Cristina Skarabot: intervista alla Web Marketer Italiana

0
347
cristina skarabot

Bentrovati su Pop Up Mag, il sito dedicato a marketing e comunicazione digitale. Per il post di oggi vogliamo presentarvi Cristina Skarabot, che in molti di voi già conoscono poiché è una delle anime pulsanti del nostro magazine, oltre che un’apprezzata Web Marketer Italiana.

Con lei andremo ad indagare su una serie di temi legati al Marketing Digitale e al suo lavoro: buona lettura a tutti!

Ciao Cristina, parlami di te e del tuo lavoro.. 

Ciao a tutti i lettori di PopUp Mag, sono Cristina Skarabot e posso dire, per quel che riguarda il mio lavoro, di aver trasformato una passione in una professione. Dopo diverse esperienze in azienda, sempre in ambito ufficio stampa e Digital Marketing tra il Friuli Venezia Giulia e Milano, ho deciso di rientrare nella mia città, Gorizia.

Qui ha aperto il primo sito web cristinaskarabot.com, che nel 2015 ha dato inizio alla mia attività di libera professionista nel mondo, affascinante e complesso, del Content Marketing. Da un semplice blog gratuito su WordPress sono arrivate le prime collaborazioni, che mi hanno portato ad aprire il mio sito ufficiale, Comunicare Social Media.

Si tratta di un nome che rende immediatamente evidente solo una parte del mio lavoro, ossia la comunicazione sui social media, dato che oggi il 90% del mio tempo trascorre nella redazione di contenuti per blog e siti web. Ad oggi seguo una moltitudine di progetti per diverse agenzie di web marketing oltre ad avere i miei clienti diretti e, dal 2018, a collaborare con Lezione Online, con la creazione di numerosi video corsi in Content Marketing.

Tanto lavoro, ma anche tante soddisfazioni, non solo economiche. Essere un professionista del web significa entrare in contatto con persone sempre nuove e argomenti sempre diversi, arricchendo il proprio bagaglio culturale.

Comunicazione aziendale: perchè è importante farla bene e quali sono i canali oggi più utilizzati?

“Comunico ergo sum”: si potrebbe riassumere così l’importanza della comunicazione aziendale, parafrasando la storica frase “Cogito ergo sum”. Oggi l’azienda che non comunica online non è presente, in poche parole non esiste agli occhi dei clienti e potenziali tali. Anche comunicare troppo e male, tuttavia, è sbagliato.

Il mio consiglio nel fare comunicazione aziendale è quello di individuare quali sono i canali davvero efficaci e non solo quelli più utilizzati.

Un esempio?

Non ha senso essere presenti su TikTok se ci si rivolge a un pubblico non di giovanissimi o usare Twitter se si hanno poche novità da comunicare. Ogni canale, ogni social medium, ogni strumento ha caratteristiche tipiche e il vero professionista di Web Marketing è colui che sa comunicare l’azienda con gli strumenti giusti, per essere presenti al momento giusto, nel posto giusto e davanti agli occhi del pubblico giusto.

Canali digital vs media tradizionali: differenze e punti d’incontro 

Fare Comunicazione Aziendale significa unire i canali digitali e i media tradizionali, dato che uno non esclude l’altro. Sicuramente sui media tradizionali il consumatore è passivo e, in un certo senso, subisce la comunicazione, mentre sui media digitali l’utente è il vero protagonista. Siti web, blog e social media permettono alla persona di interagire con l’azienda e creare una relazione stabile e duratura.

Relazioni, fiducia, empatia sono il punto d’incontro che deve, o quantomeno dovrebbe, caratterizzare la comunicazione online e offline, per dar vita a un nuovo rapporto tra aziende e clienti.

Blogging: quali consigli ti senti di dare a coloro che scrivono sul web, per farlo al top? 

Il consiglio principale che mi sento di dare a chi, come me, scrive per il web e cura un blog, è quello di mettere al centro della sua attività di comunicazione l’utente, il lettore, il potenziale cliente. Solo chi, nei suoi articoli, dà le risposte a problemi ed esigenze reali diventa davvero interessante.

Fare blogging significa proprio questo: creare contenuti che rendono il blogger una persona piacevole da leggere e che lo rendono un punto di riferimento in un determinato settore di business.

Scegli la tua nicchia, individua il tuo lettore ideale, comprendi le sue esigenze e poi scrivi… col tempo troverai i contenuti migliori per catturare l’attenzione e posizionarti da protagonista sui motori di ricerca.

Content Marketing Manager: perchè è importante in azienda e quali sono le qualità professionali/umane che esso deve possedere per fare il suo lavoro al meglio? 

Curioso, intraprendente, con ottime capacità di scrittura. Il Content Marketing Manager per lavorare nel migliore dei modi possiede sicuramente queste caratteristiche, ma non solo. Un valido professionista conosce le regole alla base degli algoritmi di Google, sa fare SEO, conosce le tecniche di copywriting persuasivo, la psicologia della comunicazione, la sociologia.

Fare il Content Marketing Manager significa possedere capacità di analisi dei dati e di studio del cliente, utili ad aumentare veramente il fatturato aziendale. Chi sa proporre in modo corretto un prodotto o servizio riesce a vendere online, e per questo la figura professionale descritta è oggi presente ed essenziale in ogni azienda.

Vendere online: è davvero così facile come in molti dicono? 

Sì, vendere online è semplice dato che con un breve testo, un video o un’immagine si può raggiungere un pubblico illimitato. Tuttavia, chi vende davvero online è un professionista del Web Marketing che ha studiato e conosce alla perfezione regole e Strategie di Digital Marketing, oltre che saperle applicare al suo prodotto o servizio.

Personalmente mi sono cimentata nella vendita online, non solo dei miei servizi – ad oggi mi contattano clienti dalle diverse regioni d’Italia – ma anche di corsi, con un totale di 192 persone che, in poco più di un anno hanno acquistato i miei video corsi.

È stato facile?

Certo, altrimenti non vi inviterei – se questa è la vostra passione – a trasformare il web in un’opportunità per fare business.

Quali sono le principali difficoltà che un professionista del Content Marketing deve affrontare ancora oggi? 

Non esiste azienda che non disponga di un budget da investire in Content Marketing, dato che per ottenere risultati concreti bastano poche centinaia di euro. Oggi i Content Manager, professionisti che fanno del loro lavoro una missione, chiedono dai 15 ai 70 euro di media ad articolo ottimizzato per la SEO, ma soprattutto per l’utente.

La difficoltà che ancora riscontro nelle aziende risiede nel dare valore al ruolo e alla figura del Content Manager, che all’estero è decisamente più apprezzato.

Quali saranno i prossimi step professionali? Parlaci se vuoi dei tuoi corsi.. 

Chi lavora nel mondo del web non si può fermare mai e, anche se i giorni passano velocemente, la mente viaggia ancora più veloce. Nei prossimi mesi continueranno le collaborazioni storiche con i miei tanti clienti, la redazione di centinaia di articoli e sicuramente nasceranno nuovi corsi per Lezione Online che andranno ad aggiungersi al Corso di Content Marketing, al Corso di Content Marketing per la Moda, al Corso di Content Marketing Alimentare e al Corso di Copywriting Persuasivo.

La vera sfida?

Trovare il tempo per fare tutto. Ed è proprio con l’augurio di trovare sempre il tempo per fare ciò che vi piace davvero che vi saluto. Buon lavoro e buon Content Marketing a tutti!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui