Condividi, , Google Plus, Pinterest,

Stampa

Posted in:

Recensioni su Google + e come lasciarle in modo anonimo

Tutti abbiamo almeno una volta lasciato una recensione ad un’azienda su Google: ma come farlo in modo anonimo?

© by La Repubblica

Come fare recensioni su Google+ e YouTube in maniera anonima

Tutti noi sappiamo che le recensioni sono la miglior pubblicità esistente, anche e soprattutto per chi vende servizi e prodotti online e vuole validare la propria reputazione oltre che dimostrare la bontà del prodotto e servizio offerto.

Pubblicare recensioni con un profilo Google+ è inoltre un vantaggio per l’azienda, in quanto chiunque pubblica può essere identificato e sono quindi meglio gestibili anche le recensioni negative.

Vi sarete certamente domandati come si possa anche fare recensioni su Google+ e YouTube in maniera anonima e qui possiamo confermarvi che è al 100% possibile. E’ sufficiente lasciare la propria recensione – sia per renderla anonima in Google+ sia su YouTube – da sloggati in modo che Google non possa riconoscere il profilo di chi scrive.

 

La guida passo a passo: come dare recensioni anonime con Google+ Local

  1. Andare sul proprio profilo Google+ e cliccare su Crea Pagina, selezionando tra le opzioni disponibili la funzionalità “Altro”. Potete nominare il vostro account come volete ma suggeriamo di scegliere nomi indicativi come “Anonimo” o “Utente Google”.
  2. A questo punto cliccate su continua e arriverete alla Dashboard della Pagina in cui potrete trovare come nome della Pagina la vostra dicitura “Anonimo”
  3. A questo punto potete lasciare recensioni anonime su Google Plus switchando al bisogno dal vostro profilo Google ufficiale al profilo Fake, cliccando sull’immagine del profilo in alto a destra e selezionando il profilo dal menù a tendina che si apre sotto.
  4. A questo punto selezionando la matita potrete scrivere la vostra recensione anonima sulla pagina dell’azienda che vi interessa.

Naturalmente non siamo sicuri se Google abbia un algoritmo per identificare anche gli account anonimi e ovviamente non vi stiamo suggerendo delle attività e dei comportamenti da spammer che violerebbero le linee guida di Google: quanto l’articolo vuole avere solo lo scopo di approfondimento su una domanda che spesso ci viene fatta.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *