Festa della Donna: l’iniziativa di TheFork e Identità Golose, in favore della parità di genere

0
163
thefork 8 marzo

Festa della Donna: l’iniziativa di TheFork e Identità Golose in favore della parità di genere, nel post a cura di Pop Up

Oggi, 8 marzo, si festeggia la Festa della Donna. Una giornata simbolica ma allo stesso tempo mai più sentita come ora, per via dei tanti fatti di cronaca legati alla violenza di genere e alle tante-troppe disparità. Anche nel campo della ristorazione le cose non vanno per il verso giusto ed esiste ancora tanta differenza tra uomini e donne: in Italia, sono 110.806 le imprese italiane del settore gestite da donne (28,2%) e solo il 10% delle Chef si trova in posizioni di leadership. Un gap, quindi, ancora molto profondo, che si ripete anche per quanto riguarda la presenza di chef donne sui media e i premi assegnati dai player del settore.
Per combattere la differenza di genere nel settore food, il marchio TheFork, insieme ad Identità Golose, ha raccolto le testimonianze di due protagoniste della cucina contemporanea, ossia Cristina Bowerman e Xin Ge Liu. Le due protagoniste, per l’occasione, cucinano insieme e si raccontano, ponendosi come fonte d’ispirazione per le donne chef. E le loro storie sono davvero interessanti: la Bowerman è stata la prima donna ad ottenere una stella Michelin a Roma per il suo ristorante Glass Hostaria. La chef è anche famosa per il suo spirito progressista e per i suoi messaggi di attivismo; Xin Ge Liu è, invece, originaria della Cina ed è divenuta velocemente uno dei volti nuovi del food grazie ad una visione audace e senza compromessi, che la portano a guidare con successo il suo ristorante Il Gusto di Xinge di Firenze. La Liu ha guadagnato fama e popolarità per il suo utilizzo creativo degli ingredienti, generando un melting pot di influenze culturali diverse.
La Chef Bowerman ha così dichiarato:
“Nel nostro settore, come in molti altri, il divario di genere è una realtà. Personalmente, mi sono ritrovata spesso ad essere l’unica donna all’interno di gruppi prevalentemente composti da uomini. C’è ancora ritrosia a conferire determinati ruoli alle donne, specialmente se sono di grande responsabilità. Ho dedicato la mia carriera ad affrontare le radici profonde di questa condizione oggettiva. Il femminismo, sia culturalmente che socialmente, dovrebbe essere considerato come un movimento che lotta per la parità di genere, garantendo agli individui, indipendentemente dal genere, gli stessi diritti e le stesse opportunità. E se questa parità non c’è, come spesso accade, beh, allora si combatte per averla. Da attivista, ad esempio, ho aiutato ad organizzare il Parabere Forum di Roma che, grazie ad un database di oltre 8.000 contatti di lavoratrici, incoraggia e facilita l’assunzione di donne nel settore della ristorazione”.
Xin Ge Liu, ha poi aggiunto:
“Sono una sognatrice, mamma e cuoca. Cosa significa per me essere una chef donna? Non vedo alcuna differenza tra un cuoco uomo o donna, o perlomeno, non ci dovrebbe essere. Ho sempre avuto il sogno di uscire dalla Cina e visitare il mondo e, guarda caso, chi mi ha supportata in questa mia sfida è proprio una figura femminile: mia nonna. Pur non essendo mai uscita dal suo Paese, mi ha sempre detto “se tu hai questo sogno, vai a prendertelo”. È grazie a lei se oggi sono qua.”
Qui di seguito il video di questa collaborazione imperdibile:

Se è vero che la disparità di genere è ancora marcata, nonostante anni di lotte, iniziative come questa sono sempre foriere di ispirazione e voglia di cambiare le cose. Complimenti a tutti i protagonisti in gioco e alla prossima da Pop Up: buona Festa della Donna a tutte!