Marketing Natalizio: lo studio di Verizon Media

0
596
marketing natalizio

Marketing Natalizio: lo studio di Verizon Media sugli acquisti durante le prossime festività e consigli su come promozionare il brand

Bentrovati su Pop Up Mag, il sito dedicato al marketing e alla comunicazione digitale. Per il post di oggi vogliamo parlarvi dello studio di mercato proposto da Verizon Media e dedicato al Natale 2020, e nello specifico al Marketing Natalizio. Infatti vedremo insieme quali sono i principali trend relativi agli acquisti durante le prossime festività e quelli relativi alla promozione del marchio in questo periodo, grazie a uno studio condotto dal brand su 7 paesi europei, tra cui l’Italia, e riportato anche dal sito Brand News.

Buon proseguimento su Pop Up Mag!

Lo studio Verizon Media sulle prossime festività natalizie

Come anticipato nella nostra breve intro, lo studio di Verizon Media sul prossimo Natale è stato effettuato su un campione di popolazione di circa 12.000 persone, proveniente da 7 paesi europei (Italia, Francia, Germania, Svezia, Danimarca, Spagna e Regno Unito). Gli studi e le ricerche condotti dall’impresa si sono posti l’obiettivo di indagare il trend relativo agli acquisti in questo periodo dell’anno e sulla promozione dei brand.

Dallo studio emerge, forse con un pizzico di sorpresa, che il 57% del campione italiano spenderà di più o comunque la stessa cifra spesa per i regali negli anni precedenti pre-covid. Infatti, le previsioni sulle vendite ci dicono che gli italiani non baderanno a spese: del 57% degli italiani di questa fascia di pubblico, il 12% aumenterà addirittura la cifra investita per le prossime festività, forse per scacciare quest’anno infausto.

Infine il 43% degli intervistati, invece, spenderà di meno, o cercherà di risparmiare quanto più possibile in vista di tempi migliori.

Shopping natalizio: come cambiano le abitudini degli italiani

Gli italiani, come anche il resto della popolazione europea quest’anno (in linea con gli altri anni), ha deciso di anticipare l’acquisto dei regali: il 34% degli acquisti infatti avviene prima o in concomitanza di Black Friday o Cyber Monday, dove si concentrano il 21% di tutte le vendite legate alla Tecnologia.

Quest’anno, senza viaggi e festeggiamenti di lusso, il budget si concentrerà maggiormente sull’acquisto di prodotti dedicati al settore Tech. Poi il 42% degli italiani ha dichiarato di voler restare vicino casa, con amici più stretti e famiglia.

Le abitudini di acquisto degli italiani poi cambiano: se i negozi al dettaglio sono preferiti per gli acquisti di generi alimentari (70%), per i regali si opterà per gli acquisti online. Guardando ai regali natalizi, emerge infatti che il 50% è incline a comprarli online, il 27% si rivolgerà sia all’online sia ai negozi tradizionali, il rimanente 23% farà acquisti esclusivamente nei negozi fisici.

Per quanto riguarda l’abbigliamento per le feste, sia per Natale che per Capodanno, il 46% degli intervistati rinnoverà il guardaroba online, il 25% utilizzerà entrambi i canali, mentre solo il 29% delle persone intervistate sceglierà i capi da acquistare esclusivamente nei negozi fisici.

Se invece ci spostiamo in là di qualche giorno, per il cenone di Capodanno si rispetteranno i canoni che vogliono l’acquisto in negozio fisico come opzione preferita, anche per un rapporto di maggiore fiducia con il rivenditore abituale (negozio fisico o supermarket).

Promozione brand durante le feste: più digitale e con un messaggio positivo

Come sarà la pubblicità e il marketing natalizio di quest’anno?

La domanda è d’obbligo, e la risposta sta tutta nel canale e nel messaggio. Il Xmas Study di Verizon Media fa emergere due elementi fondamentali che si distingueranno quest’anno.

  • Canale: il web in tutte le sue sfaccettature (social media, SEO, campagne a pagamento su Google) sarà la principale fonte di promozione dei brand;
  • Messaggio: quest’anno gli italiani vogliono campagne promozionali incentrate sulla positività (il 37% degli intervistati) e la speranza di un prossimo futuro migliore, magari senza il virus, mentre ben il 69% nel range di età che varia dai 18 ai 24 anni vuole invece una campagna dedita al libero sfogo di creatività e innovazione;

In relazione ai formati pubblicitari da adottare, si otterrà il 38% in più di associazioni positive con i brand, mentre i formati native con il countdown fa sì che l’80% degli utenti si senta invogliato ad acquistare più rapidamente.

Sicuramente i Dynamic Products ads aumentano l’intenzione di acquisto: il 34% degli utenti che visualizza un Dynamic Product Adv da mobile afferma di essere più propenso all’acquisto del prodotto/servizio (Fonte: Back to school Verizon Media).

Ma attenzione alle brand stories: è rappresentato dal 70% il tasso medio di completamento della story, il 58% il tasso di interazione e le brand stories hanno una durata media di 54 secondi. Quindi un ottimo modo anche di far conoscere il prodotto/servizio durante questo periodo, con campagne sviluppate dal brand con o senza l’ausilio degli influencer. Attenzione poi alla realtà aumentata nella pubblicità.

Christina Lundari, general manager Verizon Media Italia, afferma:

“Secondo alcuni studi effettuati recentemente sulla brand effectiveness, la realtà aumentata, ora disponibile su larga scala grazie alla WebAR, consente ai brand di ottenere il 37% in più di brand awareness, un tasso di interazione doppio e un coinvolgimento medio di 2 minuti. La strategia di pianificazione che riteniamo vincente e che consigliamo ai nostri clienti è la seguente: Dynamic Product Ads per intercettare un consumatore ancora in fase esplorativa; Brand Stories/Video Native a cui consigliamo di abbinare Ad in Realtà Aumentata per spingere all’acquisto un utente già entrato in contatto con il prodotto o il brand, e specificamente per gli eventi quali il Black Friday e Cyber Monday, suggeriamo una strategia native affiancata al formato Countdown Ad”.

Conclusioni

Il Marketing Natalizio quest’anno sarà quasi tutto rivolto verso i canali digitali, con un pubblico più incline ad acquisti online e sempre meno concentrato sull’acquisto tradizionale, viste anche le restrizioni imposte quest’anno dal virus.

Il nostro staff è sicuro che il trend proposto dallo studio di Verizon proseguirà negli anni avvenire. Siamo di fronte alla rivoluzione digitale tanto auspicata dai web marketer di mezzo mondo.