Condividi, , Google Plus, Pinterest,

Stampa

Posted in:

Jack Ma, addio ad Alibaba: “Meglio morire in spiaggia che in ufficio”

jack ma

L’addio di Jack Ma è ufficiale. A subentrargli è Daniel Zhang

Jack Ma si ritirerà da Alibaba. E’ questa probabilmente la novità più importante degli ultimi mesi in campo digitale. Infatti a 55 anni e una vita spesa per far crescere la sua creatura, nata ormai quasi 20 anni fa (era il lontano 1999) oltre che il suo patrimonio personale che ne fanno uno degli uomini più ricchi al mondo, l’imprenditore digitale dice basta. Stop a lavoro, impegni frenetici, ore passate a lavorare ininterrottamente per rendere Alibaba quello che è oggi. Forte di un patrimonio personale di circa 40 miliardi di dollari Jack Ma ha deciso: dal 10 settembre del 2019 non sarà più a capo del colosso Alibaba Group, comprendente tra gli altri anche Taobao e Alipay, quest’ultimo divenuto uno dei sistemi di pagamento digitale più utilizzato dai giovani cinesi per i propri acquisti.

Le spiegazioni del suo gesto in una delle sue frasi più celebri:

Mi ritirerò ancora giovane per godermi la vita come Forrest Gump. Non voglio morire in ufficio, meglio morire in spiaggia, sotto un ombrellone.

Nonostante il suo disimpegno da numero 1 dell’azienda, Ma resterà comunque nel Consiglio d’Amministrazione, lasciando il timone dell’holding a Daniel Zhang, di cui lo stesso Ma ha tessuto spesso le lodi, definendolo uomo di talento e un innovatore.

In una dichiarazione del 2015, Jack Ma ha dichiarato su Daniel Zhang:

La sua mente analitica è senza paragoni, tiene a cuore la nostra missione e visione, affronta le responsabilità con passione, e ha il fegato di innovare e mettere alla prova modelli creativi di business.

Insomma staremo a vedere cosa accadrà allora dal 10 settembre dell’anno venturo. Per adesso ci godremo quest’ultimo anno di Jack Ma. Sempre al massimo, come siamo stati abituati da uno degli uomini più ricchi al mondo. Poi sarà riposo, spiaggia, ombrellone, magari godendosi un pò di più la vita: se l’è meritato non credete?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *