento equilibrio di aromi. In questo caso, il brand ha generato una linea chiamata SUD, ovviamente dedicata al nostro Mezzogiorno. SUD di Baladin fa parte del progetto “Dalla Terra alla Birra”.

Anna Pantanali, ha aggiunto:

Se da un lato Internet ha democratizzato l’accesso al mercato, consentendo a chiunque di lanciare un prodotto o servizio, ha anche reso estremamente impegnativo distinguersi. Non basta più offrire prodotti o servizi di eccellenza: è fondamentale comunicare in modo unico rispetto agli altri. Come sesta generazione della famiglia Moras abbiamo deciso pertanto di fare un passo in più: diventare Società Benefit – per dimostrare il nostro impegno e credo nella responsabilità sociale di impresa-  e comparire con il nostro volto sul packaging – per dare senso di fiducia e vicinanza al consumatore finale. Ecco perché l’uso dello storytelling nel packaging è cruciale per un brand: consente di stabilire un legame emotivo diffondendo al contempo consapevolezza”.