Condividi, , Google Plus, Pinterest,

Stampa

Posted in:

Instagram Stories: raggiunti i 400 milioni di utenti attivi

instagram stories

Instagram Stories: raggiunti i 400 milioni di utenti attivi, superando Snapchat e Facebook

Instagram Stories diventa uno dei servizi più utilizzati dagli utenti, soprattutto giovani e giovanissimi. Infatti, in poco tempo, il servizio è stato utilizzato da tantissimi utenti per raccontare i momenti più significativi della propria giornata. Nello specifico Instagram ha fatto notare che Instagram Stories ora ha più di 400 milioni di utenti attivi ogni giorno, rispetto ai 300 milioni all’ultimo rapporto datato novembre dello scorso anno.

Il nuovo traguardo sottolinea ulteriormente il dominio dell’azienda di Zuckerberg sul formato Storie, che è stato inventato da Snapchat. Sia Instagram che WhatsApp oltre che Facebook stanno crescendo molto più velocemente di Snapchat, che invece si ferma alla cifra sottostante di 191 milioni di utenti attivi al giorno, che indica l’intera base di utenti dell’app, non solo l’utilizzo delle stories.

instagram stories

Durante la loro recente conferenza, diversi dirigenti di Facebook hanno notato che le storie sono sulla buona strada per superare il News Feed come il principale mezzo di condivisione sociale. Un importante cambiamento che influenzerà il modo in cui gli utenti interagiscono con tutti i social network. Ciò significa che Facebook ha ora più di un miliardo di utenti giornalieri nelle sue varie opzioni.

Se non hai considerato in che modo la tua azienda può utilizzare il formato Stories nei tuoi sforzi di marketing sui social media, è probabile che valga la pena di pensarci, dato che sempre più persone sono più in sintonia con il layout e lo stile delle Storie, e le loro aspettative sui contenuti stanno cambiando.

In definitiva occorre dire che l’azienda di Zuckerberg, attraverso il formato Stories è riuscita a guadagnare il consenso dei più giovani, che sono coloro che usano di più questo servizio. Da parte di Snapchat invece vi è la consapevolezza che forse avrebbe dovuto cedere la tecnologia quando ci fu l’offerta miliardaria per l’acquisizione del servizio, che successivamente è stato copiato e addirittura migliorato dal suo concorrente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *