Google Update Marzo 2024: il nuovo e importante aggiornamento

0
366
google eat

Google Update Marzo 2024: il nuovo e importante aggiornamento di Big G, nel post di Pop Up

Anche il 2024 si preannuncia ricco di momenti topici sul fronte SEO. Notizia di poco fa è il rilascio, da parte di Google, del nuovo Update di Marzo 2024. Big G, con questo nuovo aggiornamento, dichiara ancora una volta guerra allo spam e alle pratiche scorrette da parte dei SEO, mentre, al contrario, i contenuti che aiutano gli utenti a trovare ciò che vogliono saranno ancora più valorizzati in serp.

Come dichiarato dallo stesso Chris Nelson di Google:

“un aggiornamento più complesso dei nostri soliti aggiornamenti principali”

Quali sono le principali caratteristiche del core update di Google del mese di marzo 2024? Vediamole insieme.

L’obiettivo primario è quello di rendere meno efficaci le strategie dei SEO professionisti sui siti (si calcola che i contenuti provenienti da questo genere di pagine si ridurranno in serp del 40% rispetto ad oggi).

Come si apprende da Search Engine Land, Google ha affermato che questo aggiornamento ha perfezionato il modo in cui comprende quali pagine web sono:

“inutili, hanno una scarsa esperienza utente o sembrano create per i motori di ricerca invece che per le persone”.

Ciò “potrebbe includere i siti creati principalmente per soddisfare query di ricerca molto specifiche”, ha aggiunto Google.

Prima di tutto, questo nuovo aggiornamento di Google renderà core tutti gli aggiornamenti dedicati ai famosi Helpful Content, prima relegati ad aggiornamenti di contenuti utili. Questo a dimostrazione della loro importanza crescente nelle gerarchie di Google.

Altro aspetto cruciale dell’aggiornamento Google di marzo 2024 riguarda lo spam.

L’update antispam di marzo 2024 e gli aggiornamenti alle politiche antispam andranno in vigore già in settimana. In questo caso, ad essere considerati spam, è qualsiasi metodo di produzione di contenuti su larga scala al solo scopo di classificarsi in serp. Ad essere colpite sono, ad esempio, le pagine che iniziano affermando che risponderanno alla tua domanda, ti guideranno con contenuti di bassa qualità e non finiranno mai per darti la risposta alle tue domande.

Ad essere considerati spam anche i contenuti provenienti dai cosiddetti “siti recuperati”, ossia quelli scaduti ma con un buon profilo backlink e rimessi online con il solo scopo di creare pagine per la ricerca con contenuti di scarso livello.

Spam anche per i pubbliredazionali o advertorial, che sono quei contenuti pubblicati su siti di terze parti e con un buon livello di authority, per sfruttare questa loro autorità a fini di posizionamento sui motori di ricerca per il proprio brand.

Google afferma che ha iniziato ad intraprendere le azioni ad hoc per queste casistiche, e inizierà ad avvertire su questa nuova politica e ad intraprendere azioni automatizzate e manuali entro due mesi.

Il completamento dell’aggiornamento principale di marzo 2024 potrebbe richiedere, in generale, fino ad un mese. Questo perchè si tratta di un grosso aggiornamento, che conterrà più aggiornamenti al suo interno.

Siamo di fronte ad un Armageddon per molti siti? Staremo a vedere. Quello che è sicuro è che Google ha iniziato a fare sul serio e ne vedremo delle belle da qui in avanti. Alla prossima con le ultime notizie sul fronte SEO, a cura di Pop Up!