Euro 2020: Italia campione anche sui social media

0
201
euro 2020 social

Euro 2020: Italia campione anche sui social media nella serata di Wembley

L’Italia diventa campione d’Europa per la seconda volta nella sua storia. Batte ai rigori l’Inghilterra a Wembley e bissa il successo datato 1968. L’edizione di Euro 2020 è stata molto particolare: giocata in ritardo di un anno causa covid-19, un torneo itinerante in giro per diverse città europee con capienza di pubblico ridotta ma con la massiccia presenza sui diversi social media, che hanno tenuto compagnia le serate europee di milioni di appassionati. Se, infatti, è stata la prima edizione sponsorizzata da un social medium, TikTok, per tutta la durata del torneo sono stati tantissimi i post e le discussioni intorno al tema “Europei di calcio”. Dall’inaugurazione al caso Eriksen, dalle prime eliminazioni eccellenti fino al cammino della finale, sono stati tanti i topics trattati dai football addicted. E anche questa finale non ha deluso le aspettative social di tutti noi, con Italia-Inghilterra entrata nella storia come una delle finali più discusse nelle reti sociali.

Vediamo insieme alcuni dati legati alla finale di Wembley, che ha visto gli azzurri di Mancini trionfare ai rigori contro gli uomini di sua Regina. Il sito Digitalic.it nel suo post ci elenca i principali dati legati alla gara di ieri, tratti dal software legato alla social Intelligence, TalkWalker. Da questi dati emerge come la finale sia stata dibattuta più volte.

Se consideriamo solamente gli hashtag #ItaEng, #ItaliaInghilterra, #ItalyEngland, #Euro2020Final, arriviamo a 1,8 milioni di discussioni con 8 milioni di engagement e 132 miliardi di reach. Dati pazzeschi che rendono l’idea di come i social facciano da “cronisti” in tempo reale di ciò accade nel mondo, anche quindi in quello sportivo. Come si poteva attendere, la partecipazione social ha riguardato soprattutto Gen. Z e Millennials, con una buona partecipazione femminile (il 44,9%).

Ovviamente, l’eco della vittoria azzurra risuona in tutto il paese. Circa il 30% delle discussioni della finale sugli hashtag elencati, risulta essere stato composto in Italia contro il 10,3% del Regno Unito, che ovviamente non ha preso bene gli errori dal dischetto dei suoi calciatori. Risuona poi l’eco social della finale anche negli USA con questo tema trattato da più del 19% del totale.

Conclusioni

L’Italia di Mancini ha dimostrato di essere una macchina perfettamente oliata, fatta da calciatori che sanno soffrire e che al tempo stesso non hanno paura di giocare una finale contro uno stadio intero e tirare un calcio di rigore decisivo. Sui social invece emerge la voglia di riscatto di un popolo intero, pronto a gioire e far festa, anche come sfogo giustificato legato a 1 anno e mezzo molto difficile, che ha costretto tanti a enormi sacrifici e perdite, anche umane. Viva l’Italia dei social che esulta e fa festa..sempre possibilmente con mascherina e stando attenti a tutte le misure anti-covid: forza Italia!