Come potrebbe essere utilizzato Clubhouse ai fini del Marketing?

0
449
download clubhouse

Come potrebbe essere utilizzato Clubhouse ai fini del Marketing? Lo vediamo in questo post di Pop Up

Bentrovati su Pop Up Mag, il sito dedicato a marketing e digital, dove trovare tutte le ultime news su questi topic. Per il post di oggi torniamo a parlarvi di Clubhouse, cercando di individuarne, con l’aiuto anche dell’interessante approfondimento a cura di Social Media Today, le potenzialità di Marketing insite nel nuovo social che sta facendo breccia nel cuore degli appassionati di social media.

Benvenuti su Pop Up Mag!

Clubhouse, il social solo audio

Come abbiamo già visto in precedenza, Clubhouse è il nuovo social dedicato esclusivamente alle conversazioni audio, che in poco tempo ha conquistato una bella fetta di utenti, che si sono iscritti al social mediante invito da un utente già iscritto.

In questo social è possibile partecipare alle discussioni tra utenti intorno ad un determinato tema, mediante l’ingresso in stanze tematiche. Solitamente ogni stanza ha un suo moderatore e si può solo ascoltare la discussione. Solo su approvazione si può eventualmente intervenire per dire la propria.

Gli ultimi ingressi di Mark Zuckerberg ed Elon Musk segnano evidentemente un punto a favore della strategia social di Clubhouse, sotto osservazione degli esperti di Social Media Marketing. Si dice già di una possibile funzione in duplicato da parte della stessa Facebook, e in molti si chiedono come utilizzare Clubhouse al fine di aumentare il numero dei propri clienti.

Cerchiamo di individuare quindi quelli che sono i potenziali usi legati a questa piattaforma, con specifico riferimento al Marketing.

Potenziale di Marketing di Clubhouse

Sempre aiutandoci con il post di Social Media Today, cerchiamo ora di capire qual è il potenziale di marketing dell’applicazione social.

In questo momento, Clubhouse ha mostrato un potenziale significativo per aumentare gli utenti e il pubblico all’interno della tua nicchia di mercato.

Social Media Examiner osserva che alcuni avvocati, ad esempio, sono stati in grado di attirare nuovi clienti tramite Clubhouse, condividendo la loro esperienza all’interno di stanze dedicate, mentre i marchi hanno persino iniziato a sponsorizzare alcune discussioni di Clubhouse e condividere approfondimenti aziendali all’interno dell’app.

Quindi un modo di utilizzare il social in chiave Marketing è quello di condividere conoscenze, competenze, ma anche avvicinarsi agli utenti, creando una community di appassionati, mediante la creazione di stanze tematiche e brandizzate.

L’obiettivo potrebbe essere quello di rafforzare la tua presenza e massimizzare la portata del pubblico. Ma non è tutto. Clubhouse afferma infatti che sta anche investendo in diverse nuove opzioni, tra cui abbonamenti, “mance online” e vendita di biglietti per discussioni in-app. Tutti questi strumenti potrebbero avere un potenziale significativo per i singoli creator e le chat del marchio, con le misure di gating aggiuntive che potenzialmente eliminano gli utenti meno coinvolti, mantenendo così le chat più focalizzate sul pubblico giusto per te. E alla fine, siamo sicuri che il social aggiungerà anche opzioni pubblicitarie, come stanze sponsorizzate (come peraltro sta già accadendo). In futuro non abbiamo dubbi che sarà possibile inserire all’interno dell’app anche il marchio, l’url del link, e altre features.

Potrebbe quindi valere la pena tenere sotto-osservazione questo social, magari iniziando a iscriversi per monitorarne così caratteristiche e valori portanti, capirne il funzionamento e individuarne l’uso potenziale per la tua nicchia di mercato.

Conclusioni

Clubhouse ha un potenziale, ma il suo futuro non è certo, quindi è difficile dire se sarà un nuovo tormentone oppure solo un fuoco di paglia, come lo è stato per altri social.

Dipenderà da come il management del brand riuscirà a portare avanti con successo il suo progetto, e come deciderà di muoversi sul fronte pubblicitario. Siamo certi però che l’app è stata preziosa durante la pandemia e potrebbe rappresentare un’ulteriore voce in capitolo per il tuo brand, magari più professionale e personale rispetto ad altri social.