Quali sono le strategie per creare un sito e-commerce di successo

0
64
e-commerce

Da ormai qualche anno con l’avvento di grandi multinazionali, ma anche con l’approdare di tante imprese italiane nel mondo web è esplosa la mania degli e-commerce. Questa mania, che ormai è una realtà più che consolidata, trasporta i tradizionali negozi fisici online, rendendoli fruibili a una potenziale platea di milione di utenti.

Tuttavia, così come nei negozi tradizionali non è sufficiente aprire la propria vetrina per iniziare a vendere, anche per gli e-commerce è importante mettere in atto un’articolata strategia, composta di tanti step più o meno complicati per migliorare e rendere la nostra attività un successo.

In questo articolo vedremo in modo veloce, ma esauriente, come creare un sito e-commerce che funzioni e che generi per voi e la vostra famiglia un profitto considerevole. Un e-commerce che vi permetterà di vivere e magari ampliare ancora di più i vostri progetti di vita e professionali.

L’importanza del catalogo prodotti

Prima di scendere nel dettaglio di particolari tecnicismi più o meno complicati da spiegare e da comprendere soprattutto per i neofiti dell’ambito, iniziamo davvero dalle basi di ogni buon e-commerce che come sempre ha molte affinità con i negozi fisici tradizionali.

Infatti come per una normale negozio, anche un e-commerce non potrà mai fare abbastanza strada se non ha un vasto catalogo di prodotti. Sebbene un articolo possa andare bene, nessuna realtà imprenditoriale che voglia essere un e-commerce può basarsi esclusivamente su una manciata di articoli.

Ogni e-commerce deve infatti avere un numero di articoli e prodotti venduti che deve rientrare nell’ordine di migliaia di unità, meglio se di più. Questo, oltre ovviamente a fornire un’offerta importante per il nostro cliente, sarà anche una formidabile arma di indicizzazione del nostro sito nei motori di ricerca, avendo migliaia di pagine che potenzialmente si indicizzeranno bene per le keyword prescelte.

Ottimizzazione SEO

Il discorso appena accennato in precedenza apre le porte di un complesso lavoro che vede spesso alle proprie spalle team di esperti e professionisti. L’ottimizzazione SEO infatti riguarda tutte quelle pratiche da mettere in campo per consentire al nostro sito, in questo caso un e-commerce, di apparire in altro nelle ricerche di un motore di ricerca.

Tutti noi sappiamo quanto sia importante apparire tra i primi risultati di Google e per farlo occorre professionalità e strategia. Il catalogo ampio è uno degli step di una più complessa opera di ottimizzazione che generalmente si divide in:

  • Individuazione delle keyword legate al progetto.
  • Ottimizzazione delle singole pagine web.
  • Link building.

Questi tre sono solo i principali step del lavoro di ottimizzazione SEO e che si articolano in molti altri lavori secondari ma di equivalente importanza.

Ottimizzazione per mobile

Anche questa area generalmente fa parte di un’ottimizzazione SEO, ma ci teniamo a dedicargli una sezione apposita, soprattutto tenendo conto di quanto ormai importante e vitale stia divenendo questo settore.

Oggi giorno ormai, la gran parte delle ricerche online e i conseguenti acquisti vengono fatti via mobile, ovvero via smartphone, se ancora non siamo stati chiari via telefono. Per questo motivo un sito deve essere pensato anche nell’ottica della visualizzazione via telefono.

Un sito infatti può essere splendido dal vostro computer con schermo da 24 pollici, ma apparire completamente confuso e inutilizzabile attraverso i più comuni smartphone.

Ogni creatore di siti dunque dovrà tenere in conto delle varie versioni che il proprio sito dovrà adottare per consentire a tutti gli utenti di utilizzarlo in facilità.

Alcuni esempi molto pratici di ottimizzazione per mobile sono:

  • Rimozione delle immagini pesanti o grandi. Ogni immagine caricata da un telefono è un elemento che rallenta l’esperienza dell’utente rischiando di perderlo o peggio infastidirlo.
  • Verificare che tutti i link e tasti siano cliccabili. Spesso nelle versioni da mobili avvengono delle sovrapposizioni tra elementi rendendo magari inutilizzabili alcuni tasti specifici che potrebbero essere vitali per il corretto funzionamento dell’utilizzo.
  • Prevedere una versione scura. Molti siti ormai hanno due modalità, due colorazioni, una scura e una chiara. Considerato quanti utenti utilizzino il telefono la notte o al buio, avere un tema colori scuri potrebbe essere molto utile.

Non trascurare i social

Infine, in questa guida al perfetto e-commerce, vogliamo dare il giusto peso ad un elemento spesso sottovalutato dalle aziende poco lungimiranti, ovvero i social media. Ogni azienda ormai ha i proprio account su Facebook, Instagram, Twitter, Linkedin e via discorrendo. Avere questi account è importante, ma ancora più importante è mantenerli attivi come può aiutarvi a fare un agenzia web quale Drinking Media.

Se gli account non sono attivi e dunque vuoti sono una pessima pubblicità per l’azienda, in quanto comunica una poca attenzione ai dettagli e alla comunicazione con i clienti. È infatti comprovato che sono tantissimi gli utenti che, prima di fare qualsiasi acquisto, controllano cosa posta l’azienda sui proprio social network, prediligendo aziende che abbiano un corposo e continuo piano editoriale.