Condividi, , Google Plus, Pinterest,

Stampa

Posted in:

8 skills indispensabili per diventare un social media manager di successo

come diventare social media manager

Social media manager: 8 skills fondamentali

Negli ultimi anni, una posizione che un tempo era stata trascurata da molte aziende è diventata uno dei ruoli di marketing più importanti in qualsiasi realtà. Stiamo parlando, ovviamente, del ruolo del social media manager.

Con l’85% dei consumatori presenti sui social media e il 58% degli utenti social che seguono almeno un brand, il social media marketing non è mai stato così importante per aziende e brand di qualsiasi dimensione.

Come ogni ruolo di marketing senior, un buon social media manager ha bisogno di una ampia gamma di skills e soft skills (abilità interpersonali) per consentire loro di identificare opportunità, creare contenuti accattivanti e convertire il maggior numero possibile di followers in clienti fedeli.

Se sei un imprenditore o un dirigente che vuole assumere un social media manager, considera queste skills come basilari per scegliere la persona giusta per ricoprire questo ruolo nella tua azienda. Se sei interessato a diventare un social media manager, prendi nota di queste competenze e ogni giorno cerca di svilupparle sempre di più mentre sei alla ricerca di un’opportunità di lavoro.

Ecco le 8 skills essenziali che ogni social media manager di successo dovrebbe avere

1. Pianificazione strategica

Se vuoi essere un social media manager di successo, una preparazione e una pianificazione eccellenti sono le cose che dovresti prendere in considerazione per prime.

Il primo passo per qualsiasi piano pubblicitario sui social media è stabilire gli obiettivi che si desidera raggiungere e creare un piano strategico per i social media.

Essere in grado di determinare gli obiettivi e le tempistiche di una campagna aumenterà sicuramente il successo della strategia di comunicazione aziendale sui social media.

2. Creatività

La creatività, intesa come la capacità di scoprire nuove opportunità e agire su di esse al di fuori delle tradizionali “regole” del marketing, è un’abilità immensamente preziosa per qualsiasi social media manager.

Molte persone credono che la creatività sia un tratto della personalità con cui si nasce. La maggior parte degli studi scientifici afferma il contrario: la creatività è un’abilità che le persone possono sviluppare, rafforzare, trascurare o indebolire.

Alla fine degli anni ’60, l’esperto di creatività Dr George Land realizzò una serie di test sulla creatività, volti ad aiutare la NASA a selezionare ingegneri e scienziati con approcci creativi al problem-solving.

I test sono stati eseguiti su bambini di cinque anni, poi sono stati nuovamente eseguiti quando gli stessi bambini hanno compiuto 10 e 15 anni. Il dott. Land ha anche eseguito il test sugli adulti.

I risultati dei test del Dr Land sono interessanti. Ha infatti scoperto che i bambini di cinque anni hanno ottenuto un punteggio medio di creatività del 98%. All’età di 10 anni, il punteggio era sceso al 30%. All’età di 15 anni, il punteggio era solo del 12%. Infine, il punteggio medio di creatività per gli adulti è stato un incredibile 2%.

Attraverso i test, Land ha concluso che “Il pensare in modo non creativo si impara”- che la maggior parte delle persone adotta un approccio non creativo ai problemi, non a causa dell’impossibilità di essere creativi, ma perché non hanno sviluppato le proprie capacità creative.

Alcune campagne di maggior successo sui social media mostra che la creatività, in modo particolare dal punto di vista del provare delle strategie che non verrebbero mai in mente agli altri marketers, può impattare positivamente in termini di esposizione, copertura e interesse del cliente.

La campagna “Epic Splits” di Volvo, che ha illustrato la tecnologia Dynamic Steering di Volvo utilizzando la star Jean-Claude Van Damme ha fatto quasi 90 milioni di visualizzazioni su YouTube.

I dati del sondaggio di Volvo mostrano che la campagna ha avuto un impatto positivo misurabile sia sulle vendite dell’azienda che sul suo brand. Di tutti i clienti business che hanno visto il contenuto di “Epic Split”, poco meno della metà ha dichiarato che erano più propensi a scegliere Volvo per il prossimo acquisto di camion.

Allo stesso modo, l’altrettanto creativa “Ice Bucket Challenge” di ALS Association ha generato oltre $ 115 milioni in donazioni adottando un approccio innovativo e creativo alla creazione di contenuti virali sui social media.

Anche se non è necessario essere un genio creativo, un approccio creativo alla gestione dei social media può aiutarti a creare contenuti che si distinguono dalla massa e ad avere un impatto positivo e misurabile sui risultati.

3. Copywriting

Migliore sarà il tuo copy, più facile sarà coinvolgere e metterti in contatto con il tuo pubblico. Di conseguenza, la capacità di scrivere un copy accattivante ed efficace è probabilmente l’abilità più preziosa che un social media manager debba avere. Il copy cattura l’attenzione e attira le persone, incoraggiandole a leggere i tuoi contenuti e a fare clic sulla tua landing page o sul tuo sito web.

Le grandi capacità di copywriting sono ancora più preziose di quanto non lo siano dal punto di vista del marketing generale, visto le migliaia di distrazioni e contenuti che ci sono sui social media.

Anche se Twitter limita il contenuto a 280 caratteri, i dati mostrano che i tweet più brevi con da 70 a 100 caratteri hanno il tasso di engagement più alto. Questo accade anche su Facebook: i post con 40 caratteri ricevono un livello di engagement superiore dell’86% rispetto a post più lunghi e più dettagliati.

Essere in grado di usare poche parole per veicolare un messaggio è un’abilità preziosa, che può avere un impatto significativo non solo a livello di brand ma anche portare maggiori vendite

4. Una solida conoscenza della SEO e del content marketing

Come persona coinvolta nella gestione quotidiana, nella promozione e nella distribuzione dei contenuti sui blog, è essenziale comprendere la SEO e il content marketing. Il social media manager deve avere una visione d’insieme di come i contenuti dei blog e dei social media si adattino ai motori di ricerca e di come tutto il contenuto funzioni all’interno dei funnel di marketing dell’azienda.

Mentre i contenuti social potrebbero non avere un impatto diretto sul posizionamento SEO, gli effetti indiretti sono innegabili. Il social media manager dovrebbe capire in che modo la portata e l’engagement sui social media hanno un impatto non solo sul traffico di riferimento e sulle entrate, ma anche sulla SEO. Il contenuto è la pietra angolare della strategia SEO e il social media manager è il custode e il promotore di gran parte di questi contenuti.

5. Graphic Design

Non c’è bisogno di essere un esperto designer per essere un efficace social media manager, ma una forte comprensione del design e, in particolare, la capacità di creare contenuti visivi che si distinguano e sembrino professionali, può aiutarti a gestire un progetto più efficacemente e a creare una campagna più coinvolgente.

I dati dello studio mostrano che i contenuti sui social media con molte immagini ricche e dettagliate superano i contenuti con tanto testo e poche immagini.

Secondo BuzzSumo, i post dei blog e gli articoli con un’immagine ogni 75-100 parole ottengono il doppio delle condivisioni degli articoli con meno immagini.

Oltre alla condivisibilità, le immagini fanno si che il pubblico si ricordi maggiormente del contenuto che hanno condiviso. I dati di Brain Rules mostrano che le persone ricordano circa il 65% di un messaggio quando è associato a un’immagine pertinente rispetto a solo il 10% senza immagine.

Le persone raramente si aspettano un design impeccabile su Facebook o Twitter, il che significa che non è necessario padroneggiare l’arte del design per aver successo sui social media. Tuttavia, la capacità di creare rapidamente contenuti visivi dall’aspetto professionale è un’abilità seriamente preziosa per qualsiasi professionista dei social media.

6. Analisi

Le competenze di analisi svolgono un ruolo fondamentale nell’aiutarti a portare il tuo social media marketing da efficace a eccezionale.

Come ogni altro canale di marketing digitale, i social media generano un ROI positivo per la tua azienda. I software di analisi, in particolare strumenti di social analytics come Facebook Analytics e Twitter Analytics, facilitano l’esplorazione consentendo di approfondire il pubblico e i dati delle campagne.

I social media richiedono due diversi tipi di competenze analitiche. La prima è la capacità di analizzare e valutare i dati dei social media, che vanno dalla pagina e dai contenuti ai retweet, alle condivisioni e agli acquirenti che hanno maggiori probabilità di seguire il tuo account e interagire con i tuoi contenuti.

La seconda è la possibilità di analizzare le metriche di conversione, che vanno dalle statistiche come il tempo sul sito e la frequenza di rimbalzo alle metriche di business come lead, entrate e conversioni.

Un social media manager che si rispetti dovrebbe avere una solida conoscenza di entrambi gli aspetti dell’analisi, tutto ciò mentre progetta il lato creativo delle tue campagne sui social media.

7. Leadership

Nel corso del tempo, una piccola presenza sui social media può rapidamente trasformarsi in una redditizia fonte di traffico e lead per la tua azienda. Questo significa assumere, crescere e ridimensionare i tuoi sforzi.

Un social media manager di successo deve essere in grado di assumere un ruolo attivo e produrre i contenuti sui social media da solo. Ma man mano che le tue campagne crescono, devi anche essere in grado di fare un passo indietro e delegare compiti ad altre persone.

Ciò significa capire la sistematizzazione e sapere come creare processi che altre persone possano seguire. Significa anche essere in grado di eseguire una strategia di immagine generale, gestendo al contempo i dettagli più fini della tua campagna in modo efficace.

Infine, significa essere in grado di tenere informato il management dei risultati delle tue campagne sia a breve che a lungo termine.

8. Servizio clienti/gestione della community

I social media sono il canale principale a cui le persone si affidano per l’assistenza clienti ma solo il 21% delle aziende utilizza i social media per questo. Ciò significa che c’è un’enorme opportunità per fornire esperienze di servizio clienti soddisfacente.

È importante per i social media manager avere capacità di conversazione ed empatia per aiutare i clienti sui social media, in quanto essi rappresenteranno l’azienda sui social media e sarà la persona che risponderà ad almeno alcuni dei messaggi che il tuo brand riceve su piattaforme come Twitter e Facebook.

Conclusione

Queste 8 skills ti aiuteranno a diventare un efficace social media manager e una parte preziosa della tua azienda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *