Condividi, , Google Plus, Pinterest,

Stampa

Posted in:

Pubblicità P&G: la sfida sull’inclusività

Pubblicità P&G: da oggi fruibile anche per i non vedenti

La pubblicità P&G sta rivoluzionando il suo modo di comunicare ed essere fruibile, con “la maggior parte dei suoi annunci”, ora adattata anche a persone non vedenti.

La compagnia di beni di consumo dice che è in continuo sviluppo per mettere la diversità e l’inclusività al centro della loro attività, ma ha iniziato da appena un anno ad implementare alcune modifiche alla sua pubblicità per riflettere questa scelta.

Queste modifiche includono l’aggiunta di descrizioni audio agli annunci, che vedono una narrazione audio collocata in cima al contenuto per descrivere ciò che viene mostrato.

La modifica è stata decisa dopo che Sam Latif, una consulente speciale del design inclusivo, ha cominciato a lavorare sull’inclusione di P&G da due anni, con l’obiettivo di assicurare che il maggior numero di persone possa vedere e comprendere realmente le pubblicità P&G.

Anche Latif è non vedente e lavora con P&G da 17 anni e lavora a stretto contatto con un gruppo che presenta disabilità, per fare in modo da migliorare la comunicazione del brand.

“I sottotitoli sono qualcosa che P&G ha introdotto 10 anni fa, ma solo l’anno scorso abbiamo deciso di rendere la nostra pubblicità più aperta a tutti con le descrizioni audio, che aiutano due milioni di consumatori non vedenti  britannici a godere dei nostri annunci“, ha affermato in un’intervista.

“Lo scorso settembre è stata la prima volta che ho visto la nostra pubblicità “Flash”(vedi sopra), attraverso la quale ho sentito la canzone Flash by Queen. Quello che non sai, se sei cieco, è che il cantante è un cane. Solo quando ho visto la descrizione audio ho capito veramente l’annuncio e l’umorismo. Completa l’immagine e la rende molto più significativa per le persone “.

Latif afferma che molte delle sue pubblicità sono ora più fruibili per i consumatori non vedenti, ma ammette che alcune pubblicità non sono in grado di includere le descrizione audio a causa delle loro linee narrative.

P&G è anche desideroso di sfatare i falsi miti riguardo al costo e alla complessità per rendere la pubblicità più inclusiva, mentre Latif afferma che entrambe le questioni sono “una non sfida”: al contrario, i brand dovrebbero mettersi nei panni dei propri consumatori, anche se con disabilità, per fare in modo che il messaggio possa essere fruito anche da coloro che non vedono o non sentono.

“Una cosa che è stata ben accolta è la sfida sulla disabilità. Persone di tutti i livelli possono provare ad interagire con i prodotti e la pubblicità per vedere cosa si prova quando si è non vedenti oppure non si riesce a sentire. Quando metti le persone in questa posizione, si crea empatia e azione – e hai bisogno di entrambi. La diversità e l’inclusività sono diventate sempre più importanti nelle agende delle aziende negli ultimi anni. Per gli altri che vogliono fare la differenza, l’assunzione di lavoratori disabili è fondamentale. In P&G assumiamo persone che riflettono la diversità dei clienti che acquistano i nostri prodotti. Abbiamo preso la mia esperienza come mamma non vedente, consumatore e impiegata, e l’abbiamo trasformata in azione e in qualcosa che non solo aiuta me ma anche due milioni di consumatori “dice Latif.

Fonte articolo: Marketing Week

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *